Gb: sì agli embrioni umani geneticamente modificati. Ma è polemica: ricerca o eugenetica?

Per lo studio sarà usata la tecnica “Crispr-Cas9”, il cosiddetto “editing genetico”, una sorta di “taglia e incolla” del Dna per “isolare” un gene per volta e capire …

0 2979 9
0 2979 9

Per lo studio sarà usata la tecnica “Crispr-Cas9”, il cosiddetto “editing genetico”, una sorta di “taglia e incolla” del Dna per “isolare” un gene per volta e capire quali sono fondamentali per lo sviluppo di un feto.

Per la prima volta la Gran Bretagna ha dato il via libera a un programma di ricerca che prevede l’utilizzo di embrioni umani geneticamente modificati. La Human Fertilisation and Embryology Authority (HFEA), l’autorità che regola il campo della fecondazione assistita ed embriologica, ha infatti approvato la richiesta della scienziata Kathy Niakan, che condurrà i suoi studi presso il Francis Crick Institute di Londra con l’obiettivo di arrivare a una comprensione più profonda di cosa accade nei primi momenti della vita umana.

Gli esperimenti verranno eseguiti nei primi sette giorni dopo la fecondazione e potrebbero aiutare a comprendere cosa va storto negli aborti spontanei. Sarà quindi vietato impiantare gli embrioni «gm» in una donna.

La notizia ha sollevato non poche polemiche. Il timore dei critici è che questa ricerca sia solo un primo passo versa la creazione di bambini «su misura».

«L’utilizzo delle tecnologie di “genome editing” nelle ricerca sugli embrioni – spiega alla BBC Sarah Chan dell’Università di Edimburgo – tocca alcune questioni delicate, quindi, è opportuno che questa ricerca e le sue implicazioni etiche siano attentamente considerate dall’Hfea, prima di dare l’approvazione a procedere. Dobbiamo essere sicuri che il nostro sistema di regolamentazione in questo settore stia funzionando bene, per mantenere la scienza in linea con gli interessi sociali».

La scienziata Niakan però precisa che la sua richiesta ha solo scopi scientifici. «Ci piacerebbe davvero capire quali sono i geni necessari in un embrione umano per sviluppare con successo in un bambino sano», spiega. «La ragione per cui è così importante è perché gli aborti e l’infertilità sono molto comuni, ma non sono molto ben compresi», aggiunge.

I risultati, infatti, potrebbero migliorare la nostra comprensione del perché in alcuni casi la fecondazione in vitro ha successo e in altri no. Attualmente circa il 50 per cento degli ovociti fecondati non si sviluppa correttamente e, secondo gli esperti, questo potrebbe essere collegato a un’anomalia nel codice genetico.

Per fare luce su questo mistero i ricercatori useranno la tecnica «Crispr-Cas9», ovvero il cosiddetto «editing genetico». Questo metodo consente di fare un «taglia e incolla» del Dna, per «spegnere» un gene alla volta e trovare quali sono quelli fondamentali per lo sviluppo. Una volta identificati quali sono i geni cruciali per la divisione delle cellule sane, si potrebbero escludere da metodiche di procreazione medicalmente assistita gli embrioni in cui Dna non funziona correttamente. In questo modo, secondo i ricercatori britannici, si potrebbero prevenire gli aborti.

Anche se è la prima volta che nel Regno Unito viene approvato un programma di ricerca che consente la modifica genetica di embrioni umani, al mondo c’è già un precedente. L’anno scorso un team di scienziati cinesi aveva annunciato di aver effettuato la modifica genetica di embrioni umani per correggere un gene che causa una malattia del sangue.

Il via libera della Hfea però è destinato ad alimentare il polverone di polemiche. C’è chi teme di andare incontro all’eugenetica e chi invece difende questo tipo di ricerca. «Studiare per cercare di capire qualcosa non è mai sbagliato», dice il genetista Edoardo Boncinelli.

di Valentina Arcovio

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da La Stampa

Tag

Scrivi un commento

9 commenti

  1. croc_ny

      

    Scusa giaguas, ma (partendo dal presupposto che non so dove tu abbia preso questo dato e se sia attendibile) non è che si possa lavorare su quel 90% perché molto spesso è la mutazione è spontanea, non indotta da stimoli esterni su cui possiamo, come dici tu, lavorare! E comunque ci sono tante di quelle malattie geneticamente trasmesse che grazie ad un tipo di “intervento preventivo” si potrebbero evitare, che mi sembra il minimo cercare di fare il possibile per prevenirne proprio l’insorgere!!

    Originariamente inviato da giaguas:

    E’ documentato largamente che la percentuale di geni difettosi e’ del 10%, max , mentre il 90% viene modificato dall’ambiente. Domanda:  Perche’ ci si affanna a salvare il 10%, quando invece abbiamo un 90% di possibilita’ su  cui lavorare, sull’ambiente.  E chi crede che le Multinazionali Americane pensino  alla nostra Salute?? LOL …!!!

