Biden batte Trump

Joe Biden è il 46° presidente degli Stati Uniti e Kamala Harris è la prima donna vice presidente (nera e indiana). Il ticket democratico raccoglie oltre 4 milioni i voti in più rispetto a Trump. Il perdente non "concede" la vittoria - non era mai successo nella storia degli Stati Uniti - parla di "brogli", "elezione rubata", "corruzione", senza fornire alcuna prova a supporto.

0 335 9
0 335 9

(WSC) WASHINGTON – È fatta. Joe Biden, 77 anni, è il 46esimo presidente degli Stati Uniti. Lo spoglio delle schede non è ancora terminato, ma alle 11.23 del 7 novembre la proiezione della Cnn ha confermato la notizia ormai nell’aria da tre giorni: il candidato democratico ha vinto. Decisiva la Pennsylvania, ma Biden è in testa anche in Arizona, Nevada e Georgia. «America, sono onorato che tu mi abbia scelto per guidare il nostro grande Paese» sono le prime parole di Biden su Twitter.

I margini sono ristretti, ma il dato politico incontestabile è che il numero due di Barack Obama ha recuperato i voti persi da Hillary Clinton nel 2016. Ha ricostruito il cosiddetto Blue Wall, il corridoio che porta verso il Nord industriale del Paese: Pennsylvania, Wisconsin, Michigan. Inoltre ha espugnato due bastioni storici del Sud repubblicano e della cultura conservatrice americana: Arizona e Georgia (vai alla mappa interattiva con tutti gli Stati e le contee).

Nel conteggio finale Biden arriva a 306 delegati, ben al di là dunque del numero magico, 270, la soglia minima della maggioranza, considerando che sono 538 i rappresentanti del Collegio elettorale. Ma Trump non accetta l’esito delle urne.

Da New York a Washington esplode l’entusiasmo in strada per la vittoria di Joe Biden. I clacson festeggiano il 46mo presidente americano fra le grida di gioia dei passanti sui marciapiedi. Una folla davanti alla Casa Bianca festeggia l’elezione di Joe Biden. La piazza antistante a 1600 Pennsylvania Avenue cambia così pelle: da teatro delle proteste a teatro dei festeggiamenti. Ed è esplosa la gioia a Wilmington, la città dove vive Joe Biden, dopo la notizia della vittoria del candidato dem. Centinaia di persone a piedi ed in auto – come può testimoniare l’ANSA sul posto – hanno iniziato ad affluire verso il maxi parcheggio del Chase Center, luogo simbolo della campagna presidenziale democratica che ha nelle vicinanze il suo quartier generale. Luogo in cui Biden ha tenuto i suoi discorsi dopo l’election day e dove, probabilmente, potrebbe parlare. ‘You’re fired’ (‘sei licenziato’) è lo slogan del popolo di Joe Biden per festeggiare per la vittoria. La frase che sta tanto a cuore all’attuale inquilino della Casa Bianca, e che lo ha reso famoso durante lo show Apprentice, viene questa volta usata contro di lui.

Joe Biden e Kamala Harris sono il ticket alla presidenza che ha incassato più voti nella storia americana. Mentre lo scrutinio è ancora in corso, Biden e Harris hanno ottenuto già quasi 75 milioni di voti.

“Questa elezione riguarda molto di più Joe Biden o me. Riguarda l’anima dell’America e la nostra volontà di lottare per essa. Abbiamo molto lavoro davanti a noi. Iniziamo”, ha twittato la vice presidente eletta Kamala Harris.

“Gli elettori hanno parlato e hanno scelto Joe Biden e Kamala Harris come nostri prossimi presidente e vicepresidente. È una squadra che ha fatto la storia, il rifiuto di Trump e una nuova pagina per l’America. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare questo obiettivo. Avanti, insieme”, ha scritto Hillary Clinton su Twitter.

 LE REAZIONI ALLA VITTORIA DI BIDEN

“La vittoria di Biden è una bella notizia”, ha commentato il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri.

