Cina, fuga di capitali: i cinesi investono massicciamente ($110 miliardi) sul mercato immobiliare degli Stati Uniti

I cittadini cinesi sono diventati i più grandi acquirenti stranieri di proprietà immobiliari degli Stati Uniti, il miglior asset dopo avere versato miliardi sul mercato alla ricerca di …

0 2050 1
0 2050 1

I cittadini cinesi sono diventati i più grandi acquirenti stranieri di proprietà immobiliari degli Stati Uniti, il miglior asset dopo avere versato miliardi sul mercato alla ricerca di attività off-shore sicure, secondo uno studio pubblicato da The Guardian.  Un’enorme ondata di acquisto da parte di cinesi, privati e non solo aziende, si è riversato su proprietà sia residenziali che immobili commerciali. Con l’anno scorso l’investimento globale della Cina in Usa su base quinquennale ha superato in totale più di $110 miliardi, secondo lo studio di Asia Society and Rosen Consulting Group.

Le dimensioni sono tali che hanno aiutato il mercato immobiliare americano a recuperare dal crollo che ha avuto inizio nel 2006 e che poi ha  precipitato la crisi economica del 2008, hanno detto i curatori dello studio.  Investimenti cinesi in proprietà immobiliari hanno anche contribuito a gonfiare i prezzi in altri paesi sviluppati, in particolare il Regno Unito e l’Australia, in scia al calo dei mercati azionari mondiali avvenuto nel 2015.  E nonostante un rallentamento a causa del conseguente giro di vite di Pechino sui deflussi di capitale di cittadini dalla Cina, la cifra degli investimenti immobiliari cinesi in America per la seconda metà di questo decennio è probabile che raddoppi a $218 miliardi, dice lo studio.

Tra il 2010 e il 2015, gli acquirenti cinesi hanno investito più di $17 miliardi in immobili commerciali Usa, di cui la metà della cifra spesa solo nello scorso anno. A differenza di molti paesi, ci sono pochissime restrizioni su quello che gli stranieri possono comprare negli Stati Uniti. Nello stesso periodo almeno $93 miliardi sono andati in case e condomini degli Stati Uniti. E nei 12 mesi fino al marzo 2015, l’ultimo periodo per il quale potrebbero essere raccolti dati relativamente completi, gli acquisti di case da parte di privati cinesi sono stati pari a $28,5 miliardi.  Che ha consentito ai cinesi di battere i canadesi, a lungo i maggiori acquirenti stranieri di immobili residenziali in Usa.  Geograficamente, gli acquirenti cinesi sono concentrate sui mercati più cari e di lusso: New York, Los Angeles, San Francisco, Seattle, Chicago, Miami e Las Vegas sono i mercati più popolari.  Questo enorme flusso significa che gli investitori che hanno portato fuori capitali dalla Cina (illegalmente, visto che il limite massimo consentito sono 50mila dollari) pagano ben al di sopra del prezzo medio per una casa negli Stati Uniti: lo scorso anno, gli acquirenti cinesi hanno pagato in media circa $832.000 per ogni casa negli Stati Uniti, rispetto alla media per tutti gli acquisti stranieri pari a $499.600.

Tag

Scrivi un commento

1 commento

  1. Avatar

      

    Questi cinesi! Stanno facendo man bassa pure in America: immobili, aziende ( Smithfield Food ( il più grande produttore di carni suine al mondo diventando, così,proprietaria di quasi 500 aziende agricole) terreni agricoli dove verranno coltivati con le sementi della Syngenta  acquistata, a quanto pare, dalla Chem Cina. 
    Tutto limpido, tutto chiaro? E gli U.S.A stanno a guardare? Mah!