Germania, dopo Merkel possibile un’altra Cancelliera

Annalena Baerbock, leader dei Verdi (al 28% nei sondaggi) potrebbe benissimo ottenere il cancellierato, ponendo fine a più di 15 anni di leadership di centro-destra a Berlino. La CDU nomina Armin Laschet ma perde 7 punti.

0 248 0
0 248 0

(WSC) BERLINO – Proprio mentre Armin Laschet, il leader dei conservatori tedeschi, vince la nomination per guidare il suo partito alle elezioni di settembre, un nuovo sondaggio suggerisce che il suo blocco politico sta rapidamente perdendo il suo dominio sulla politica tedesca.

Il sondaggio Forsa pubblicato dall’emittente RTL la scorsa notte mostra che il partito CDU di Merkel e Laschet è crollato di 7 punti al 21%, mentre i Verdi hanno guadagnato 5 punti al 28%.

Con una coalizione di CDU e Verdi vista come il risultato più probabile in autunno, Annalena Baerbock, la leader dei Verdi, potrebbe benissimo succedere alla Merkel come cancelliera, ponendo fine a più di 15 anni di leadership di centro-destra in Germania.

Una domanda separata nel sondaggio di RTL identifica Baerbock come il candidato preferito dei tedeschi per il posto di cancelliere, con il 32% del sostegno degli intervistati rispetto al 15% di Laschet.

Sarà Annalena Baerbock la prima cancelliera Verde della Germania? -  Greenreport: economia ecologica e sviluppo sostenibile

La Cdu/Csu tedesche puntano su Armin Laschet per conquistare la cancelleria alle elezioni di settembre, quelle che segneranno l’uscita di scena di Angela Merkel. A scegliere in favore di Laschet è stata la notte scorsa, al termine di un dibattito lungo e – come ha detto il nuovo candidato – “aperto e trasparente” – la direzione federale del partito che ha messo la parola fine alla corsa a due degli ultimi giorni.

Il rivale di Laschet e leader della Csu, Markus Soeder, ha rinunciato, mantenendo la parola data, quella con cui aveva assicurato che avrebbe rispettato una scelta chiara dell’esecutivo dell’Unione cristiano democratica. La decisione, dopo 7 ore di discussioni in videoconferenza, è arrivata. Laschet ha ottenuto l’appoggio di 31 dei 46 membri della direzione nel corso di un voto segreto, contro i 9 ottenuti dal premier bavarese Markus Soeder. Sei persone si sono astenute.

Laschet è dal 27 giugno 2017 premier del NordReno Westfalia, mentre dal 16 gennaio 2021 è presidente dell’Unione Cristiano-Democratica, incarico nel quale è succeduto alla dimissionaria Annegret Kramp-Karrenbauer. È stato anche uno dei cinque vice presidenti della Cdu, capo del partito nel suo Land ed europarlamentare dal 1999 al 2005. Padre di tre figli, è nato il 18 febbraio 1961 ed è cresciuto con tre fratelli minori in una famiglia cattolica della classe media – originaria della Vallonia – nel distretto di Burtscheid, ad Aquisgrana.

Il padre lavorava come supervisore nella miniera Anna di Alsdorf prima di diventare direttore di una scuola elementare ad Aquisgrana. La madre era casalinga. Dopo il diploma di scuola superiore nel 1981 presso il Ginnasio Episcopale ad Aquisgrana, Laschet ha studiato legge e scienze politiche a Monaco e Bonn terminando nel 1987. Dal 1987 al 1988 ha svolto un tirocinio giornalistico e fino al 1994 è stato giornalista freelance per emittenti televisive e radiofoniche bavaresi, nonché consulente scientifico dell’allora presidente del Bundestag tedesco, Rita Suessmuth. Dal 1991 al 1994 è stato redattore capo del giornale ecclesiastico della diocesi di Aquisgrana e tra il 1995 e il 1999 direttore editoriale della casa editrice cattolica Einhard.

Europeista convinto, è considerato nel partito più incline a cercare la mediazione e il consenso che il confronto ma non ha esitato a prendere posizioni nette, ad esempio sulla decisione di Angela Merkel di accogliere un milione di rifugiati nel 2015, che ha apertamente appoggiato.

Laschet non intende discostarsi dalla linea politica tracciata dalla cancelliera – che recentemente aveva avuto da ridire sulla sua gestione della pandemia nel Land che dirige – e come premier dello stato più popoloso della Germania e cuore industriale del paese può contare su un forte seguito locale, ma secondo gli osservatori locali dovrà invertire i suoi risultati nei sondaggi federali se vorrà guidare il centrodestra al successo.

Tag

Scrivi un commento