Truffa Bitcoin: hackerati account Twitter di Gates, Musk, Bezos e anche Obama

Cyber terroristi certamente repubblicani: chiesti soldi in BTC dai profili di noti personaggi anti Trump, tra cui Joe Biden e Mike Bloomberg.

0 427 0
0 427 0

(WSC) NEW YORK – Gli account Twitter di Elon Musk, Bill Gates e Jeff Bezos sarebbero stati hackerati per promuovere una truffa legata al Bitcoin. Dagli account dei tre big della Silicon Valley sono stati postati messaggi che promettevano di raddoppiare l’ammontare dei pagamenti in Bitcoin inviati ai loro indirizzi. Musk ha twittato assicurando di aumentare la cifra ricevuta perché “generoso a causa del coronavirus”. Nel mirino anche Obama.

Hacker in azione anche contro il profilo di Joe Biden, Bloomberg ed  account di Apple, Uber e Kanye West.

Ai tre big della Silicon Valley hackerati gli account

Twitter: “Stiamo indagando, account bloccati” “Siamo a conoscenza dell’incidente che sta avendo un impatto sugli account su Twitter. Stiamo indagando e prendendo misure per risolverlo”. Lo afferma Twitter che ha bloccato gli account verificati: gli utenti non posso inviare tweet o cambiare la password fino a che sono in corso le indagini. Solo dopo qualche ora gli account verificati, quelli relativi a persone famose, sono stati riattivati.

Falla nei sistemi usata da un hacker – La natura dell’attacco hacker condotto su Twitter, “efficace ma amatoriale”, lascia pensare che sia stata l’opera di un singolo hacker e non di uno Stato. Lo riporta il New York Times citando alcune fonti a conoscenza delle valutazioni preliminari dell’intelligence americana sul caso. L’ampiezza dell’attacco sembra anche indicare che il problema sia stato causato da una falla nella sicurezza di Twitter.

Jack Dorsey: giornata difficile per noi a Twitter – “Giornata difficile per noi a Twitter. Ci sentiamo tutti male per quanto accaduto. Stiamo diagnosticando e condivideremo tutto il possibile quando avremo un quadro più chiaro di quanto accaduto”. Lo twitta Jack Dorsey, il fondatore e amministratore delegato di Twitter.

Tag

Scrivi un commento