Stati Uniti: “Un atto di guerra” l’attacco dell’Iran all’Arabia Saudita

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha convinto Trump a ulteriori sanzioni contro il governo di Teheran". Nessuno vuole il conflitto ma...

0 270 0
0 270 0

Le tensioni tra gli Stati Uniti e l’Iran sono in forte aumento, mentre il segretario di Stato Mike Pompeo ha denunciato gli attacchi del fine settimana all’industria petrolifera saudita come un “atto di guerra” e Trump ha ordinato un sostanziale rafforzamento delle sanzioni contro il governo di Teheran“. (WashPost)

Iran warns U.S. of ‘all-out war’ if attacked

Pompeo, che ieri è sbarcato in Arabia Saudita, ha detto ai giornalisti: “I sauditi sono la nazione che è stata attaccata. E’ accaduto sul loro suolo. Si è trattato di un atto di guerra contro di loro direttamente”.

Guerra all’Iran al fianco dei sauditi, Trump: “siamo pronti”

DUBAI, Emirati Arabi Uniti (AP) – Il ministro degli Esteri iraniano ha avvertito giovedì che qualsiasi attacco al suo paese sulla questione dei droni e missili lanciati contro l’industria petrolifera dell’Arabia Saudita, provocherà una “guerra totale“, spingendo ulteriormente le tensioni in tutto il persiano Golfo.

I commenti di Mohammad Javad Zarif rappresentano l’avvertimento più severo offerto finora dall’Iran in una lunga estate di misteriosi attacchi e incidenti a seguito del crollo dell’accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali, oltre un anno dopo che Donald Trump ha ritirato unilateralmente l’America dall’accordo.

I commenti di Zarif sembrano anche essere in risposta al segretario di Stato americano Mike Pompeo, che il giorno prima durante un viaggio in Arabia Saudita si era riferito all’attacco come a un “atto di guerra“. Alla domanda della CNN quale sarebbe la conseguenza di un blitz militare statunitense o saudita, Zarif ha dichiarato: “Guerra totale”. Ciò causerebbe “molte vittime”, ha sottolineato.

Il ministro degli Esteri iraniano: “Guerra totale”. Causerebbe “molte vittime”

“Sto affermando molto seriamente che non vogliamo impegnarci in uno scontro militare”, ha detto Zarif. “Ma non batteremo ciglio per difendere il nostro territorio.” Il ministro iraniano ha aggiunto che qualsiasi sanzione inflitta dagli Stati Uniti all’Iran dopo il ritiro dall’accordo nucleare dovrebbe essere revocata prima di poter prendere in considerazione ulteriori negoziati. “Hanno fatto tutto il possibile e non sono stati in grado di metterci in ginocchio”, ha detto Zarif.

Pompeo, che era appena arrivato negli Emirati Arabi Uniti, non ha immediatamente risposto all’avvertimento di Zarif. Il massimo esponente della diplomazia americana si è incontrato giovedì scorso con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman a Jiddah, per discutere dell’attacco di sabato a un cruciale impianto di trasformazione e giacimento petrolifero, che ha dimezzato la produzione di petrolio del regno.

I ribelli houthi dello Yemen appoggiati dall’Iran hanno rivendicato l’attacco

I ribelli houthi dello Yemen appoggiati dall’Iran hanno rivendicato l’attacco, ma gli Stati Uniti sostengono che l’Iran abbia effettuato l’assalto. “Gli Stati Uniti stanno con l’Arabia Saudita e sostengono il suo diritto a difendersi”, ha twittato Pompeo. “Il comportamento minaccioso del regime iraniano non sarà tollerato”.

Il presidente Donald Trump non si è impegnato sul fatto che avrebbe ordinato ritorsioni militari statunitensi. Mercoledì aveva dichiarato separatamente che si sta muovendo rafforzare le sanzioni economiche contro Teheran per l’attacco, senza specificare. L’Iran è già soggetto a un duro programma di sanzioni americane mirato alla sua industria petrolifera.

Una nuova coalizione a cui partecipano anche gli Emirati Arabi Uniti 

Pompeo ha incontrato il potente principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan. Gli Emirati Arabi Uniti sono uno stretto alleato dell’Arabia Saudita e si sono uniti al regno nella sua guerra nello Yemen contro gli Houti. Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato giovedì di essersi uniti a una coalizione guidata dagli Stati Uniti per proteggere le vie navigabili del Medio Oriente dopo l’attacco alle installazioni petrolifere saudite.

L’agenzia di stampa statale WAM ha citato Salem al-Zaabi del ministero degli Esteri degli Emirati affermando che gli Emirati Arabi Uniti si sono uniti alla coalizione per “garantire la sicurezza energetica globale e il continuo flusso di forniture energetiche all’economia globale”. L’Arabia Saudita si è unita alla coalizione mercoledì. Anche Australia, Bahrein e Regno Unito partecipano.

Tag

Scrivi un commento