Wall Street Cina Blog

Post su tutto: politica, borsa & mercati, società, economia, cultura. Ogni lettore può scrivere articoli, osservazioni, flash, postare link, foto, audio, video. Fai sentire la tua voce.

18 168969 26072
18 168969 26072

Benvenuta/o in Wall Street Cina Blog. Lo spazio per pubblicare post, foto, video e link è qui sotto. Grazie a Nakatomy (per la borsa), peter pan, Robyuan, DonChi, belfagor, Normal e tanti altri assidui utenti. Prima di postare, ecco le Regole di scrittura e comportamento di Wall Street Cina.

Attenzione: il software accetta un (1) solo link per post. 

Per commentare, registrati qui. Vuoi scriverci un’email?

Tag

Scrivi un commento

26.072 commenti

  1. Nakatomy

      

    Buon giorno a tutti 
    Asia Pacifico al rialzo , si inizia bene 😌 
    ecco cosa avevo scritto a delle persone…
    oltre oceano che sul Nikkei 225 🙃
    Sono stato fortunato 🥲, kuroda ferma il gioco 😌
    Nikkei225, my samurai friends are smart people, put the stop by the highest short short, and in a few hours we start working in Tokyo. Samurai are a complicated market, Kuroda I don’t trust, a man who can take a rabbit off the top at any time.
     

  2. robyuan

      

    Sorbole che legnate  di provenienza bucciniana. Ce ne ha per tutti  ma, come sempre, a sinistra la lotta e fra di loro, perche a sinistra c e sempre uno piu a sinistra. . Ora caro buccino  il comunismo, sotto tutte le etichette  ha fallito in termini politici e in termini economici . Questo non significa che il capitalismo abbia tutte le virtu anzi  ma è dall insieme di tanti valori che puo crearsi quella ricchezza che puo essere poi distribuita e mi auguro in maniera piu intelligente del bonus renzi o del reddito di cittadinsnza. Infine mi permetto una digressione politica. Guarda che comunismo e fascismo  vengon dalla stessa casa . Quella socialista. A livorno nacque la scissione comunista a milano quella fascista. E l odio nato allora e resistente tutt oggi e perche e un odio ..fraterno. Tanto per rinominare un famoso MIGLIORE  , nel 45 parlando dei fascisti li chiamava..  compagni in camicia nera… 

