Trump il folle autorizza finalmente la transizione dei poteri

Si tratta del primo riconoscimento ufficiale della sconfitta. Ma continua a fare minacce, evocare teorie della cospirazione, brogli inesistenti e la volontà di proseguire la sua stupida battaglia legale.

0 247 3
0 247 3

(WSC) WASHINGTON – “Continueremo a sostenere la nostra posizione con forza e continueremo la nostra giusta battaglia e alla fine vinceremo. Tuttavia, nell’interesse del Paese ho raccomandato a Emily Murphy di fare quanto è previsto dai protocolli e il mio team farà la stessa cosa”.

Il Presidente uscente USA Donald Trump (che con la sconfitta è passato dai capelli d’oro a grigi, vedi foto sotto) con l’ennesimo tweet annuncia il suo via libera al processo di transizione dei poteri a Joe Biden, che teneva bloccato con i suoi ricorsi contro presunti brogli elettorali.

Si tratta del primo riconoscimento dell’amministrazione USA della sconfitta di Trump pur evocando minacce contro la Murphy e la volontà di proseguire la sua battaglia legale.

Intanto Joe Biden comincia a costruire la squadra di governo. Tra i primi nomi spunta quello del segretario di Stato Anthony Blinken, da venti anni stretto collaboratore di Biden, vice consigliere per la sicurezza nazionale nella seconda amministrazione Obama. L’ex presidente della Fed, Janet Yellen che sarà nominata segretario al Tesoro.

Yellen al Tesoro

“Questa squadra dimostra che l’America è tornata e che riprenderà a lavorare con gli alleati”. E’ quanto ha affermato il presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden presentando gli uomini che nella sua amministrazione guideranno la politica estera e della sicurezza, a cominciare dal futuro segretario di Stato Anthony Blinken.  “Questo non è un terzo mandato Obama”, ha assicurato Biden.

A tre settimane dalle elezioni presidenziali americane il passaggio di poteri tra l’amministrazione uscente e la squadra del presidente eletto può dunque finalmente partire. Il disco verde per l’avvio formale della transizione è arrivato dopo che Donald Trump si è dovuto arrendere all’evidenza e all’impossibilità di poter ribaltare il risultato del voto attraverso la sua offensiva legale.

Usa, dopo il falco estremista Pompeo, al Dipartimento di Stato arriva Blinken

Offensiva condotta negli Stati chiave strappatigli da Biden ed esauritasi finora in un nulla di fatto. Gli ultimi a certificare la vittoria dell’ex braccio destro di Barack Obama il Michigan, la Pennsylvania e il Nevada. Così i mercati brindano alla fine di un’incertezza e di una situazione di stallo che ha di fatto paralizzato la politica americana nel pieno di una devastante pandemia. E Wall Street vola ai massimi di sempre, con il Dow Jones che per la prima volta nella storia supera i 30mila punti.

A innescare il turbo anche la scelta di una figura di altissimo profilo come Janet Yellen per la poltrona di segretario al Tesoro. L’ex numero uno della Fed piace agli investitori non solo per la sua elevatissima professionalità, ma anche perché considerata la persona giusta in un momento in cui va rilanciata l’economia con un’attenzione particolare al mercato del lavoro e all’emergenza disoccupazione. Un aspetto questo che la rende gradita anche alla sinistra del partito democratico.

E, dopo la nomina, il futuro segretario di Stato Anthony Blinken e il futuro consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan sono stati ufficialmente presentati da Biden e dalla sua vice Kamala Harris. Nella squadra anche Avril Haines, la prima donna che guiderà i servizi segreti Usa, Alejandro Mayorkas, il primo ispanico a capo della Homeland Security, Linda Thomas Greenfield, futura ambasciatrice Usa all’Onu, e John Kerry, che assumerà il ruolo di zar del clima. E il ritorno degli Usa nell’accordo di Parigi, ha ribadito Biden, sarà uno dei primi passi della nuova amministrazione.

Ora non c’è più tempo da perdere. All’Inauguration Day del 20 gennaio mancano meno di due mesi e il via libera alla transizione autorizzato dalla responsabile della General Services Administration, Emily Murphy, rende adesso possibile sbloccare i fondi federali necessari per avviare il coordinamento tra i membri del team di Biden e i consiglieri di Donald Trump e per provvedere al passaggio delle consegne.

Un funzionario della Casa Bianca, intanto, ha riferito che Trump ha consentito al presidente eletto Joe Biden di ricevere il briefing quotidiano presidenziale preparato dalla comunità di intelligence della nazione. “La transizione è iniziata”, ha ufficializzato Biden. “Stiamo già partecipando ai briefing, stiamo già avendo avendo delle riunioni di lavoro con il Covid team della Casa Bianca, e stiamo discutendo non solo come distribuire il vaccino ma come renderlo disponibile a tutti”, ha detto nel corso di un’intervista alla Nbc, la prima da presidente eletto.

Il capo dello staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha poi dato istruzioni per avviare il dialogo con i membri del transition team di Biden. Mentre lo sblocco della situazione permetterà all’Fbi e alle altre agenzie federali competenti di avviare i controlli sulle personalità scelte da Biden per ricoprire i vari incarichi della sua amministrazione, quei background check necessari per rilasciare i nulla osta relativi alla sicurezza.

Tag

Scrivi un commento

3 commenti

  1. belfagor

      

    Dow Jones supera per la prima volta quota 30000, e sapere perché? Perché la borsa festeggia l’uscita di scena del ******, che ha fatto più danni di tutti i precedenti presidenti scadenti messi insieme. Sì precedenti presidenti scadenti è voluto (!!!) , solo che scadente qui è un eufemismo. In galera deve andare, come dicono gli americani….lock him up!! Dietro le sbarre!!! 

  2. robyuan

      

    Li vuoi far morir di FAME? Poi loro entrano in politica..certo trump ha mollato. Dal nostro punto di vista quanto valebiden dovremo vederlo. Io credo più importanti i risultati dei senatori. Se la maggioranza  del senato rimarrà repubblicana wallstreet salirà ancora. Perché vedete in borsa si può perdere al massimo il 100 per cento ma si può guadagnare il 1000.

  3. peter pan

      

    A questo punto può solo fare pena. Ma c’è una categoria che invece ringrazia di cuore: Gli studi legali e chi li paga a loro non interessa, a botte di 1000 dollari l’ora…
    Con tutto il rispetto per i legulei del mondo, statene lontano il più possibile!!!