“Congratulazioni al presidente eletto Joe Biden. L’amicizia tra Italia e Stati Uniti ha radici profonde e storiche. Pronto a continuare a lavorare per rafforzare le nostre relazioni in difesa della pace e della libertà”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Donald Trump già nelle ore precedenti ha continuato ad accusare ancora una volta via twitter: “Decine di migliaia di voti illegali sono stati ricevuti dopo le ore 20 dell’Election Day, cambiando i risultati in Pennsylvania e in altri Stati”. A chi era chiamato a monitorare i voti non è stato consentito di farlo per decine di migliaia di schede. “Questo potrebbe cambiare il risultato in molti Stati, inclusa la Pennsylvania, che tutti pensavamo fosse stata vinta facilmente per poi vedere il vantaggio sparire senza poter monitorare per lunghi intervalli temporali cosa stava accadendo” nei seggi. “Durante quelle ore qualcosa di brutto è accaduto. Le porte sono state bloccate e le finestre sono state coperte in modo che chi doveva monitorare non ha potuto farlo”. “Non c’è alcuna prova che ci siano stati brogli” o “voti illegali” alle elezioni americane, aveva detto Ellen Weintraub, componente della Commissione elettorale federale, alla Cnn. Weintraub ha parlato di “pochissime denunce” di eventuali scorrettezze, ma nessuna di queste suffragata da prove.

“Ho vinto queste elezioni, e di molto”, aveva twittato il tycoon in precedenza.

LEGGI:  Guerra civile in America

 

Tag

Scrivi un commento

9 commenti

  1. robyuan

      

    Va bene l importante e saperlo ed agire e parlare di conseguenza.. 

    Originariamente inviato da peter pan: Robyuan, è un po’ come le canzoni; alcune sono “per sempre” e ci accompagneranno per tutta la nostra vita residua e i giovani manco le conoscono. Rappers, heavy metal, tutte cose che noi non capiamo… Ecco, la politica è la stessa cosa: noi abbiamo il ricordo di statisti illustri, i nomi li sappiamo, i giovani hanno quello che esprime la politica attuale, cioè emeriti deficienti che hanno cavalcato l’onda e sono riusciti ad imporsi tirando fuori appena, appena la testa dal guano… Suc e melun, la sua stagion! Ciao
     

    Originariamente inviato da robyuan: Si tutto bene caro peter ma ad esempio cosa direbbe la mamma di di maio, di bonafede, della azzolina e pure di ..puccinelli…eppure ricoprono posti prestigiosi senza aver mai fatto un cazzo nella vita incapaci e  presuntuosi .? Diciamo papale papale che trump ci sta antipatico e anche quando fa cose positive , un esempio obama nobel per la pace ha fatto 4 guerre, trump  ha rappacificato israele con una parte degli arabi ma nella testa occidentale non esiste un confronto obama trump tanto è ritenuto superiore il primo.io ho un approccio diverso. Nei limiti del possibile cerco di valutare i fatti non gli aspetti psicosomatici. Ad esempio biden mi pare in coma perenne ma se dovesse fare cose positive a livello nazionale o internazionale glielo riconoscerei.   

    Originariamente inviato da peter pan: Robyuan, io capisco che tu abbia idee abbastanza simili al trumpismo, ma io credo che, se le idee possono essere accettabili per le ragioni da te addotte, la persona Trump stia dando una dimostrazione veramente puerile e comunque all’altezza del suo tradizionale comportamento. Se ci fosse ancora la sua mamma che l’aveva giudicato un imbecille, ora gli direbbe: dai donaldino ritirati a vita privata e vai a giocare a golf… finche te lo permetteranno e vorranno permettertelo.   

    Originariamente inviato da robyuan: Concordo ma dove è la colpa di trump? Ai perdenti si addossa di tutto. Il trumpismo continuera ad esistere . Noterai  che come in europa negli usa le parti meno fortunste di una nazione stanno andando a destrs in quanto hanno capito che le forze di sinistra non le hanno mai tutelate e non le tuteleranno mai.. il popolo è bello solo quando vota per loro. La tua analisi è correttissima ma trarne una morale è doveroso. Secondome TRUMP si farà il suo partito fuori dagli schemi. 