    Originariamente inviato da Buccino: Egregio DonChi, dovrebbe essere palese che utilizzare lo stesso linguaggio di 50 anni fa, è una pura provocazione politica, con l’unico precipuo scopo di far imbestialire proprio i personaggi come te, farlocchi esponenti di quella finta sinistra cresciuta negli agi, nel benessere, nel lusso, nel consumismo e con vari immobili di proprietà, insomma simboli dell’ipocrisia data dal proclamarsi di sinistra (avendo perfiono votato PCI) vivendo dalla testa ai piedi in quel sistema ordoliberista che ha provocato e continua a provocare incalcolabili danni e ferite nel tessuto economico, culturale e psicologico delle nazioni. Sappi egregio DonChi che le tue critiche da destra (vetero-comunista è un complimento!) sono specchio della tua frustrazione di orecchiante sinistrorso della politica. Credo che tu, da ricco borghese esponente della pseudo-sinistra al caviale abituata a calcolare quanto vi faremo pagare di IMU tra qualche tempo, capisca a pelle e d’istinto il profondo disagio in cui si trovano milioni di concittadini in questa fase eppure – ecco il punto – TU non hai alcuna ricetta da proporre, se non continuare a criticare criticare criticare chiamandoti fuori a parole, ma razzolando come un ricco di serie C. Guarda: meglio i fascisti allora, meglio CasaPound, tu dovresti valutare di dare il tuo voto a Giorgia Meloni e al suo partito di ‘ndranghetisti oggi unica opposizione al governo draghiano dei poteri forti. Noi INVECE che facciamo parte del (nuovo) Partito Comunista Italiano, e ci richiamiamo agli stessi ANTICHI valori del comunismo, esatto, sempre gli stessi, proprio perché Marx è ancora attualissimo, sappiamo che il turbocapitalismo è nella sua fase terminale di accelerazione prima della detonazione finale, saranno la prossima terribile pandemia o il crack delle borse mondiali o il disastro climatico arrivo i catalizzatori, questo ancora non lo sappiamo, ma siamo certi che avverrà. Mao Tze Dong era un grandissimo leader, visionario e condottiero, e infatti costruendo sulle basi di quell’era storica la Cina oggi è l’unico vero paese comunista avviato a larghi passi verso il socialismo moderno realizzato, una nazione assurta al rango di seconda potenza economica del mondo in appena 4 decadi. Sono autoritari? Ma certo! Controllano e limitano le libertà personali? Ovvio, se ciò è necessario al trionfo del comunismo. A chi qui in questo strano forum (ne seguo vari MOLTO più sofisticati del vostro popolato da quattro gatti presuntuosi e arroganti) a chi qui continua ad appellarsi al linguaggio dei nostri testi, evidenziando alcuni termini che noi usiamo, sottolineando banalità come “gli operai non esistono più”, “il comunismo ha fallito” eccetera eccetera eccetera…. costoro farebbero forse meglio a leggere qualche buon libro, nuovo o classico e non solo marxista, invece di saccheggiare da orripilanti disecutiavi e manipolatori siti e giornali di proprietà dei padroni. Seguendo i media finto-borghesi al soldo dei grandi capitalisti affamatori che invadono ogni nostro pensiero e ogni nostra azione non capirete MAI che la società deve cambiare, il finto benessere capitalistico elargito come un’elemosina dall’oligarchia al comando (multinazionali, big tech e big pharma, poteri militari, massonerie, organi religiosi) ha già causato quello che, per farmi capire, definirei il rimbecillimento delle masse neo-borghesi drogate di consumismo inutile e autodistruttivo. Quasi più onorevole, confesso, la posizione di Robyuan, che dall’estrema destra intuisce (senza capirla) cosa sia la lotta senza tregua contro il pensiero unico originato dagli impostori della finta sinistra rappresentata da Zingaretti/LEU & Soci, senza parlare di veri escrementi della politica, uomini corrotti al servizio esplicito del Capitale come Matteo Renzi, al quale il vero Potere ha data la possibilità di far cadere l’esecutivo di una nazione come l’Italia, facendo così entrare in gioco un super-massone asservito alla finanza globalista e alle tecnocrazie dell’Europa come Mario Draghi. Per trasparenza – visto che non sembrate avere l’inteligenza per capirlo da soli – faccio presente che molti dei miei precedenti post (di certo non questo) sono un semplice copia-e-incolla effettuato da comunicati ufficiali del (nuovo) Partito Comunista Italiano, a cui orgogliosamente appartengo e in cui mi riconosco: i post con il linguaggio vetero-comunista non sono scritti miei!            
     

    Originariamente inviato da DonChi:
     
    il VETERO-COMUNISTA BUCCINO ci inonda di risoluzioni appena stilate – naturalmente all’unanimità- dal COMINFORM RESUSCITATO PER LA BISOGNA. E’ certo che sia convinto che argomentazioni e linguaggio della sua RISOLUZIONE, siano completamente confacenti all’anno 2021, dove  dovrebbe vivere, dopo aver constato cambiamenti mondiali mai visti negli ultimi 30 anni. Ero rimasto al compagno RIZZO, ma pur coi suoi anni di legislatura nelle formazioni comuniste italiane, non mi parrebbe. Bertinotti l’ho scartato subito, sapendolo dotato di concetti molto più evoluti, linguaggio compreso. Non ricordo altro, seppure alle estreme delle estreme. Buccino potrebbe chiarirci se ci propina direttamente le idee di un partito comunista cinese clandestino, o che cosa? A me però è bastato questo: <<Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti… etc, etc ) Poi aggiunge: MAO AVEVA RAGIONE! Perdio, io che per trenta anni, MAO al governo ho sempre visto la popolazione cinese con la tutina militare di prammatica, e le grandi città di quel paese inondate di bicicletta ancora negli anni ‘ottanta’ con due terzi della gente che ancora non poteva mangiare il necessario… e ora VEDO UNA CINA che se MAO si svegliasse, non solo scoppierebbe dalla sorpresa, ma se riconosciuto verrebbe inseguito a randellate dai suoi concittadini… E stiamo parlando della Cina che si dichiara TUTTORA COMUNISTA! BUCCINO ci comunica che aveva ragione, Mao. E naturalmente è nostalgico e completamente teso verso il suo modello, O CHE ALTRO dati i tempi?… Ce ne vuole. Ma in Romagna, quando gli argomenti e la discussione assumono una dimensione impraticabile, si dice spesso: Fatti, non pugnette! (NB. Buccino mi scuserà, ma mi ritengo completamete sprovvisto della capacità di seguirlo, mica solo nelle idee, ma quel suo linguaggio, perfino…  Stavolta il post mi è scappato, ma non succederà più!=  

