D’Alema: “Patto Renzi – Berlusconi affosserà il PD, faciliterà il M5S”

Non sarà Nazareno bis, ma un incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si farà. Avverrà nei prossimi giorni, a ridosso della direzione del Pd, la prima dopo …

0 1383 5
0 1383 5

Non sarà Nazareno bis, ma un incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si farà. Avverrà nei prossimi giorni, a ridosso della direzione del Pd, la prima dopo il congresso. La base della riforma elettorale da cui si partirà per il confronto tra i due leader sarà lo schema proporzionale simil-tedesco, anche se di tedesco non ha quasi niente.

Ma visto che il leader del Pd vuole chiudere l’approvazione della riforma entro la pausa estiva ha bisogno di una maggioranza larga e per questo vuole coinvolgere nell’intesa anche il Movimento Cinque Stelle. Operazione complicata, apparentemente, ma i Cinquestelle hanno più volte detto – attraverso Luigi Di Maio e Danilo Toninelli – di essere disposti a discutere per decidere regole condivise. Ma in quel caso l’invito è partito non dall’ex presidente del Consiglio ma dal capogruppo del Pd alla Camera Ettore Rosato ha invitato i delegati Cinquestelle in un incontro che si terrà lunedì.

Il ritorno all’asse Renzi-Berlusconi spinge Massimo D’Alema a dire che il segretario del Pd ha stravinto le primarie anche perché “non ha detto la verità sul suo progetto: allearsi con Berlusconi. Del resto, il suo modello è House of Cards“. Per questo oggi l’ex leader dei Ds dice che la scissione del Pd non solo era “inevitabile”, ma “persino tardiva”. “Meglio prendere il 3 per cento a favore di ciò che si ritiene giusto – spiega al Corriere della Sera – che il 20 a favore di ciò che si ritiene sbagliato. E comunque io credo che lo spazio a sinistra del Pd sia molto più grande”.

La scissione, secondo l’ex presidente del Consiglio, “bisognava farla prima”, spiega, “era matura già con il Jobs act. Tutta l’ispirazione politica renziana è contraria ai valori della sinistra e prima ancora agli interessi del Paese. Il renzismo non è stato che il revival del berlusconismo. Meno tasse per tutti. Bonus. Abolizione dell’articolo 18. Financo il ponte sullo Stretto. Mi stupisco che Berlusconi non si rivolga alla Siae per avere i diritti d’autore. E per due anni e mezzo si è paralizzato il Parlamento per una riforma costituzionale confusa, spazzata via dal popolo; e per una legge elettorale incostituzionale, frutto di un mix di insipienza e arroganza”.

D’Alema la chiama “l’ammucchiata di forze ‘responsabili”, che gli ricorda più Razzi e Scilipoti che Moro e Berlinguer. Una parte secondo me maggioritaria del Pd vuole il centrosinistra. Il ‘Renzusconi’ non mi pare molto popolare, tirerà la volata a Grillo”. Tanto più, prosegue D’Alema, che Renzi “ha imposto una legge elettorale solo per la Camera, dando per scontato che il Senato venisse abolito: ora siamo alla vigilia delle elezioni e la legge elettorale non c’è. Il fallimento del renzismo non potrebbe essere più totale”.

Intanto però c’è da passare la prima fase, l’approvazione in commissione. Oggi scadono i termini per presentare gli emendamenti e di gruppi scatenati ci sono: la corrente di Andrea Orlando, dentro al Pd, si batterà per esempio contro il proporzionale e per un sistema maggioritario stile Mattarellum. La proposta renziana “ci porta a una campagna elettorale nella quale la denuncia principale sarebbe quella di voler fare poi il giorno dopo l’accordo con Fi”.

Gli emendamenti di Gianni Cuperlo confermano il Rosatellum, ma vi aggiungono i simboli di coalizione a livello nazionale, per favorire una intesa per un centrosinistra largo che coinvolga Pisapia e magari Mdp, anche se la legislatura sta finendo peggio di come si è sviluppata con Renzi (l’ultimo caso è la lite sui voucher). Alternativa Popolare di Angelino Alfano vuole che l’accordo parta dalla maggioranza di governo, mentre finora il Pd è andato per conto proprio addirittura facendo approvare il proprio testo-base, il Rosatellum, con i voti della Lega Nord e dei verdiniani.

