Brzezinski: ‘I populismi deragliano la transizione verso nuovo ordine mondiale’

“L’era digitale comporta la comparsa graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da una élite, libera da valori tradizionali. Presto sarà possibile esercitare una …

0 3766 20
0 3766 20

“L’era digitale comporta la comparsa graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da una élite, libera da valori tradizionali. Presto sarà possibile esercitare una sorveglianza quasi continua su tutti i cittadini e mantenere file completi ed aggiornati che contengono anche le informazioni più personali di ogni cittadino. Questi file potranno essere accessibili in realtime da parte delle autorità“.

_________________________________

La presa di consapevolezza collettiva e i social network sono una minaccia per lo sviluppo dell’agenda globale… Durante un recente discorso in Polonia, l’ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale Zbigniew Brzezinski e massimo guru del “Nuovo Ordine Mondiale” e della necessità di “drogare i popoli con il tittainment” (intrattenimento e tette), una versione moderna della massima imperiale romana “ludi et circenses” per soffocare le istanze dei popoli – ha avvertito i colleghi elitisti che un movimento mondiale di “resistenza” al “controllo esterno” guidata da “attivismo populista” sta minacciando di far deragliare la transizione verso un nuovo ordine mondiale.

I padroni del mondo. Come la cupola della finanza mondiale decide il destino dei governi e delle popolazioni

Definendo l’idea che il 21 ° secolo è il secolo americano “una disillusione condivisa”, Brzezinski ha dichiarato che il dominio americano non è più possibile a causa dell’accelerazione del cambiamento sociale guidato da “comunicazioni di massa istantanee come la radio, la televisione e Internet”, che hanno stimolato un crescente “risveglio universale della coscienza politica di massa.”

L’ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha aggiunto che questo “aumento in tutto il mondo dell’attivismo populista sta dimostrando ostile alla dominazione esterna del tipo che ha prevalso nell’età del colonialismo e dell’imperialismo.”

Brzezinski ha concluso che “la resistenza populista persistente e fortemente motivata di coscienza politica e dei popoli risvegliati e storicamente avversi al controllo esterno ha dimostrato di essere sempre più difficile da eliminare.”

Anche se Brzezinski ha commentato in tono neutro, il contesto in cui ha parlato, unitamente alle sue precedenti dichiarazioni, indicherebbe che questa non è una celebrazione della “resistenza populista”, ma una perplessità per l’impatto che questo sta avendo sul tipo di “controllo esterno” che Brzezinski ha sostenuto più volte.

Queste considerazioni sono state effettuate a un evento per il Forum europeo per le nuove idee (EFNI), un’organizzazione che sosterrebbe la trasformazione dell’Unione europea in un anti-democratico federale superstato, il tipo stesso di “controllo esterno” a cui messa in pericolo è stata sottolineata da Brzezinski durante il suo speech.

In questo ambito, bisogna comprendere che l’argomentazione di Brzezinski sulla “resistenza populista” di notevole ostacolo per l’imposizione di un nuovo ordine mondiale è da interpretare più come un avvertimento che come riconoscimento/celebrazione.

Tieni anche in considerazione ciò che Brzezinski ha scritto nel suo libro Between Two Ages: il ruolo dell’America nell’era tecno-digitale, in cui ha sostenuto il controllo delle popolazioni da parte di una classe politica tramite la manipolazione digitale.

“L’era digitale comporta la comparsa graduale di una società più controllata. Una tale società sarebbe dominata da una élite, libera da valori tradizionali. Presto sarà possibile esercitare una sorveglianza quasi continua su tutti i cittadini e mantenere file completi ed aggiornati che contengono anche le informazioni più personali di ogni cittadino. Questi file potranno essere accessibili in realtime da parte delle autorità “, ha scritto Brzezinski.

“Nella società digitale la tendenza sembra essere verso l’aggregazione dei supporti individuali di milioni di cittadini non coordinati, facilmente alla portata di personalità magnetiche ed attraenti che sfruttano le più recenti tecniche di comunicazione per manipolare le emozioni e controllare le decisioni”, ha scritto nello stesso libro.

La preoccupazione improvvisa di Brzezinski per l’impatto di una popolazione politicamente risvegliata globale non è figlia dell’idea che Brzezinski si identifichi con la stessa causa. Brzezinski è il fondatore della potente Commissione Trilaterale, un luminare del Council on Foreign Relations ed un partecipante regolare del Bilderberg. Una volta è stato descritto dal presidente Barack Obama come “uno dei nostri pensatori più importanti”. Questa non è affatto la prima volta che Brzezinski ha lamentato la crescita di una opposizione populista alla dominazione da parte di una piccola elite.

