Nouriel Roubini: “L’imminente Grande Depressione degli anni ’20”

Le 10 tendenze che renderanno questo un decennio di disperazione per l'economia globale. La crisi preparerà il terreno a una nuova guerra fredda tra gli Stati Uniti e i suoi rivali - non solo Cina, ma anche Russia, Iran e Corea del Nord.

0 723 0
0 723 0

di Nouriel Roubini

Chairman at Roubini Macro Associates LLC

 

(WSC) New York – Dopo la crisi finanziaria del 2007-2009, gli squilibri e i rischi che pervadono l’economia globale sono stati aggravati da errori di strategia politica. Quindi, piuttosto che affrontare i problemi strutturali che il collasso finanziario e la conseguente recessione hanno rivelato, i governi hanno per lo più preso tempo, creando gravi rischi al ribasso che hanno reso inevitabile un’altra crisi.

E ora che è arrivata, i rischi stanno diventando ancora più acuti.

Sfortunatamente, anche se la Più Grande Recessione porta quest’anno a una debole ripresa a forma di U, una Più Grande Depressione a forma di L seguirà più avanti in questo decennio, a causa di 10 trend minacciosi e pieni di rischi.

Il primo trend riguarda i deficit e i loro corollari di rischi: debiti e defaults.

La risposta politica alla crisi COVID-19 comporta un massiccio aumento dei disavanzi fiscali – dell’ordine del 10% o più del PIL – in un momento in cui i livelli di debito pubblico in molti paesi erano già elevati, se non insostenibili.

Peggio ancora, la perdita di reddito per molte famiglie e imprese significa che anche i livelli del debito del settore privato diventeranno insostenibili, portando potenzialmente a insolvenze di massa e fallimenti. Insieme a livelli crescenti di debito pubblico, tutto ciò assicura una ripresa più anemica di quella seguita alla Grande Recessione dieci anni fa.

Un secondo fattore è la bomba a orologeria demografica nelle economie avanzate.

La crisi del coronavirus mostra che una spesa pubblica molto maggiore deve essere destinata ai sistemi sanitari e che l’assistenza sanitaria universale e altri servizi pubblici rilevanti sono una necessità, non un lusso.

Tuttavia, poiché la maggior parte dei paesi sviluppati ha società che invecchiano, il finanziamento di tali esborsi in futuro renderà ancora più grandi i debiti impliciti già non finanziati di oggi dei sistemi di assistenza sanitaria e previdenziale.

Un terzo problema è il crescente rischio di deflazione.

Oltre a provocare una profonda recessione, la crisi sta anche creando un forte rallentamento dei beni (macchine e capacità non utilizzate) e dei mercati del lavoro (disoccupazione di massa), oltre a determinare un crollo dei prezzi di materie prime come petrolio e metalli industriali. Ciò rende probabile la deflazione del debito, aumentando il rischio di insolvenza.

Economia: arriva una nuova Grande Depressione, peggio degli anni ’30

Un quarto fattore (correlato) sarà la svalutazione della valuta.

Man mano che le banche centrali tentano di combattere la deflazione e di scongiurare il rischio di un aumento dei tassi di interesse (a seguito del massiccio accumulo di debito), le politiche monetarie diventeranno ancora più non convenzionali e di vasta portata.

A breve termine, i governi dovranno permettere deficit fiscali monetizzati per evitare depressione e deflazione. Tuttavia, con il passare del tempo, gli shock negativi permanenti dell’offerta dovuti alla rapida de-globalizzazione e al rinnovato protezionismo renderanno quasi inevitabile la stagflazione.

Una quinta questione è la più ampia distruzione digitale dell’economia.

Con milioni di persone che perdono il lavoro o lavorano e guadagnano meno, i gap in termini di reddito e ricchezza dell’economia del 21° secolo si allargheranno ulteriormente.

Per proteggersi dai futuri shock della catena di approvvigionamento, le aziende nelle economie avanzate riporteranno la produzione dalle regioni a basso costo a mercati nazionali a più alto costo. Ma piuttosto che aiutare i lavoratori a casa, questa tendenza accelererà il ritmo dell’automazione, esercitando una pressione al ribasso sui salari e alimentando ulteriormente il fuoco del populismo, del nazionalismo e della xenofobia.

