Pechino sprezzante su Pompeo: “Come una formica che cerca di scuotere un albero”

La ridicola crociata per coalizzare l'Occidente contro la Cina. Il discorso del Segretario di Stato americano alla Biblioteca presidenziale Richard Nixon per cambiare il comunismo cinese e la leadership di Xi Jinping.

0 119 0
0 119 0

(WSC) PECHINO – La portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying (nella foto) ha twittato venerdì che le parole del segretario di Stato americano Mike Pompeo dirette contro Pechino sono “inutili come una formica che cerca di scuotere un albero”.

“Il discorso di Pompeo alla Biblioteca presidenziale Richard Nixon suggerisce che vuole presentarsi come il John Foster Dulles del 21° secolo, lanciando una nuova crociata contro la Cina in un mondo globalizzato”, ha aggiunto Hua Chunying (foto sotto).

John Foster Dulles è stato Segretario di Stato americano sotto il presidente Dwight Eisenhower dal 1953 al 1959 e ha espresso opinioni fortemente negative sul comunismo.

Egemonia globale costruita sul comunismo cinese

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo (foto sotto) aveva affermato giovedì sera nel suo discorso “La Cina comunista e il futuro del mondo libero” alla Biblioteca e al museo presidenziale Richard Nixon di Washington che l’ideologia del presidente cinese Xi Jinping è progettata per sostenere il suo “desiderio decennale di egemonia globale costruita sul comunismo cinese“.

Pompeo ha detto che Xi non è “destinato a tirannizzare dentro e fuori dalla Cina per sempre”, a meno che le democrazie di tutto il mondo non gli consentano di raggiungere le sue ambizioni.

Il segretario di Stato degli Stati Uniti ha esortato le nazioni a abbandonare “il vecchio paradigma fallito dell’impegno cieco con la Cina, se vogliamo avere un 21° secolo libero, e non il sogno cinese del secolo di Xi Jinping”.

Xi seeks global hegemony built on communism - Pompeo

Tag

Scrivi un commento