Era stato nel corso di un meeting del CFR del 2010 che Brzezinski aveva avvertito i colleghi globalisti colleghi che un “risveglio politico globale”, in combinazione con lotte interne tra le élite, minacciava di far deragliare la transizione verso un governo mondiale.
Nota caprina: e noi, allora, ne avevamo parlato. Perchè quando Brzezinki parla, è sempre opportuno ascoltare con attenzione.

Fonte: Disinformazione.it

segnalato da ronin, grazie!

Tag

Scrivi un commento

20 commenti

  1. Avatar

      

    Ho trovato anche questa chicca della degna figlia dI Brzezinski che come suo padre afferma ” Il nostro ruolo è controllare ciò che la gente pensa” 
     http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-giornalista_usa_il_nostro_ruolo__controllare_esattamente_quello_che_la_gente_pensa/82_19084/

  2. Avatar

      

     
    Elmoamf
    non c’è niente da perdonare visto che mi chiamo mario
     
     

  3. Elmoamf

      

    Stimato Mario (perdonami ma per me Mario rimani),
    Per certi versi hai colto nel giusto… un velo di amarezza mi trapassa l’animo…
    Cio nonostante l’ostinazione cocciuta nel cercar la giusta via resta sempre una priorità istintiva.
    Ti ringrazio come sempre per la sensibilità con cui accenni ai miei “indirizzi”… non merito tanto e ultimamente poi non scrivo più altrettanto…La necessità di ritrovare nuovi stimoli mi ha ricondotto ad una certa “origine” capace di dare un senso ed un perché ai miei interventi.
    Come accenato in precedenza… scrivere e basta non è sufficiente… serve una certa seria e sostanziale militanza.
    Lo scritto è una conseguenza di pensieri e azioni esposti e vissuti in qualità di sperabile “esempio” e tentato sviluppo… nel viver quotidiano… della migliore parte di noi stessi.
    Riflettere e far riflettere, conoscere e partecipare gli altri di determinate conoscenze… aiuta a diffondere un maggior senso di responsabilità nell’approccio con la realtà.
    Capisco l’ottimismo di alcuni e ne sono lieto.
    Non bisogna cedere al vittimismo, all’autocommiserazione o al catastrofismo fatalistico… ma bisogna esser necessariamente concreti e pragmatici nell’approccio con i fatti e con gli uomini.
    Caro Normal… sperare che il cielo si verghi di azzurro cristallino e che il sole splenda ogni mattina non smuove di una virgola le difficoltà che i rapporti umani nell’attuale ed epocale crisi sociale si trovano a dover affrontare.
    Il vissuto degli ultimi tre decenni non ritengo abbia allevato una sufficiente capacità critica capace di far fronte al potere precostituito attualmente in essere.
    Non ritengo sia una questione di meglio o peggio rispetto al ruolo che le diverse generazioni hanno avuto o svolto nel tempo ma di adeguato o inadeguato rispetto alle risposte che l’attuale disordine esistenziale pone in essere.
    E l’attuale disordine esistenziale richiede una serietà, responsabilità, fermezza e soprattutto cognizione di causa che onestamente non riscontro in giro… e di persone ne incontro tante… troppe!
    Caro Mulder “Il risveglio verso la sovranità e l’autodeterminazione sarà lento, ma inesorabile”… nella misura in cui sarà lenta l’agonia o nella misura in cui sarà prossima la reazione?
    Per come sono uso analizzare le situazioni… ahimé non noto una così diffusa capacità di reazione se non nella misura in cui questa sia in grado di esprimersi in una certa maestria e perizia in meri termini di sopravvivenza da parte di chi tenta di rimanere a galla… magari affondando il prossimo. Quest’ulimo concetto ci porta quindi all’agonia… cui molti sinceramente si sono affidati come in una eterna eclissi o eutanasia singolarmente collettiva.
    Ciò di certo non spunta affatto e completamente le armi degli oppositori alla presente e, per innumerevoli versi, opprimente realtà… poiché è proprio nel momento dell’estrema sofferenza che la lucidità del pensiero mostra le sue più intime virtù.
    Tali virtù non vanno però disperse o sprecate e responsabilmente vanno rivendicate nel peso delle conversazioni… ad ogni livello.
    Ci aggrappiamo tutti come lo scorpione sulla rana nel guado del fiume… per non soccombere ed al tempo stesso siamo prede costanti di quelle intime e profonde tenzazioni che le nostre passioni inevitabilmente fanno emergere mettendo a rischio perpetuo l’altrui come la nostra stessa vita.
    Come affrontare una tale e contraddittoria realtà?
    Un’ipocrisia che ci “attraversa” dalla nascità e ci accompagna e sostiente durante l’intero percorso esistenziale in spesso “incoerenti” prese di posizione?
    Non ho una risposta definità su tale ancestrale quesito… posso solo dire, come spesso ho fatto… che l’unicas certezza è il Dubbio.
    E partendo da questo assunto… affermare che: Chiunque si faccia padrone dispotico di certezze vada necessariamente affrontato e messo in questione… poiché la ricerca della felicità è nella condivisione e non nell’imposizione del proprio volere.
    In conclusione: il percorso è arduo, assai arduo. Costellato di innumerevoli sacrifici che non tutti sono disposti ad affrontare. Chi non sarà in grado ma avrà volontà e responsabilità… andra aiutato… Chi si arrenderà perché impossibilitato dagli eventi a cogliere o sfruttare o far valere quelle opportunità su cui un tempo poteva contare… andrà abbandonato freddamente e non per cinismo ma per sano senso di responsabilità!
    E che il buon Dio ci perdoni per tutte quelle ferme decisioni che saremo costretti a prendere!
    Un saluto,
    Elmoamf
    Originariamente inviato da ronin:   Elmoamf si lo so, ma mi era sembrato tu avessi un momento tristezza visto quello che c’è in giro permettimi di mettere uno degli indirizzi dove scrivi   http://elmoamf.blogspot.it/    
     