     

     

     

     

  2. peter pan

      

    Robyuan, è un po’ come le canzoni; alcune sono “per sempre” e ci accompagneranno per tutta la nostra vita residua e i giovani manco le conoscono. Rappers, heavy metal, tutte cose che noi non capiamo…
    Ecco, la politica è la stessa cosa: noi abbiamo il ricordo di statisti illustri, i nomi li sappiamo, i giovani hanno quello che esprime la politica attuale, cioè emeriti deficienti che hanno cavalcato l’onda e sono riusciti ad imporsi tirando fuori appena, appena la testa dal guano…
    Suc e melun, la sua stagion!
    Ciao

    Originariamente inviato da robyuan: Si tutto bene caro peter ma ad esempio cosa direbbe la mamma di di maio, di bonafede, della azzolina e pure di ..puccinelli…eppure ricoprono posti prestigiosi senza aver mai fatto un cazzo nella vita incapaci e  presuntuosi .? Diciamo papale papale che trump ci sta antipatico e anche quando fa cose positive , un esempio obama nobel per la pace ha fatto 4 guerre, trump  ha rappacificato israele con una parte degli arabi ma nella testa occidentale non esiste un confronto obama trump tanto è ritenuto superiore il primo.io ho un approccio diverso. Nei limiti del possibile cerco di valutare i fatti non gli aspetti psicosomatici. Ad esempio biden mi pare in coma perenne ma se dovesse fare cose positive a livello nazionale o internazionale glielo riconoscerei. 
     

    Originariamente inviato da peter pan: Robyuan, io capisco che tu abbia idee abbastanza simili al trumpismo, ma io credo che, se le idee possono essere accettabili per le ragioni da te addotte, la persona Trump stia dando una dimostrazione veramente puerile e comunque all’altezza del suo tradizionale comportamento. Se ci fosse ancora la sua mamma che l’aveva giudicato un imbecille, ora gli direbbe: dai donaldino ritirati a vita privata e vai a giocare a golf… finche te lo permetteranno e vorranno permettertelo.   

    Originariamente inviato da robyuan: Concordo ma dove è la colpa di trump? Ai perdenti si addossa di tutto. Il trumpismo continuera ad esistere . Noterai  che come in europa negli usa le parti meno fortunste di una nazione stanno andando a destrs in quanto hanno capito che le forze di sinistra non le hanno mai tutelate e non le tuteleranno mai.. il popolo è bello solo quando vota per loro. La tua analisi è correttissima ma trarne una morale è doveroso. Secondome TRUMP si farà il suo partito fuori dagli schemi. 

     

     

     

  3. robyuan

      

    Si tutto bene caro peter ma ad esempio cosa direbbe la mamma di di maio, di bonafede, della azzolina e pure di ..puccinelli…eppure ricoprono posti prestigiosi senza aver mai fatto un cazzo nella vita incapaci e  presuntuosi .? Diciamo papale papale che trump ci sta antipatico e anche quando fa cose positive , un esempio obama nobel per la pace ha fatto 4 guerre, trump  ha rappacificato israele con una parte degli arabi ma nella testa occidentale non esiste un confronto obama trump tanto è ritenuto superiore il primo.io ho un approccio diverso. Nei limiti del possibile cerco di valutare i fatti non gli aspetti psicosomatici. Ad esempio biden mi pare in coma perenne ma se dovesse fare cose positive a livello nazionale o internazionale glielo riconoscerei. 

    Originariamente inviato da peter pan: Robyuan, io capisco che tu abbia idee abbastanza simili al trumpismo, ma io credo che, se le idee possono essere accettabili per le ragioni da te addotte, la persona Trump stia dando una dimostrazione veramente puerile e comunque all’altezza del suo tradizionale comportamento. Se ci fosse ancora la sua mamma che l’aveva giudicato un imbecille, ora gli direbbe: dai donaldino ritirati a vita privata e vai a giocare a golf… finche te lo permetteranno e vorranno permettertelo. 
     