    Originariamente inviato da robyuan: Meno male carissimo che noi di destra siamo alla opposizione e quello che tu chiami capitalismo imperialista noi lo chiamavamo  plutocrazia. Però secondo me devi aggiornare anche il lessico. Esempio, la classe operaia non esiste piu  semmai le classi oggi sono in funzione del reddito e non della attività . Secondo , non prendertela con la borghesia perche quel sistema l ha praticamente didtrutta. Infine cerca di trattare un argomento alla volta altrimenti crei solo confusione e di tutto quello che vuoi esternare rimane poco o nulla.SU togliatti ti rimando a quanto scritto sul MIGLIORE dai frequentatori del sito. Io son piu daccordo con te seppur politicamente agli antipodi o forse nò?Originariamente inviato da Buccino: Mario Draghi, da anni boia in guanti gialli responsabile di migliaia di delitti per conto della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e la sua schiera di ministri vendipatria sono tigri di carta!  La Repubblica Pontificia e il suo sistema politico delle Larghe Intese sono giganti dai piedi di argilla!  Impedire con 10-100-1000 iniziative di protesta il consolidamento del governo Draghi!      Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti che invece ne esaltava la forza politica e militare per giustificare la linea della “via parlamentare al socialismo” e delle “riforme di struttura”: in realtà la linea dell’abbandono della lotta per il socialismo, della rinuncia a sviluppare la prima ondata della rivoluzione proletaria che la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 aveva suscitato in tutto il mondo. Oggi constatiamo che Mao aveva ragione.  Analogamente sono tigri di carta e giganti dai piedi argilla gli attuali nemici della classe operaia e delle masse popolari nel nostro paese: i vertici della Repubblica Pontificia che hanno installato il governo Draghi avvalendosi della fattiva collaborazione di Renzi e Mattarella, in stretta combinazione con le istituzioni dell’UE e in accordo con gli imperialisti USA e sionisti. Un governo, quello Draghi, che rimette in sella i partiti delle Larghe Intese (polo PD e polo Berlusconi e Lega) e imbarca quegli esponenti del M5S che si sono venduti proprio a quella “casta” per estirpare la quale erano approdati in Parlamento con il voto e il sostegno popolare. Un governo che ha un solo mandato: attuare senza se e senza ma il programma comune della borghesia imperialista.  Nel suo discorso al Senato Draghi ha avuto perfino la sfrontatezza di dire che quello che il governo italiano deve fare nei prossimi dieci anni è già deciso: lo hanno deciso i gruppi imperialisti UE. Quale che sia il risultato delle elezioni politiche, se mai se ne terranno ancora, non cambierà nulla.  La grancassa mediatica messa in piedi per manipolare l’opinione pubblica a sostegno del governo Draghi è un indice del distacco crescente tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista nel nostro paese. Tanto baccano per esaltare Draghi, banchiere in carriera da quando negli anni ’90 fu a capo dell’asservimento del sistema economico pubblico del nostro paese ai gruppi imperialisti e della sua privatizzazione, si spiega con la difficoltà che la borghesia imperialista incontra nel far accettare i suoi uomini di fiducia alle masse popolari. Il distacco tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista già cresceva da anni: diminuiva la militanza popolare nei partiti che avevano preso il posto del PCI revisionista di Berlinguer, cresceva l’astensione dalle elezioni, si moltiplicavano le clientele. Con le elezioni del marzo 2018 ha fatto un balzo: ha aperto una breccia interrompendo la successione quarantennale di governi di Larghe Intese che il Patto del Nazareno (gennaio 2014) aveva da poco consacrato. Anche se ora con il governo Draghi i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia hanno rabberciato la breccia, il distacco è destinato ad aumentare. Il commissariamento UE dell’Italia sancito con l’installazione del governo Draghi e le misure “lacrime e sangue” che applicherà alle masse popolari accresceranno questo distacco e non potranno che renderlo ancor più acuto rispetto a come si è espresso negli ultimi anni. Esso è oramai una delle condizioni oggettive della lotta di classe nel nostro paese e alimenta continuamente le mille forme di resistenza delle masse popolari al corso disastroso delle cose determinato dalla seconda crisi generale del capitalismo entrata nel 2008 nella sua fase acuta e terminale e dall’ulteriore aggravamento della crisi causato dalla gestione capitalista della pandemia.  Questa è la forza che rende precaria qualunque mossa della classe dominante per riparare la crisi del suo sistema politico, rende croniche le contraddizioni all’interno della classe dominante stessa, rende incerta o temporanea la riuscita di ogni suo raggiro anti-popolare.  Compito di noi comunisti e di tutti quelli che vogliono porre fine al corso disastroso delle cose è sostenere ogni espressione della resistenza delle masse popolari, rafforzarla, elevare il livello delle sue aspirazioni e la coscienza che la anima fino a farne una forza organizzata che farà ingoiare ai vertici della Repubblica Pontificia un suo governo d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare. Questo evento chiuderà la prima fase della rivoluzione socialista in corso e darà il via a una nuova fase.  Sosteniamo ogni forma di opposizione, protesta e lotta contro il neonato governo Draghi! Il (nuovo)PCI chiama i suoi Comitati di Partito, il Partito dei CARC suo partito fratello e i comunisti ovunque collocati a rafforzare ed elevare la denuncia dell’operazione Draghi, a mobilitare i giovani, gli operai, le donne, i lavoratori autonomi e ogni settore delle masse popolari contro il tentativo di sottomettere il paese al programma comune della borghesia imperialista e contro il commissariamento del nostro paese da parte dell’UE e la sottomissione alla NATO.  Contro l’intossicazione mediatica smascheriamo nella maniera più capillare di cui siamo già capaci padrini e protagonisti del governo della Confindustria, del Vaticano, della finanza internazionale: 10, 100, 1000 scritte murali contro Jorge Mario Bergoglio il predicatore della comunanza di interessi tra carnefici e vittime, Mario Draghi il boia in guanti gialli, Sergio Mattarella il vendipatria, Nicola Zingaretti il servo dei padroni, Matteo Renzi l’aguzzino di Confindustria, Silvio Berlusconi il socio di Cosa Nostra, Matteo Salvini il socio di ‘ndrangheta, Luigi Di Maio il venduto.  Impedire con ogni mezzo il consolidamento del governo Draghi, moltiplicare le proteste, usare le mobilitazioni in corso e quelle che verranno per sviluppare e allargare la rete delle Organizzazioni Operaie e Popolari, incanalare le mille forme di resistenza spontanea nella loro moltiplicazione, nel consolidamento e rafforzamento del nuovo sistema di potere fondato sul coordinamento delle Organizzazioni Operaie e Popolari: questa è oggi la rivoluzione socialista in corso e la via della rinascita del movimento comunista.  Questo è il futuro possibile del nostro paese, da cui sorgerà l’alba dell’Italia socialista, qualunque siano le mosse della borghesia imperialista per tamponare la crisi del suo sistema politico.  I nemici della classe operaia e delle masse popolari sono rimaste delle tigri di carta, è il movimento comunista che a causa dei suoi limiti ha temporaneamente perso di forza e ammainato la sua bandiera!  Nel 100° anniversario della fondazione del primo PCI, bando al disfattismo e all’attendismo!  Assimilare gli insegnamenti del vecchio movimento comunista e tornare a issare alta la bandiera della lotta per fare dell’Italia un nuovo paese socialista!  Per questo lotta il (nuovo)Partito Comunista Italiano, con l’onore di proseguire l’opera iniziata con la prima ondata delle rivoluzioni proletarie, con amore infinito verso la classe operaia e le masse popolari!  