    Originariamente inviato da Elmoamf:

    First of All… Mario grazie per il pensiero ma sono sicuro che Tu abbia ben fermo il mio indomito pensiero… quel pensiero che, nonostante tutto, non si da mai per vinto… neanche di fronte all’arroganza e alla violenza… che sia fisica o di pensiero…Mulder… grazie per l’attenzione… non pensavo di sollevare un tal polverone… ma azz… evidentemente l’ho sollevato!!! Non ho gettato la spugna, se è questo che pensi… ho sollevato un interrogativo sul quale tutti si dovrebbe riflettere!Serve militanza di principi e valori poiché la sola essenza delle parole non farà mai breccia da sola. Te lo dice uno che è in frontiera o meglio al fronte delll’umano quotidiano pensiero… per certi versi… tutti i giorni… e di lavoro con le umane genti ce ne è tanto da fare… credimi!!! Un saluto, Elmoamf

     
     
     

  4. Avatar

      

    La risposta mi giunge spontanea… 
    Com’è che abbiamo educato i nostri figli ?
    Esiste una generazione vecchia ma buona. Una generazione attuale scarsa e depessa… e una generazione nuova invisibile ma potenzialmente ben impostata malgrado tutto.
    Parlando di chi tesse e tesserà il bandolo della matassa.
    I figli nostri, secondo me saran meglio di noi. Quelli di generazione abbastanza giovane da essere invisibile attualmente intendo…
    Sono ottimista.
     
     
     

    Originariamente inviato da Elmoamf: Al di là di alcune evidenze nella gestione del potere… chiare o meglio distinguibili come sempre da una misura ristretta di osservatori (quella cui, per intenderci, il dubbio quanto la curiosità del viver comune… sono capaci di suscitare più di un banale interrogativo e pertanto hanno il coraggio di metter lucidamente tutto in discussione)… il peso e l’intransigenza di taluni centri di pensiero globale  (i Think Tank di speculativo interesse socio-esistenziale) è rimane assodato! La questione pertanto dovrebbe porsi nei termini attraverso cui tale potere sia in grado di essere riconosciuto, compreso e… nel caso… necessariamente contrastato… alli scopo di far emergere un maggior equilibrio di forze! Vi è oggi materiale umano in grado di opporsi? Ecco… cone da sempre interroga il prossimo Marzullo… poniamoci la domanda e poi diamoci la risposta! Non v’è salvezza in questo mondo per gli uomini di buona volontà. Un saluto. Elmoamf 

     

  5. Avatar

      

     
    Elmoamf
    si lo so, ma mi era sembrato tu avessi un momento tristezza visto quello che c’è in giro
    permettimi di mettere uno degli indirizzi dove scrivi
     
    http://elmoamf.blogspot.it/
     
     