    Originariamente inviato da robyuan: Concordo ma dove è la colpa di trump? Ai perdenti si addossa di tutto. Il trumpismo continuera ad esistere . Noterai  che come in europa negli usa le parti meno fortunste di una nazione stanno andando a destrs in quanto hanno capito che le forze di sinistra non le hanno mai tutelate e non le tuteleranno mai.. il popolo è bello solo quando vota per loro. La tua analisi è correttissima ma trarne una morale è doveroso. Secondome TRUMP si farà il suo partito fuori dagli schemi. 

     

     

  4. peter pan

      

    Robyuan, io capisco che tu abbia idee abbastanza simili al trumpismo, ma io credo che, se le idee possono essere accettabili per le ragioni da te addotte, la persona Trump stia dando una dimostrazione veramente puerile e comunque all’altezza del suo tradizionale comportamento. Se ci fosse ancora la sua mamma che l’aveva giudicato un imbecille, ora gli direbbe: dai donaldino ritirati a vita privata e vai a giocare a golf… finche te lo permetteranno e vorranno permettertelo. 

    Originariamente inviato da robyuan: Concordo ma dove è la colpa di trump? Ai perdenti si addossa di tutto. Il trumpismo continuera ad esistere . Noterai  che come in europa negli usa le parti meno fortunste di una nazione stanno andando a destrs in quanto hanno capito che le forze di sinistra non le hanno mai tutelate e non le tuteleranno mai.. il popolo è bello solo quando vota per loro. La tua analisi è correttissima ma trarne una morale è doveroso. Secondome TRUMP si farà il suo partito fuori dagli schemi. 

     

  5. robyuan

      

    Concordo ma dove è la colpa di trump? Ai perdenti si addossa di tutto. Il trumpismo continuera ad esistere . Noterai  che come in europa negli usa le parti meno fortunste di una nazione stanno andando a destrs in quanto hanno capito che le forze di sinistra non le hanno mai tutelate e non le tuteleranno mai.. il popolo è bello solo quando vota per loro. La tua analisi è correttissima ma trarne una morale è doveroso. Secondome TRUMP si farà il suo partito fuori dagli schemi. 

  6. robyuan

      

    Sul sogno posso convenire ma tutto il resto non è mai edistito e quello che è l america non è crto colpa di trump che sl massimo l ha resa piu evidente. Esisteva da sempre con lui è venuta a galla. Ma davvero credete che il nobile nord abbia combattuyo per liberare i neri? Semplicemente servivan braccia per la nascente industria del nord.il …sogno… americano è nato sulla distruzione dei …sogni.. di chì ci abitava da sempre  

    Originariamente inviato da Normal: Son daccordo con te Belfy. Certo l’America per l’immaginario collettivo rappresenta un sogno, un’utopia. Magari non è questa la realtà concreta ma… alla fin fine le persone vivono di sogni, di speranza, di ricerca della felicità.  L’America per l’immaginario collettivo è l’opportunità, la diversità, quell’utopia naturale che è la vera benzina della nostra esistenza e della nostra evoluzione… che una possibilità da qualche parte può esistere. Almeno per i nostri figli. L’America è questo, per l’immaginario collettivo questo rappresenta e da questo deriva il suo successo.  Accoglienza, integrazione, accettazione… rispetto per le diverse culture. Ora è innegabile che dall’undici settembre di quell’anno maledetto tutto sia cambiato… ma l’Aamerica questo è e questo rimane: un sogno, una speranza… una possibilità. Il suo successo e la sua bellezza, il suo fascino è quello. Se glielo togli… hai distrutto l’America. Semplicemente continuerà a chiamarsi così ma non esisterà più. Quello che stava accadendo con Tramp. L’America impaurita ha visto una soluzione nell’uomo forte, ignorante, populista. Un uomo che … c’è mancato poco distruggesse tutto compreso i sogni di tante persone… ma alla fine l’America affidandosi a lui ha solo cercato di difendersi da cose che la ragione non riusciva a risolvere. Maledetto 11 settembre. I danni che ha provocato non li quantificherà mai nessuno, continuiamo a viverli quotidianamente senza vederne la fine. Altro che Covid. Pure Tramp è un figlio di quel giorno maledeto.      

