Johnson & Johnson: stop a ricerca vaccino Covid-19, problemi su un paziente

Rallentamenti nei test in fase avanzata sono routine nell'industria farmaceutica, ma l'interruzione alimenta timori su velocità, sicurezza ed efficacia di una cura.

0 112 2
0 112 2

(WSC) NEW YORK – Johnson & Johnson ha annunciato che le ricerche sul vaccino per curare il Covid-19 sono state temporaneamente interrotte dopo che uno dei partecipanti allo studio clinico ha sperimentato sintomi  di una malattia inspiegabile.

Le condizioni del paziente sono in fase di valutazione e J&J afferma che condividerà ulteriori informazioni solo a seguito di indagini più approfondite.

“Abbiamo temporaneamente interrotto tutti i nostri studi clinici di un vaccino sperimentale contro il Covid-19, compreso l’intero studio della fase 3, a causa di una malattia inspiegabile in un partecipante”, ha reso noto il gruppo farmaceutico in un comunicato.

Mentre rallentamenti nei test in fase avanzata sono di routine nell’industria farmaceutica, l’interruzione può contribuire ad alimentare le preoccupazioni sulla sicurezza ed efficacia di un vaccino per curare il Coronavirus, la ricerca progredisce a una velocità senza precedenti nel settore, una gara contro il tempo che però ha molti rischi.

I futures sulle azioni europee hanno ridotto i guadagni appena diffusa la notizia, mentre i futures statunitensi sono in calo dopo il rialzo di lunedì.

Lo stop  da parte di Johnson & Johnson porta alla chiusura del sistema di registrazione online istituito alla fine di settembre per reclutare 60.000 partecipanti nell’ambito della fase 3 della sperimentazione.

Gli eventi avversi gravi sono “una componente attesa di qualsiasi studio clinico, in particolare degli studi di grandi dimensioni”, ha comunicato J&J, precisando che i protocolli aziendali prevedono la sospensione di uno studio per determinare se l’evento avverso grave è correlato al farmaco oggetto di valutazione e se è possibile riprendere la sperimentazione.

Il reclutamento di volontari per la fase 3 degli studi clinici Johnson & Johnson è iniziato alla fine di settembre, al fine di coinvolgere 60.000 partecipanti in più di 200 località degli Stati Uniti e di altri paesi, avevano annunciato il gruppo e l’Istituto nazionale di sanità degli Stati Uniti (NIH). I test si stavano svolgendo anche in Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Messico, Perù e Sud Africa.

Johnson & Johnson è il decimo gruppo al mondo a condurre i test clinici di fase 3 contro Covid-19 e il quarto negli Stati Unti.

Tag

Scrivi un commento

2 commenti

  1. robyuan

      

    Se non conferma quanto dici pure io sarò nella lista di chi lo ritiene un buffone. Oggi ho fatto vaccino antinf  vaccino contro la polmonite non chiedetemi i dettagli . Il dott mi ha detto che i vaccini ci sono.  Regione previdente bravobonaccini anche se è del pd…pd atipico….

    Originariamente inviato da peter pan: Trump il vaccino per prima delle elezioni se lo può sognare. Va a finire che ora tirerà fuori la teoria che guarire crea nuovi supereroi come lui e pertanto che ammalarsi di Covid è… salutare! Mah!

     

  2. peter pan

      

    Trump il vaccino per prima delle elezioni se lo può sognare.
    Va a finire che ora tirerà fuori la teoria che guarire crea nuovi supereroi come lui e pertanto che ammalarsi di Covid è… salutare!
    Mah!