La Cina fa atterrare sulla Luna la sonda Chang’e 5

Secondo l'agenzia di stampa statale Xinhua, il lander lunare e il veicolo ascendente sono atterrati vicino alla vetta del Mons Rümker, una montagna nella regione Oceanus Procellarum (Oceano delle Tempeste) dopo le 23:00 ora di Pechino.

0 238 0
0 238 0

(WSC) PECHINO – La Cina ha raggiunto un traguardo importante nella sua ambiziosa missione di portare a casa rocce lunari, compiendo un atterraggio lunare morbido.

Secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua, il lander lunare e il veicolo ascendente della sonda Chang’e 5 sono atterrati vicino alla vetta del Mons Rümker, una montagna nella regione della luna Oceanus Procellarum (Oceano delle Tempeste) dopo le 23:00 ora di Pechino.

“Proprio ora, il mezzo da sbarco Chang’e 5 è atterrato con successo nella zona di atterraggio preselezionata”, ha riferito Xinhua.

China’s Chang’e 5 moon lander and ascent vehicle separate from the orbiter/return vehicle early on Monday ahead of a landing in the moon's Ocean of Storms for a lunar sample mission. Photo: CCTV

In precedenza, la CNSA ha affermato che il luogo di atterraggio era stato scelto perché l’età geologica dell’area di atterraggio è di circa 3,7 miliardi di anni, il che potrebbe aiutare gli scienziati a ottenere una comprensione più completa della formazione e dell’evoluzione della luna. La latitudine del punto di campionamento si è basata anche su considerazioni come l’intensità della luce solare e la temperatura.

La posizione aiuterà a ridurre il consumo di carburante per riportare i campioni di rocce in orbita. Il lander dovrebbe perforare fino a 2 m di profondità estraendo carote rocciose e utilizzando un braccio robotico per raccogliere 2 kg di campioni di superficie nelle sue capsule protettive, nell’arco di due settimane.

Nel frattempo, l’orbiter continuerà a girare intorno alla luna, aspettando che il lander finisca di campionare prima di salire in orbita e riagganciarsi. Quindi la missione partirà dall’orbita lunare e tornerà sulla Terra. Dovrebbe atterrare in una regione settentrionale della Mongolia interna della Cina a metà dicembre.

Alternate text

Aggiornamento:

Il lander della missione lunare cinese Chang’e 5 ha issato una piccola bandiera della Cina sulla Luna, a poco più di 50 anni di distanza dalla prima bandiera issata sul nostro satellite naturale dagli astronauti della missione statunitense Apollo 11. A differenza di quest’ultima, tecnicamente la bandiera cinese non è stata però piantata nel suolo lunare: si è dispiegata grazie a un braccio meccanico montato sul lander.

(CNSA)

Provvedere a un sistema automatico per fare affondare un’asta nel terreno sarebbe stato troppo complicato, e avrebbe sottratto spazio alle altre e più importanti strumentazioni del lander per le ricerche scientifiche.

(CNSA)

La presenza della bandiera ha comunque un importante valore simbolico e dimostra il successo finora di Chang’e 5. La missione, molto ambiziosa, prevede il prelievo di circa 2 chilogrammi di rocce lunari, che saranno poi trasportate verso la Terra per essere analizzate. Il prelievo si è concluso nella notte tra giovedì e venerdì, con il modulo di ascesa che ha poi impiegato il resto del lander come una mini rampa di lancio per raggiungere in orbita il resto della strumentazione che accompagnerà il suo ritorno verso il nostro pianeta.

 

La Cina aveva condotto negli scorsi anni due altri allunaggi con le missioni Chang’e 3 e Chang’e 4, entrambi i veicoli spaziali avevano la bandiera cinese disegnata su alcuni dei loro pannelli, ma non erano dotati di una bandiera vera e propria come l’attuale.

Tag

Scrivi un commento