     

  7. ethan hunt

      

    è vero che le nazioni hanno bisogno di speranze e sogni, credo che con questa elezione sia stata riportata un poco di normalità, vero però è che il trumpismo non finisce qui perché l’America è spaccata in due: da una parte il centro rurale poco abitato, rozzo, razzista, senza futuro nè speranze, povero  – quello dei SUV, delle birre, dell’ignoranza scolastica, del populismo anarcoide individualista, del KKK – e l’America delle coste est e ovest, delle grandi città colte, ricche, cosmopolite, con università e ricerca e aziende eccellenti. Io cosa farei? Due nazioni diverse, governate da presidenti diversi, come aveva previsto il grandissimo Philip Dick in “The man in the high castle”. Non saranno mai più Stati Uniti d’America.     
     

    Originariamente inviato da Normal: Son daccordo con te Belfy. Certo l’America per l’immaginario collettivo rappresenta un sogno, un’utopia. Magari non è questa la realtà concreta ma… alla fin fine le persone vivono di sogni, di speranza, di ricerca della felicità.  L’America per l’immaginario collettivo è l’opportunità, la diversità, quell’utopia naturale che è la vera benzina della nostra esistenza e della nostra evoluzione… che una possibilità da qualche parte può esistere. Almeno per i nostri figli. L’America è questo, per l’immaginario collettivo questo rappresenta e da questo deriva il suo successo.  Accoglienza, integrazione, accettazione… rispetto per le diverse culture. Ora è innegabile che dall’undici settembre di quell’anno maledetto tutto sia cambiato… ma l’Aamerica questo è e questo rimane: un sogno, una speranza… una possibilità. Il suo successo e la sua bellezza, il suo fascino è quello. Se glielo togli… hai distrutto l’America. Semplicemente continuerà a chiamarsi così ma non esisterà più. Quello che stava accadendo con Tramp. L’America impaurita ha visto una soluzione nell’uomo forte, ignorante, populista. Un uomo che … c’è mancato poco distruggesse tutto compreso i sogni di tante persone… ma alla fine l’America affidandosi a lui ha solo cercato di difendersi da cose che la ragione non riusciva a risolvere. Maledetto 11 settembre. I danni che ha provocato non li quantificherà mai nessuno, continuiamo a viverli quotidianamente senza vederne la fine. Altro che Covid. Pure Tramp è un figlio di quel giorno maledeto.      

     

  8. Normal

      

    Son daccordo con te Belfy.
    Certo l’America per l’immaginario collettivo rappresenta un sogno, un’utopia.
    Magari non è questa la realtà concreta ma… alla fin fine le persone vivono di sogni, di speranza, di ricerca della felicità. 
    L’America per l’immaginario collettivo è l’opportunità, la diversità, quell’utopia naturale che è la vera benzina della nostra esistenza e della nostra evoluzione… che una possibilità da qualche parte può esistere. Almeno per i nostri figli.
    L’America è questo, per l’immaginario collettivo questo rappresenta e da questo deriva il suo successo. 
    Accoglienza, integrazione, accettazione… rispetto per le diverse culture.
    Ora è innegabile che dall’undici settembre di quell’anno maledetto tutto sia cambiato… ma l’Aamerica questo è e questo rimane: un sogno, una speranza… una possibilità. Il suo successo e la sua bellezza, il suo fascino è quello.
    Se glielo togli… hai distrutto l’America. Semplicemente continuerà a chiamarsi così ma non esisterà più.
    Quello che stava accadendo con Tramp.
    L’America impaurita ha visto una soluzione nell’uomo forte, ignorante, populista. Un uomo che … c’è mancato poco distruggesse tutto compreso i sogni di tante persone… ma alla fine l’America affidandosi a lui ha solo cercato di difendersi da cose che la ragione non riusciva a risolvere.
    Maledetto 11 settembre. I danni che ha provocato non li quantificherà mai nessuno, continuiamo a viverli quotidianamente senza vederne la fine.
    Altro che Covid.
    Pure Tramp è un figlio di quel giorno maledeto.
     
     
     

  9. belfagor

      

    Mai individuo ha fatto più danni allo spirito e al carattere di una nazione come Trump, è un bene per tutti che questo pericoloso psicopatico se ne vada aff******