Oro, argento e platino in caduta libera. Motivo: eccesso di rialzo e dollaro forte

Il greenback vicino ai massimi di oltre otto settimane rispetto alle valute rivali. I segnali di rallentamento dell'economia in Europa e negli Stati Uniti vanno dii pari passo con le preoccupazioni per gli effetti di una seconda ondata di infezioni da COVID-19.

0 137 0
0 137 0

(WSC) LONDRA – Giovedì l’oro è sceso al livello più basso degli ultimi due mesi, paralizzato da un dollaro forte, mentre gli investitori sono preoccupati per le incertezze che circondavano ulteriori misure di stimolo per sostenere una lenta ripresa economica negli Stati Uniti.

L’oro spot è sceso dello 0,7% a $1.851,51 l’oncia, estendendo i cali per quarta seduta consecutiva. In apertura, il gold ha toccato il minimo dal 22 luglio a quota $1.847,99. I futures sull’oro negli Stati Uniti sono scesi -0,8% a $1.853,10.

Massimi da due mesi per il dollaro

L’indice del dollaro si è mantenuto vicino ai massimi di oltre otto settimane rispetto alle valute rivali, poiché i segnali di un rallentamento economico in Europa e negli Stati Uniti hanno riacceso le preoccupazioni per le ricadute di una seconda ondata di infezioni da COVID-19.

Un dollaro più forte rende i lingotti più costosi per i possessori di altre valute.

“L’oro non può scrollarsi di dosso questo dominio del dollaro, che si riverbera su tutte le classi di asset”, ha affermato Edward Moya, analista di mercato senior di OANDA.

Il ruolo della Federal Reserve

Nel frattempo, i banchieri della Federal Reserve statunitense hanno cercato di convincere gli investitori che manterranno la politica monetaria ‘allentata’ per anni, per consentire il calo della disoccupazione.

“Sembra che la Fed si sia praticamente impegnata a non intraprendere un’azione immediata … Quindi, il lato degli stimoli, sembra piuttosto deprimente nel breve termine”, ha spiegato Moya.

Forex: ecco perché chi è short sul dollaro sta per perdere un mucchio di soldi

L’ottimismo su una nascente ripresa economica è sminuito poiché i dati hanno mostrato che l’attività commerciale negli Stati Uniti e in Europa si è raffreddata a settembre mentre la pandemia ha continuato a dilagare incidendo negativamente sugli affari.

Attenzione al supporto di $1.855

Secondo l’analista tecnico di Reuters Wang Tao, è probabile che l’oro spot rompa un supporto a $1.855 l’oncia e scenda a $1.835. Gli investitori aspettano ora i dati settimanali sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti, che dovrebbero essere rilasciati più tardi nel corso della giornata di oggi, giovedì. Dovrebbero mostrare un leggero calo ma i sussidi sono tuttora a livelli elevati.

Altrove, l’argento è sceso -5,4% a $21,64, il minimo in più di due mesi.

Il platino è in calo -0,5% a $833,31 l’oncia e il palladio è in ribasso dell’1% a $2.199,39.

Tag

Scrivi un commento