La grande regista dell’accordo UE-Cina è Angela Merkel

La Germania ha fatto del compromesso concordato con Pechino sugli investimenti una delle priorità della sua presidenza dell'Unione europea. L'Europa, scottata da quattro anni di trumpismo, non intende lasciarsi trascinare in un aspro conflitto con la Cina né rinunciare ai suoi valori.

0 314 0
0 314 0

(WSC) BERLINO – La finestra era molto piccola, ed è stata utilizzata proprio alla fine. La Germania, a capo della presidenza di turno dell’Unione europea fino al 31 dicembre, è riuscita in extremis a strappare il trattato di investimento tra Cina e UE a cui teneva tanto … anche se significava prestare il fianco alle critiche.

Mercoledì pomeriggio, 30 dicembre, le due parti hanno siglato l’accordo che dovrebbe riequilibrare reciprocamente le loro condizioni di investimento. Angela Merkel, che ha fatto della firma del testo una questione centrale per la presidenza tedesca dell’UE, può vantare una vittoria importante. Per una volta è stata lei a spingere i suoi partner europei, in modo che l’accordo fosse concluso in tempo. La Cancelliera sapeva che l’opportunità era unica: la Presidenza tedesca, da un lato, le aveva fornito la leadership e l’autorità necessarie; il passaggio di potere a Washington, d’altra parte, ha dato un margine di manovra che probabilmente sarebbe stato ridotto all’installazione al potere di Joe Biden il 20 gennaio 2021.

Tutto questo in un anno in cui la pandemia di Covid-19 ha ha aumentato la percezione in Germania dell’urgente necessità di rafforzare la “sovranità” europea, in particolare nella salute e nella tecnologia, nel contesto del faccia a faccia Pechino-Washington.

Nei rapporti con la Cina, la squadra italiana non vince più

La Germania è anche il paese europeo che ha avuto il maggior vantaggio economico nella conclusione di questo accordo. Ora è di gran lunga il principale partner commerciale della Repubblica popolare in Europa. Nel 2019 il volume degli scambi tra i due Paesi è stato di 206 miliardi di euro: 96 miliardi di euro sono stati esportati dalle aziende tedesche in Cina, che a sua volta ha venduto 110 miliardi di euro di merci in Germania. Queste transazioni, che rappresentano circa un terzo del volume totale scambiato tra Cina e Unione Europea, vengono effettuate in settori vitali per il “made in Germany”: macchinari, automotive, ingegneria elettrica e chimica, le cui società sono diventate estremamente dipendenti dal mercato cinese.

Sfiducia nei confronti di Pechino

Mentre la Germania spera di continuare a beneficiare del dinamismo del mercato cinese, adesso si rifiuta di farlo a qualsiasi costo. Dopo l’euforia dei primi anni 2010, durante i quali gli ordini cinesi avevano consentito alla Germania di mettere a segno una spettacolare ripresa economica dopo la crisi del 2009, seguita da una solida crescita, la sfiducia di Berlino su Pechino gradualmente si è stabilizzata. Dalla metà del decennio, gli ambienti economici e politici tedeschi hanno capito che, contrariamente alle loro aspettative, l’aumento del commercio, degli investimenti diretti in Cina e dei trasferimenti tecnologici associati non portavano né a un’ulteriore apertura dell’economia cinese né a condizioni più eque per le imprese. Anzi.

Nel 2015 Pechino ha adottato la strategia “Made in China 2025”, che dovrebbe garantire leadership tecnologica e autonomia in dieci settori industriali ritenuti fondamentali, come l’aeronautica e lo spazio, i treni ad alta velocità e la mobilità elettrica. In questi settori, le innovazioni cinesi, incoraggiate dalla massiccia spesa pubblica nell’economia, dovranno alla fine sostituire le importazioni dall’estero. Il congresso del partito di fine 2017 è visto come una “cesura” che, con l’ascesa di Xi Jinping, sancisce la morsa del partito sull’economia.

Negli anni che seguirono, Berlino ha osservato con crescente preoccupazione l’appetito dei gruppi cinesi vicini al potere per le aziende tedesche ad alta tecnologia. La graduale acquisizione di Kuka, perla della robotica tedesca, dal 2016, da parte del gruppo Midea, è stata un primo shock. L’ingresso a sorpresa di Geely nel capitale di Daimler, un iconico gruppo automobilistico, nel 2018, è stato un altro segnale di avvertimento. All’inizio del 2019 la BDI, la grande federazione industriale tedesca, ha pubblicato un importante position paper, che segna una svolta: l’economia tedesca ed europea deve considerare la Cina non solo come un partner commerciale, ma anche come un “concorrente sistemico”.

Una svolta significativa

Rileggere questo documento all’inizio del 2021, in un momento in cui la pandemia di Covid-19 ha accelerato alcuni sviluppi europei, in particolare a livello di bilancio, è particolarmente illuminante. Il testo segna la fine di una certa ingenuità tedesca nei rapporti con la Cina. Vuole convincere che le risposte alle sfide poste dalla Cina possono essere solo europee. L’Unione Europea, ritiene la BDI, deve essere “più unita” e “sicura di sé” nei confronti di Stati Uniti e Cina, e “rafforzare la propria competitività” grazie ad una “ambiziosa politica industriale”, che deve basarsi su investimenti pubblici in infrastrutture e tecnologie chiave.

Proveniente da una federazione tedesca tradizionalmente liberale, quindi ostile a qualsiasi idea di “politica industriale”, questa svolta è significativa. Il dibattito aperto da questo testo ha dato origine a un position paper europeo pubblicato il 12 marzo 2019, che riprendeva la nozione di “rivale sistemico”. Il trattato di investimento siglato mercoledì è una realizzazione delle raccomandazioni formulate allora. Rimangono molti passi da compiere prima della sua ratifica finale. Ma i tempi e il metodo contano quasi più del contenuto: il testo di rilevanza economica è anche un messaggio rivolto a Washington.

L’Europa, scottata da quattro anni di trumpismo, non intende lasciarsi trascinare in un aspro conflitto con la Cina né rinunciare ai suoi valori. “Il Trattato è un passo importante verso un’Europa unita sulle questioni degli investimenti e un attore forte nell’adozione di regole globali. L’Unione Europea è il primo attore globale ad aver portato la Cina a concessioni su questioni di standard sociali “, ha scritto mercoledì Joachim Lang, direttore di BDI, sul suo account LinkedIn. Un’allusione agli impegni non vincolanti presi da Pechino per il rispetto delle convenzioni contro il lavoro forzato.

di Cécile Boutelet (corrispondente a Berlino di Le Monde)

Fonte: Le Monde 

Tag

Scrivi un commento