  2. Avatar

      

     

     E’ documentato largamente che la percentuale di geni difettosi e’ del 10%, max , mentre il 90% viene modificato dall’ambiente. Domanda:  Perche’ ci si affanna a salvare il 10%, quando invece abbiamo un 90% di possibilita’ su  cui lavorare, sull’ambiente.  E chi crede che le Multinazionali Americane pensino  alla nostra Salute?? LOL …!!! 
    Anche i cibi Geneticamente modificati. col TTIP entraranno a far parte della nostra Dieta, senza l’obbligo di segnalazione, come invece e’ obbligatorio in Europa oggi. Per cui mangeremo, senza saperlo,  polli con biossido di cloro, per eliminare gli agenti patogeni, carne trattata con ormoni, che oggi gli Usa non ci possono vendere, alimenti con pesticidi con una soglia di 5.000 volte superiore a quella Europea, piu’ una serie infinita di alimenti Ogm , meno cari dei nostri, pronti ad invadere il mercato.
    Questo e’ quello che la Scienza sta gia’ facendo per la nostra salute, cioe’ aumentando quel 90% di problematiche genetiche, che gia’ corrodono la nostra vita. A parte la perdita di miliardi di produzione degli agricoltori ed allevatori europei…ma questo e’ marginale..
    Quand’e’ che diventeremo Filo-Europei ? e penseremo da soli cosa mangiare e come curarci??

  3. robyuankenobi

      

    gent. croc.   praticamente come la fissione nucleare  per ricerche  energetiche. ma metter in mano ad esseri inperfetti ed infidi come gli..umani.. certe armi diventa pericoloso.

  4. croc_ny

      

    In principio non sarei contraria a modifiche genetiche si limitassero a rimuovere/modificare geni “difettosi”. Ho sempre pensato che sia giusto sfruttare l’innovazione scientifica per prevenire l’insorgere delle malattie incurabili. Ma  da lì all’eugenetica il passo è veramente breve… ci vuole una regolamentazione molto dettagliata!

  5. belfagor

      

    a me sembra oltremodo interessante il tema delle cure “genetiche”, intervenendo direttamente nel DNA ed eliminando le cellule malate. Non sono cattolico da quando ero ragazzino quindi non ho piu’ il senso di colpa del dovere accettare quel che dio ci ha riservato (chi nasce ricco, sano, alto, intelligente… e chi nasce in un paese del terzo mondo, in zona Isis, povero e nero in Burkina Faso o in una favela brasiliana: ovviamente non e’ giusto, no?) per cui sarei tentato di essere per la scienza e con la scienza, e per il progresso. Ovviamente ci vogliono garanzie che questo tipo di interventi “genetici” siano messi in atto da persone “giuste”, certificate, approvate, e che tali tecniche non vadano in mano di malavitosi e persone che puntano solo al profitto. Ma se penso che mio nonno mori’ di polmonite, non credete che la medicina e la scienza debbano per forza fare progressi e puntare a interventi e tecniche da fantascienza, per vivere meglio, per allungare la vita, per eliminare il dolore, sia del tutto normale?

  6. Avatar

      

    Zika mi incurioscisce e perciò ho cercato qualche dettaglio in più.
    Zika è un vecchio virus in giro da circa sessanta anni e non ha causato nulla di grave.
     Come spiegare la nascita di bambini nati con teste piccole e danni cerebrali? ( stranezza: la maggior parte delle donne che hanno partorito queste povere creature, sono risultate negative al virus zika). Perchè allora incolpare questo virus?
    Tenendo conto che le zanzare geneticamente modificate sono state messe in libertà nella stessa area del Brasile ( Juazeiro) dove si sono presentate le gravi anomalie nei neonati, come mai non si è indagato a fondo?
    Chi o che cosa vogliono nascondere?
    https://jonrappoport.wordpress.com/2016/01/30/zika-genetically-engineered-mosquitoes-causing-smaller-heads/

  7. Avatar

      

    Qualche curiosità su Zika
    L’azienda biotecnologica Oxitec ha creato una zanzara geneticamente modificata per combattere la febbre dengue. Gli scienziati hanno inserito nel corredo cromosomico dell’insetto un gene che impedisce la sopravvivenza delle nuove generazioni . Sono state ” liberate ” in luglio 2015.
    Questo è l’antefatto
    Dubbio
    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2016/2/1/SPY-FINANZA-Quelle-strane-coincidenze-sul-virus-Zika/2/675088/
     

  8. Avatar

      

    Bah..tanto lavoro per modificare gli embrioni, per avere bambini “su misura”, quando e’ gia’ piu’ che sufficiente la TV.:!!
    Per avere persone “sane” la genetica incide poco: per l’85-90%  % conta l’Ambiente in cui si vive…

  9. robyuankenobi

      

    permettetemi una frase .  gli scienziati hitleriani a mio avviso eran dei dilettanti.