Grecia torna alla normalità con un bond a 30 anni

La domanda impressionante, offerte oltre i 26 miliardi di euro, più di 10 volte i 2,5 miliardi che Atene voleva raccogliere, a un tasso dell'1,956% con la cedola all'1,875%.

1 267 0
1 267 0

(WSC) ATENE – La Grecia ha sancito il suo completo ritorno sui mercati obbligazionari con l’emissione – di grande successo – di una nuova obbligazione a 30 anni, che ha completato la curva dei rendimenti greca e ha confermato che il paese è tornato alla normalità.

La domanda per l’emissione di bond a scadenza più lunga per Atene dal 2007 è stata a dir poco impressionante, poiché il portafoglio di offerte ha superato i 26 miliardi di euro, che è più di 10 volte i 2,5 miliardi di euro che lo Stato greco voleva raccogliere, a un tasso di interesse dell’1,956% con la cedola all’1,875%.

Questa emissione di bond è stata la seconda più grande in assoluto per la Grecia dopo i 29 miliardi di euro offerti per il bond decennale emesso a gennaio, ciò significa che gli investitori istituzionali di qualità hanno risposto con un clamoroso voto di fiducia nell’economia greca. Si tratta anche della seconda emissione di obbligazioni greche dopo il titolo a 15 anni dello scorso anno che scade dopo il 2032 (cioè dopo la data fino alla quale il debito del paese è garantito).

Come ha affermato il ministro delle finanze Christos Staikouras, la ricostruzione della curva dei rendimenti greca viene normalizzata con ulteriore profondità, offrendo sicurezza agli investitori poiché in termini di tempo supera di gran lunga la scadenza delle misure di regolamento del debito concordate con i creditori di Atene. Contribuisce anche all’ulteriore miglioramento della sostenibilità del debito, ha affermato il monistro.

Il tasso di riferimento era stato fissato a 160 punti base sopra il mid-swap, ma la forte domanda che ha raggiunto i 26,1 miliardi di euro ha portato al tasso finale di 150 bps più del mid-swap. Dato che la nuova obbligazione ha effettivamente una scadenza di 31 anni, poiché scade il 24 gennaio 2052, e che non c’erano altre emissioni greche per il confronto, il prezzo è stato avvicinato sulla base dei dati delle curve dei rendimenti di altri paesi Ue, come l’Italia e il Portogallo.

Come ha notato un esperto di bond, il prezzo era solido in termini metodologici e molto positivo in termini di mercato. Anche il tempismo dell’emissione è stato visto come perfetto, poiché il mercato obbligazionario sta attualmente negoziando sulle aspettative che il capo della Banca centrale europea Christine Lagarde ha generato la scorsa settimana, affermando che Francoforte aumenterà il ritmo di acquisto di obbligazioni attraverso il suo programma PEPP.

Il denaro raccolto con il bond a 30 anni riempirà anche le casse dello Stato e andrà a pagare l’enorme conto delle misure di sostegno della pandemia, e in parte anche il secondo rimborso anticipato dei prestiti del Fondo monetario internazionale che scadono quest’anno e il prossimo anno.

Tag

Scrivi un commento