Stati Uniti e Cina, ostilità su tutto: coronavirus, 5G, Hong Kong, Onu

Le tensioni tra le due superpotenze sono un grande cambiamento rispetto agli ultimi anni, in cui funzionari cinesi e statunitensi hanno cercato di avviare un dialogo costruttivo a porte chiuse. A chi giova?

0 61 0
0 61 0

(WSC) ROMA – Mentre l’ostilità aumenta tra le due maggiori economie del mondo, l’attività delle Nazioni Unite sta diventando sempre più preda della competizione tra le due superpotenze.

Gli Stati Uniti e la Cina sono al centro di temi caldi su tutto, dal coronavirus alle reti 5G a Hong Kong, e le tensioni si stanno riversando nelle riunioni delle Nazioni Unite, il che aggiunge un livello di difficoltà in un luogo in cui fare le cose è già abbastanza difficile.

I due paesi esercitano il potere di veto come membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, insieme a Regno Unito, Francia e Russia.

“Anche uno o due anni fa, i diplomatici statunitensi hanno descritto i cinesi come ragionevolmente pragmatici nel Consiglio di Sicurezza, nonostante le grandi differenze su questioni come la Siria”, afferma Richard Gowan, direttore delle Nazioni Unite del Gruppo di crisi, un think tank di Bruxelles.

“Le relazioni tra diplomatici cinesi e statunitensi si sono raffreddate in modo incredibilmente rapido”

Nei primi mesi della presidenza di Donald Trump, i due paesi sono riusciti a superare i disaccordi per passare nuove severe sanzioni alla Corea del Nord, liquidare alcune missioni di pace dell’ONU che sono state considerate costose e inefficaci e lavorare per la stabilità in tutta l’Africa.

Ma le relazioni si sono inasprite quando l’amministrazione Trump ha martellato Pechino per la sua risposta precoce al coronavirus, la mano pesante verso le proteste a Hong Kong e la crescente assertività nella lotta per la leadership di organismi globali come l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale.

“Il Consiglio di Sicurezza è stato congelato tra il 1945 e il 1990 a causa della guerra fredda”, afferma l’ambasciatore della Francia presso le Nazioni Unite, Nicolas de Rivière. “E l’ultima cosa che vogliamo ora è vedere che accada di nuovo”.

Guardando al futuro, il Consiglio di Sicurezza dovrà affrontare le decisioni sull’estensione di un embargo sulle armi all’Iran, sul mantenimento degli aiuti umanitari in Siria e sul rinnovo del mandato per una missione in Afghanistan per sostenere i diritti umani e gettare le basi per la pace. Le tensioni non sono nuove. Ancor prima della pandemia, gli Stati Uniti hanno combattuto per impedire ai funzionari cinesi di ottenere i migliori posti di lavoro presso le agenzie delle Nazioni Unite e sono arrivati ​​al punto di creare un nuovo ruolo nel Dipartimento di Stato per contrastare l’ascesa di Pechino nelle istituzioni multilaterali.

La Cina, da parte sua, si è schierata dalla parte della Russia per bloccare gli Stati Uniti e altri sforzi occidentali per far sloggiare il presidente Nicolás Maduro in Venezuela e fornire aiuti umanitari tanto necessari al popolo siriano. A dire il vero, c’è ancora la diplomazia al lavoro.

Raggiungere il consenso non è mai stato facile, ma ora una faida tra superpotenze sta congelando il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

Anche adesso, mentre gli Stati Uniti e la Cina si scannano in pubblico e in privato, continuano a raggiungere tranquillamente intese. Quando gli Stati Uniti hanno cercato di estendere un embargo sulle armi nel Sud Sudan alla fine di maggio per spingere il paese africano verso la pace, la Cina ha espresso disaccordo ma ha scelto di astenersi dal voto, consentendo alla risoluzione di andare avanti.

Allo stesso modo, il Consiglio di Sicurezza si è riunito all’inizio di questo mese per estendere la stessa misura alla Libia. Ma la decisione del presidente Trump di porre fine ai rapporti degli Stati Uniti con l’Organizzazione mondiale della Sanità, un’agenzia delle Nazioni Unite, dimostra quanto sia diventata complicata la diplomazia multilaterale.

La pandemia ha compresso un rapporto sempre più contraddittorio in quanto Trump e il presidente cinese Xi Jinping si concentrano entrambi sull’aumento del loro sostegno interno.

Infrangendo le regole precedenti, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno spinto il Consiglio di Sicurezza a discutere di Hong Kong in seguito alla proposta di Pechino di una legge sulla sicurezza nazionale. Ciò ha fatto infuriare l’ambasciatore cinese, Zhang Jun, che ha affermato in una riunione a porte chiuse che l’interferenza occidentale a Hong Kong è simile alla Cina che interferisce con le proteste degli Stati Uniti contro l’omicidio della polizia di George Floyd.

Questo tipo di bombardamento è un grande cambiamento rispetto agli ultimi anni, in cui funzionari cinesi e statunitensi hanno cercato di avviare un dialogo costruttivo a porte chiuse. I diplomatici hanno spesso notato che mentre i russi erano sempre desiderosi di sovvertire gli sforzi occidentali, la Cina ha cercato di trovare una via di mezzo nei casi in cui i suoi interessi non fossero direttamente minacciati.

De Rivière, l’ambasciatore francese delle Nazioni Unite, ha visto questo cambiamento in prima persona mentre faceva la spola tra gli Stati Uniti e la Cina nelle ultime settimane, nel tentativo di convincere il Consiglio di Sicurezza a sostenere la richiesta del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per un cessate il fuoco globale.

L’iniziativa franco-tunisina è nata quando gli Stati Uniti hanno cercato di inserire la lingua incolpando la Cina per la pandemia, e Pechino ha reagito cercando un linguaggio a sostegno dell’OMS.

Forse il più grande test sarà se gli Stati Uniti e la Cina, insieme alla Russia, possono evitare una crisi in Iran.

L’amministrazione Trump si è allontanata dall’accordo nucleare del 2015 firmato dal presidente Barack Obama. Ma ora, attraverso un argomento legale opaco, minaccia di porre fine all’accordo a meno che il resto del Consiglio di Sicurezza non segua la sua richiesta di estendere un embargo sulle armi a Teheran.

Cina e Russia sostengono che combatteranno la posizione degli Stati Uniti con i denti. Resta da vedere se ci sarà ancora volontà per trovare una soluzione provvisoria. Gowan, l’esperto delle Nazioni Unite, è scettico. “La fiducia”, dice, “sembra essere evaporata”.

Tag

Scrivi un commento