    Originariamente inviato da Elmoamf:

    First of All… Mario grazie per il pensiero ma sono sicuro che Tu abbia ben fermo il mio indomito pensiero… quel pensiero che, nonostante tutto, non si da mai per vinto… neanche di fronte all’arroganza e alla violenza… che sia fisica o di pensiero…Mulder… grazie per l’attenzione… non pensavo di sollevare un tal polverone… ma azz… evidentemente l’ho sollevato!!! Non ho gettato la spugna, se è questo che pensi… ho sollevato un interrogativo sul quale tutti si dovrebbe riflettere!Serve militanza di principi e valori poiché la sola essenza delle parole non farà mai breccia da sola. Te lo dice uno che è in frontiera o meglio al fronte delll’umano quotidiano pensiero… per certi versi… tutti i giorni… e di lavoro con le umane genti ce ne è tanto da fare… credimi!!! Un saluto, Elmoamf

     

  6. Avatar

      

    “valutare e vagliare. fidarsi  mai”
    E’ il mio motto!,
    Ho imparato, nella mia lunga esistenza, ad usare il ben dell’intelletto che Dio mi ha dato; ho imparato che , per ogni vicenda, c’è sempre il rovescio della medaglia.che deve essere ricercato; ho imparato che in puzzle tutte le tesserine si devono incastrare e se ciò non succede, devo verificare  perchè ciò non avviene. 

    Originariamente inviato da robyuankenobi: gentilissima CONSU  l’informazione o meglio la ..disinformazione  vale come una divisione in guerra.  Al tempo dei romani ad esempio  gli sconfitti venivan condannati alla.. damnatio memoriae.. cioè venivan distrutti busti scritti o quanto ricordasse quella persona. al tempo dei greci esisteva..l’ostracismo.. dal greco  ..ostrakon ..  cioe  ostriche perchè le missive delatorie venivan incise su ostriche  e consegnate alle autorità.  ma  in tempi recenti goebbels   fù un vero artista, per non parlare  di stalin e pure, in tono minore da Mussolini. i famosi film  LUCE…Calunnia, calunnia qualcosa resta sempre. oggi poi con la velocità internettiana  le ..bufale.. nascono e muoiono nel batter di ciglia. Ergo occorre essere forti per sè stessi ..  valutare e vagliare. fidarsi  mai. Originariamente inviato da Consuelo:  ” Il potere è in mano a coloro che controllano l’informazione ” Partendo da questa citazione di Brzezinski  e collegandomi all’accusa che Paul Craig Roberts fa alla CIA, riporto ciò che lo stesso Craig scrive: “The real question is: Why don’t other countries create alternatives to Google? Why rely on the American-built Internet system that is now under attack of the CIA and is being taken over like print and TV media? The rest of the world has got to start looking after itself and develop its own Internet, its own ways of putting out the information. Why do they all rely on American Twitter, Facebook, Google? We cannot rely on the American stuff! These are subjects of CIA manipulation. http://katehon.com/article/cia-plot-against-alternative-media  

     

  7. robyuankenobi

      

    gentilissima CONSU  l’informazione o meglio la ..disinformazione  vale come una divisione in guerra.  Al tempo dei romani ad esempio  gli sconfitti venivan condannati alla.. damnatio memoriae.. cioè venivan distrutti busti scritti o quanto ricordasse quella persona. al tempo dei greci esisteva..l’ostracismo.. dal greco  ..ostrakon ..  cioe  ostriche perchè le missive delatorie venivan incise su ostriche  e consegnate alle autorità.  ma  in tempi recenti goebbels   fù un vero artista, per non parlare  di stalin e pure, in tono minore da Mussolini. i famosi film  LUCE…Calunnia, calunnia qualcosa resta sempre. oggi poi con la velocità internettiana  le ..bufale.. nascono e muoiono nel batter di ciglia. Ergo occorre essere forti per sè stessi ..  valutare e vagliare. fidarsi  mai. Originariamente inviato da Consuelo:  ” Il potere è in mano a coloro che controllano l’informazione ” Partendo da questa citazione di Brzezinski  e collegandomi all’accusa che Paul Craig Roberts fa alla CIA, riporto ciò che lo stesso Craig scrive: “The real question is: Why don’t other countries create alternatives to Google? Why rely on the American-built Internet system that is now under attack of the CIA and is being taken over like print and TV media? The rest of the world has got to start looking after itself and develop its own Internet, its own ways of putting out the information. Why do they all rely on American Twitter, Facebook, Google? We cannot rely on the American stuff! These are subjects of CIA manipulation. http://katehon.com/article/cia-plot-against-alternative-media
     

  8. Avatar

      

     Elmoamf… non ho pensato per un solo momento che avessi gettato al spugna..ma ho fatto mie le tue parole solo perche’ non sarei capace di esprimerle meglio…!!  Un saluto a te..!!

