I cinque lavori più richiesti alla Silicon Valley

L’agenzia Openjobmetis ha fatto un viaggio negli Stati Uniti alla scoperta delle professioni che segneranno il futuro dell’It. Eccole, segnalate da Il Sole 24 Ore. 1. Business Intelligence …

0 2992 0
0 2992 0

L’agenzia Openjobmetis ha fatto un viaggio negli Stati Uniti alla scoperta delle professioni che segneranno il futuro dell’It. Eccole, segnalate da Il Sole 24 Ore.

1. Business Intelligence Analyst Retribuzione: 28mila-36mila euro

Il ruolo del business intelligence analyst è raccogliere e sintetizzare dati, per migliorare profitti (e strategie) della società. Lo “scavo” di numeri passa per l’utilizzo di software, attività di analisi e indagini sull’efficienza dell’azienda. Il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti la include tra le specializzazioni più in crescita tra 2010 e 2020, per uno stipendio stimato dal portale Payscale su una media di 66mila dollari (quasi 59mila euro) sul mercato domestico. In Italia, il margine si abbassa un po’: dai 28mila euro del contratto di ingresso ai 36mila che si possono percepire dopo i primi anni di carriera. Requisiti: laurea in informatica o discipline economiche, padronanza degli strumenti di data mining e conoscenza perfetta dell’inglese. Solo sulla pagina internazionale di Monster (jobs.monster.com) sono attive più di 1000 ricerche.

2. Security system administrator Retribuzione: 25mila-40mila euro

Openjobmetis lo descrive come il «guardiano del sistema informatico». La definizione è d’effetto, ma precisa: il security system administrator presiede alla cyber sicurezza dei portali, con funzioni che vanno dal monitoraggio del traffico sospetto all’installazione di anti-virus. Due i gradini di retribuzione: dai 25 ai 30mila per i profili junior, dai 30mila ai 40mila (e oltre) per gli specialisti con qualche anno di esperienza alle spalle. I progressi di carriera possono spingere a funzioni amministrative come security manager e security director.

>>> continua a leggere 

di Alberto Magnani

Questo articolo e’ stato originariamente pubblicato da Il Sole 24 Ore

 

Tag

Scrivi un commento