Dieci anni di carcere per uno ‘schema Ponzi’ di $147 milioni su investimenti globali

Condanna esemplare per un uomo di 63 anni. Sono circa 72.000 le vittime di una tipica truffa finanziaria piramidale.

0 463 0
0 463 0

(WSC) NEW YORK – Un uomo della California meridionale che ha raggirato gli investitori in tutto il mondo per $147 milioni in uno schema piramidale è stato condannato lunedì a 10 anni di prigione federale. Steve Chen, 63 anni, di Bradbury nella San Gabriel Valley, è stato condannato dal giudice distrettuale degli Stati Uniti John F. Walter, che ha affermato che la “litania di bugie” di Chen ha promosso una truffa di “proporzioni epiche”, secondo una dichiarazione dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti.

Chen era proprietario di US Fine Investment Arts tra il 2013 e il 2015. L’azienda ha venduto investimenti falsi, “punti” per azioni quando la società si è quotata e ha varato una valuta digitale fasulla chiamata “Gem Coins”, che sosteneva fosse sostenuta da miniere di ambra e altre pietre preziose negli Stati Uniti, Repubblica Dominicana, Argentina e Messico, secondo le arringhe dei pubblici ministeri. Le miniere non esistevano.

Sono circa 72.000 le vittime che hanno investito in un classico “schema Ponzi”. Nello stile di un classico schema piramidale, una parte del denaro è stata utilizzata per rimborsare i primi investitori che volevano uscire, ma la maggior parte ha perso tutti i soldi, che sono andati a Chen. “La società non ha generato entrate significative dalle sue operazioni commerciali, a parte le vendite di pacchetti di investimento a vittime-investitori”, ha affermato l’ufficio del procuratore degli Stati Uniti. L’IRS, il fisco americano, è riuscito a recuperare solo $1,9 milioni.

Fonte: AP

Tag

Scrivi un commento