Borse, ribassisti all’angolo e nuova fase rialzista. UBS: “Continueranno a salire”

Secondo la banca svizzera le azioni sono da sovrappesare. Da parte sua il Chief Investment Strategist di Leuthold è convinto che l'espansione continuerà, a prescindere dall'incremento dei casi di contagio.

0 95 0
0 95 0

(WSC) MILANO – Le Borse continueranno a salire con o senza ripresa a V, perché “è molto difficile che venga di nuovo chiusa l’economia”. È l’opinione condivisa da alcuni strategist e gestori di spicco. Tra questi si possono citare Jim Paulsen del gruppo Leuthold e uno dei wealth manager di punta di UBS.

La banca svizzera ritiene che nonostante i rischi crescenti di una seconda ondata di contagi, le attività economiche non si interromperanno più come avvenuto durante il lockdown. Secondo il Chief Investment Strategist Paulsen si può contare su una “nuova espansione” delle Borse, con i listini azionari che attraversano “una nuova fase rialzista”.

Dal punto di vista macro, per il wealth manager di UBS Alejo Czerwonko nel terzo trimestre prenderà il via una ripresa sostenibile dell’economia. “Ci aspettiamo che i nuovi casi vengano gestiti relativamente bene dai sistemi sanitari mondiali”, ha dichiarato ai microfoni della CNBC.

Borse promosse, da sovrappesare in portafoglio

È giunto pertanto il momento, a detta dell’analista specializzato nei mercati emergenti, di aumentare l’esposizione alle Borse mondiali nel proprio portafoglio di investimenti. Czerwonko è ottimista circa la scoperta di una cura per combattere il nuovo coronavirus. Il concetto è: ci vorrà del tempo ma ci arriveremo.

La speranza di un vaccino o di una terapia appropriata, unita alle azioni straordinarie e coordinate delle banche centrali, hanno continuato a sostenere i titoli finanziari più rischiosi sin qui. Citando le politiche di sostegno senza precedenti dei governi per attutire l’impatto della pandemia di Covid-19, l’analista ha alzato il rating sulle Borse mondiali a “most preferred” (overweight) dal giudizio neutrale di una settimana fa.

“I governi e le banche centrali di tutto il mondo hanno continuato a iniettare quantità enormi di denaro nel sistema”, osserva lo strategist. Aggiungendo che i contagi continueranno a riprodursi finché non verrà trovata una cura disponibile per tutti. In tutti i casi anche prima che un vaccino venga commercializzato, “la forza della ripresa non verrà intaccata” concretamente.

Morgan Stanley: utili societari sorprenderanno in positivo

Durante l’estate le economie – stima sempre Czerwonko – allenteranno gradualmente le misure di contenimento. La previsione di UBS Global Wealth Management è dunque per una “ripresa sostenuta dell’economia a cominciare dal terzo trimestre e un ritorno alla normalità per le attività sociali nella prima metà del 2021″.

Anche secondo Paulsen, membro del board della società indipendente di ricerche di investimento Leuthold, nemmeno un incremento dei casi di contagio impedirà alle economie principali mondiali di riprendersi. E questo darà un’ulteriore spinta alle Borse, le quali viaggiano già su livelli record.

Uno dei fattori che potrebbe frenare questa corsa è legato all’andamento degli utili societari. Visto che mezzo mondo è rimasto in lockdown tra aprile e maggio, molti economisti sono pessimisti sui risultati del secondo trimestre. Non è il caso di Mike Wilson di Morgan Stanley, tuttavia. Il Chief US Equity strategist della banca è convinto che “sorprenderanno in positivo”.

Tag

Scrivi un commento