Rinnova la disponibilità ad un accordo il M5s. “Ci siederemo a quel tavolo – dichiara Luigi Di Maio – Il nostro obiettivo è introdurre correttivi di governabilità per scongiurare inciuci. Chi vince deve poter realizzare il proprio programma elettorale, per questa ragione nei prossimi giorni formuleremo una proposta ufficiale ispirata ai criteri indicati dalla Consulta, che ha riconosciuto la costituzionalità del premio di governabilità”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Tag

Scrivi un commento

5 commenti

  1. robyuankenobi

      

    Diffido sempre da chì da ricco mi dice che è meglio esser povero. In chiesa a far cosa? posso pregare..e lo faccio..  chez  moi. se poi al principale non và bene se ne …facci.. una ragione.che di politica tu non capisca una beata fava lo hai dimostrato fin da piccolo.I  governi son considerati 3 perchè gentiloni è solo la fotocopia. ma se ti fà piacere diciamo 4  il chè peggiora addirittura la prospettiva. Al 42 puoi venire tranquillamente sono in grado di conversare anche di altre cose.la patrimoniale ti ha spaventato non è il caso di dire che non hai i soldi noi sappiamo tutto.

  2. peter pan

      

    Caro robyuan, si vede che non vai in chiesa! E’ cosa buona e giusta lo dice il prete ad un certo punto della messa, credo prima della fine…. Intendo dire che è tutto OK. Il centrodestra unito? Ma mi facci il piacere, facile a dirsi, impossibile a farsi…. I governi fasulli sono a   questo punto quattro, non tre, anche quello di Gentiloni lo è!
    Devo organizzarmi con la mia dolce metà e venire a parlarne di persona con te a Rimini, previo invito al 42 naturalmente!
    Sai che scherzo, io di politica non capisco un emerito belin e tu mi sottorreresti di argomentazioni fassiste….
    Bene, a questo punto auguro a te e a tutta la comitiva un sereno fine settimana. Io sono di cresime ma in tono minore: ghe pu de danè…..

    Originariamente inviato da robyuankenobi: caro PETER  cosa intendi  per cosa buona e giusta? perchè se sei per il dialogo per la legge elettorale mi sembra il  minimo. Poi ognuno per la sua strada . Dalle ultime rilevazioni sembra che il centrodestra unito sia in vantaggio per cui andrebbe bene pure il maggioritario. Per lo meno andremo a votare. napolitano ed i suoi giochini non c’è più . mattarella dovrà rassegnarsi e uscito dalla naftalina indire le elezioni. dopo 3 governi fasulli e a dir poco ignobili.riginariamente inviato da peter pan: Io, in barba al fassistone, penso che sia cosa buona e giusta. Premesso che alle prossime elezioni, rebus sic stantibus, non vince nessuno, una grosse coalizionen potrebbe anche funzionare. Via il cricket, via D’Alema and Co. (che detto inter nos mi sta sulle palle in modo quasi osceno), via Salvini… ma cosa si vuole di più??? Un tu s cano????? Eccovelo!!!    

     

  3. robyuankenobi

      

    caro PETER  cosa intendi  per cosa buona e giusta? perchè se sei per il dialogo per la legge elettorale mi sembra il  minimo. Poi ognuno per la sua strada . Dalle ultime rilevazioni sembra che il centrodestra unito sia in vantaggio per cui andrebbe bene pure il maggioritario. Per lo meno andremo a votare. napolitano ed i suoi giochini non c’è più . mattarella dovrà rassegnarsi e uscito dalla naftalina indire le elezioni. dopo 3 governi fasulli e a dir poco ignobili.

    originariamente inviato da peter pan: Io, in barba al fassistone, penso che sia cosa buona e giusta. Premesso che alle prossime elezioni, rebus sic stantibus, non vince nessuno, una grosse coalizionen potrebbe anche funzionare. Via il cricket, via D’Alema and Co. (che detto inter nos mi sta sulle palle in modo quasi osceno), via Salvini… ma cosa si vuole di più??? Un tu s cano????? Eccovelo!!!  
     

  4. peter pan

      

    Io, in barba al fassistone, penso che sia cosa buona e giusta. Premesso che alle prossime elezioni, rebus sic stantibus, non vince nessuno, una grosse coalizionen potrebbe anche funzionare. Via il cricket, via D’Alema and Co. (che detto inter nos mi sta sulle palle in modo quasi osceno), via Salvini… ma cosa si vuole di più??? Un tu s cano????? Eccovelo!!!
     

  5. robyuankenobi

      

    la storia dice che dalema non ne azzecca una. ci serve una legge elettorale ed  ovviamente ognuno tira l’acqua al suo  mulino.  il m5s non è da meno. ora se vogliam votare  qualcuno la legge la deve fare. Credo che sia tutta una questione di ambizione..smisurata e sproporzionata  alle possibilità… di renzi.  vuol ritornare a fare il presidente nonostante che il 60 per cento degli italiani lo abbia mandato..assieme a maria etruria  a fanculo. ma se ne frega.  mi raccomando che nessuno lo aiuti a realizzare l’ennesima porcata. persuino la riforma culturale con i direttori museali gli è stata bocciata. ditemi cosa ha realizzato l’individuo e poi ne parliamo.