Ciò punta al sesto fattore principale: la de-globalizzazione.

La pandemia sta accelerando le tendenze verso la balcanizzazione e la frammentazione che erano già ben avviate. Gli Stati Uniti e la Cina marceranno separati più rapidamente e la maggior parte dei paesi risponderà adottando politiche ancora più protezionistiche per proteggere le imprese e i lavoratori domestici dalle perturbazioni globali.

Il mondo post-pandemia sarà caratterizzato da restrizioni più rigide alla circolazione di beni, servizi, capitali, lavoro, tecnologia, dati e informazioni. Ciò sta già accadendo nei settori farmaceutico, delle attrezzature mediche e alimentari, dove i governi stanno imponendo restrizioni all’esportazione e altre misure protezionistiche in risposta alla crisi.

Il contraccolpo contro la democrazia rafforzerà questa tendenza. I leader populisti spesso beneficiano della debolezza economica, della disoccupazione di massa e della crescente disuguaglianza. In condizioni di maggiore insicurezza economica, ci sarà un forte impulso a far fare da capro espiatorio per la crisi agli stranieri. I colletti blu e le ampie coorti della classe media diventeranno più suscettibili alla retorica populista, in particolare alle proposte per limitare l’arrivo di migranti e il commercio.

Ciò porta all’ottavo fattore: la contrapposizione geostrategica tra Stati Uniti e Cina.

Con l’amministrazione Trump che fa ogni sforzo per dare la colpa alla Cina per la pandemia, il regime del presidente cinese Xi Jinping risponderà raddoppiando la posta con sua tesi che gli Stati Uniti stanno cospirando per impedire l’ascesa pacifica della Cina. Il disaccoppiamento sino-americano nel commercio, nella tecnologia, negli investimenti, nei dati e negli accordi monetari si intensificherà.

Peggio ancora, questa rottura diplomatica preparerà il terreno per una nuova guerra fredda tra gli Stati Uniti e i suoi rivali – non solo la Cina, ma anche la Russia, l’Iran e la Corea del Nord.

Con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, ci sono tutte le ragioni per aspettarsi un’impennata della guerra informatica clandestina, che potrebbe potenzialmente portare anche a scontri militari convenzionali. E poiché la tecnologia è l’arma chiave nella lotta per il controllo delle industrie del futuro e nella lotta alle pandemie, il settore tecnologico privato degli Stati Uniti diventerà sempre più integrato con il complesso industriale della sicurezza nazionale.

Un rischio finale che non può essere ignorato è la distruzione dell’ambiente che, come ha dimostrato la crisi COVID-19, può provocare un caos economico molto maggiore di una crisi finanziaria.

Epidemie ricorrenti (HIV dagli anni ’80, SARS nel 2003, H1N1 nel 2009, MERS nel 2011, Ebola nel 2014-16) sono, come i cambiamenti climatici, essenzialmente disastri causati dall’uomo, nati da scarsi standard sanitari e medici, l’abuso di sistemi naturali e la crescente interconnettività di un mondo globalizzato.

Le pandemie e i numerosi sintomi dei cambiamenti climatici diventeranno più frequenti, gravi e costosi negli anni a venire.

Questi 10 rischi, che si profilavano già prima dell’inizio di COVID-19, ora minacciano di alimentare una tempesta perfetta che trascina l’intera economia globale in un decennio di disperazione.

Entro gli anni 2030, la tecnologia e leadership politiche più competenti potrebbero essere in grado di ridurre, risolvere o minimizzare molti di questi problemi, dando origine a un ordine internazionale più inclusivo, cooperativo e stabile.

Ma ogni lieto fine presuppone che troviamo un modo per sopravvivere all’imminente Grande Depressione.

Fonte: https://www.project-syndicate.org/commentary/greater-depression-covid19-headwinds-by-nouriel-roubini-2020-04

Tag

Scrivi un commento