  9. Elmoamf

      

    First of All…
    Mario grazie per il pensiero ma sono sicuro che Tu abbia ben fermo il mio indomito pensiero… quel pensiero che, nonostante tutto, non si da mai per vinto… neanche di fronte all’arroganza e alla violenza… che sia fisica o di pensiero…Mulder… grazie per l’attenzione… non pensavo di sollevare un tal polverone… ma azz… evidentemente l’ho sollevato!!!
    Non ho gettato la spugna, se è questo che pensi… ho sollevato un interrogativo sul quale tutti si dovrebbe riflettere!Serve militanza di principi e valori poiché la sola essenza delle parole non farà mai breccia da sola.
    Te lo dice uno che è in frontiera o meglio al fronte delll’umano quotidiano pensiero… per certi versi… tutti i giorni… e di lavoro con le umane genti ce ne è tanto da fare… credimi!!!
    Un saluto,
    Elmoamf

  10. Avatar

      

     Non sara’ un pecorso facile o veloce, ma e’ iniziato:
    Il risveglio verso la sovranità e l’autodeterminazione sarà lento, ma inesorabile, e dovrà essere caratterizzato, sotto il profilo filosofico e antropologico, da presa di coscienza del male causato dalla sottomissione e dalla sistematica distorsione della realtà, del linguaggio e delle discipline per l’affermazione di costrutti e declinazioni che rendono strutturale l’ingiustizia e che conducono all’inasprimento di conflitti di ogni natura.”

  11. Avatar

      

     ” Il potere è in mano a coloro che controllano l’informazione ”
    Partendo da questa citazione di Brzezinski  e collegandomi all’accusa che Paul Craig Roberts fa alla CIA, riporto ciò che lo stesso Craig scrive:
    “The real question is: Why don’t other countries create alternatives to Google? Why rely on the American-built Internet system that is now under attack of the CIA and is being taken over like print and TV media?
    The rest of the world has got to start looking after itself and develop its own Internet, its own ways of putting out the information. Why do they all rely on American Twitter, Facebook, Google? We cannot rely on the American stuff! These are subjects of CIA manipulation.
    http://katehon.com/article/cia-plot-against-alternative-media

  12. Avatar

      

     

    Elmoamf
    questa era per belfagor, ma credo valga anche per te:
     
    Se sei triste sorridi, la morte è peggio!
    Se sei arrabbiato sorridi, la morte è peggio!
    E se sei morto sorridi lo stesso, tanto il peggio è passato!
     

    Originariamente inviato da Elmoamf:

    Al di là di alcune evidenze nella gestione del potere… chiare o meglio distinguibili come sempre da una misura ristretta di osservatori (quella cui, per intenderci, il dubbio quanto la curiosità del viver comune… sono capaci di suscitare più di un banale interrogativo e pertanto hanno il coraggio di metter lucidamente tutto in discussione)… il peso e l’intransigenza di taluni centri di pensiero globale  (i Think Tank di speculativo interesse socio-esistenziale) è rimane assodato! La questione pertanto dovrebbe porsi nei termini attraverso cui tale potere sia in grado di essere riconosciuto, compreso e… nel caso… necessariamente contrastato… alli scopo di far emergere un maggior equilibrio di forze! Vi è oggi materiale umano in grado di opporsi? Ecco… cone da sempre interroga il prossimo Marzullo… poniamoci la domanda e poi diamoci la risposta! Non v’è salvezza in questo mondo per gli uomini di buona volontà. Un saluto. Elmoamf 

     

  13. Avatar

      

    Egregio Elmoaf…se non avessimo qualche speranza non staremmo qui a perdere tempo prezioso… Non e’ forse questo il momento di battere il ferro mentre e’ caldo?  Un periodo di transizione globale, come questo,  in cui tutto puo’ succedere, e sembra accadere, potrebbe essere l’occasione buona perche’ qualcosa finalmente cambi, in meglio..
     
