Stop propaganda, Standard Chartered vuole una licenza da broker in Cina

La banca inglese sfrutta la nuova legge che consente alle società straniere di costituire società di intermediazione mobiliare e fondi di investimento esteri nel colosso asiatico.

0 65 0
0 65 0

(WSC) PECHINO – La banca britannica Standard Chartered PLC sta cercando di acquisire una licenza di intermediazione nella Cina continentale, secondo quanto riportato lunedì dall’agenzia di stampa Xinhua che cita i dati della China Securities Regulatory Commission (CSRC).

Il 10 ottobre, l’unità di StanChart a Hong Kong ha presentato una domanda all’organismo di vigilanza del mercato finanziario cinese per costituire una società di intermediazione mobiliare in Cina.

La possibilità che consente alle imprese straniere di costituire società di intermediazione mobiliare e fondi di investimento esteri ha avuto attuazione ad aprile nell’ambito dell’accordo commerciale di fase uno firmato tra Stati Uniti e Cina lo scorso gennaio.

Tag

Scrivi un commento