    Quelli spaventati, scoordinati,  sono l’ 1% degli straricchi, delle lobby , che cercano di impaurire i cittadini con ogni mezzo, per farli tacere, perche’ non si svelino le trame dell’impoverimento e della sottomissione…Ci vogliono pure costringere alla guerra , per il loro interesse…
     
    Cosa possono ancora toglierci? La pensione, la mutua ?? E dopo , come pensano di sopravvivere, forse scappando sui pianeti appena scoperti ?? E’ la loro avidita’ che li condannera’, e non sapranno accontentarsi...
     
    L’America di oggi e’ un esempio di cio’ che non hanno capito l’ 1%. La guerra contro i Padroni del Mondo e’ iniziata : non possono che perdere.    Il Materiale umano in grado di opporsi, sono 7 miliardi di persone.. e non li puo’ fermare NESSUNO.
     

  14. Elmoamf

      

    Al di là di alcune evidenze nella gestione del potere… chiare o meglio distinguibili come sempre da una misura ristretta di osservatori (quella cui, per intenderci, il dubbio quanto la curiosità del viver comune… sono capaci di suscitare più di un banale interrogativo e pertanto hanno il coraggio di metter lucidamente tutto in discussione)… il peso e l’intransigenza di taluni centri di pensiero globale  (i Think Tank di speculativo interesse socio-esistenziale) è rimane assodato!
    La questione pertanto dovrebbe porsi nei termini attraverso cui tale potere sia in grado di essere riconosciuto, compreso e… nel caso… necessariamente contrastato… alli scopo di far emergere un maggior equilibrio di forze!
    Vi è oggi materiale umano in grado di opporsi?
    Ecco… cone da sempre interroga il prossimo Marzullo… poniamoci la domanda e poi diamoci la risposta!
    Non v’è salvezza in questo mondo per gli uomini di buona volontà.
    Un saluto.
    Elmoamf 

  15. Cesare58

      

    Caro Roby uno del genere non mette in vendita nulla, non cerca un acquirente, ti obbliga a comperare quello che lui vuole, al prezzo che desidera e nei tempi e modi che ritiene opportuni. Uno come lui l’avrei visto bene come kapò a dirigere il traffico nei forni crematori.

    Originariamente inviato da robyuankenobi: nel caso specifico dovrebbe pensarci il..PRINCIPALE.. dall’alto dei cieli.  ma visto così in foto caro cesare compreresti un auto usata da stanislao mulinski?
     

    Originariamente inviato da Cesare58: Persona inquietante che da una chiara idea delle persone che hanno dominato l’occidente finora. Siamo nelle mani di assassini prezzolati e psicolabili che giocano con le vite di miliardi di persone in un’ottica schizofrenica di dominio economico, politico e culturale. Questo assetto elitario globale va eliminato fisicamente per il bene dell’umanità al più presto.

     

     
     

  16. Avatar

      

    Questo personaggio nel 1997 scrisse nel suo libro LA GRANDE SCACCHIERA che per ottenere l’approvazione della popolazione americana ad una azione di forza necessaria all’allargamento dell’influenza Usa in Asia una “nuova Pearl  Harbor sarebbe necessaria per non limitare la capacità Usa di intimidazione militare.” E nel 2014 scrisse che “l’Ukraina è di importanza decisiva e Putin non è più un partner credibile”. Definirlo guerrafondaio sembrerebbe poco.

  17. Avatar

      

    Grazie a Ronin per questo articolo!

  18. robyuankenobi

      

    nel caso specifico dovrebbe pensarci il..PRINCIPALE.. dall’alto dei cieli.  ma visto così in foto caro cesare compreresti un auto usata da stanislao mulinski?

    Originariamente inviato da Cesare58: Persona inquietante che da una chiara idea delle persone che hanno dominato l’occidente finora. Siamo nelle mani di assassini prezzolati e psicolabili che giocano con le vite di miliardi di persone in un’ottica schizofrenica di dominio economico, politico e culturale. Questo assetto elitario globale va eliminato fisicamente per il bene dell’umanità al più presto.

     

  19. Cesare58

      

    Persona inquietante che da una chiara idea delle persone che hanno dominato l’occidente finora. Siamo nelle mani di assassini prezzolati e psicolabili che giocano con le vite di miliardi di persone in un’ottica schizofrenica di dominio economico, politico e culturale. Questo assetto elitario globale va eliminato fisicamente per il bene dell’umanità al più presto.

  20. robyuankenobi

      

    governare  con la complicità delle  elites è molto più facile essendo un numero ristretto e ben foraggiato. coi populismi è più difficile. caro stanislao mulinski