     

     

     

  3. Avatar

      

    opinione legittima di un altro piccolo borghese qualunquista che non ha letto la buona letteratura e i buoni testi di filosofia politica, buona serata caro, a me non fai ridere nemmeno un po’ con i tuoi ih ih  
     

    Originariamente inviato da Normal: Buccino… hi hi hi Come ben dimostrato da te nel precedente post i Comunisti son sempre Comunisti nel passato e nel presente ossia : noi siamo Comunisti e voialtri non siete un cazzo. Ne deriva che i comunisti sono una cosa… e il Comunismo è affare opposto per definizione.    

     

  4. Normal

      

    Buccino… hi hi hi
    Come ben dimostrato da te nel precedente post i Comunisti son sempre Comunisti nel passato e nel presente ossia : noi siamo Comunisti e voialtri non siete un cazzo.
    Ne deriva che i comunisti sono una cosa… e il Comunismo è affare opposto per definizione.
     
     

  5. peter pan

      

    Nakatomy, quando succedono queste cose siamo tutti inorriditi, commentiamo come alcuni hanno fatto sul giornale sardo ma poi ce ne dimentichiamo. Intanto gli investigatori e gli avvocati fanno la loro parte e i primi cercano il pelo nell’uovo per non mandare a giudizio uno che poi salta fuori che magari…. e gli avvocati per guadagnarsi la parcella cercano di stabilire il principio base de “se la sono andata a cercare”, come scrisse e disse il famoso Andreotti del commissario Ambrosoli (tristi ricordi da me vissuti quasi direttamente con tanto dolore). Siamo vicini al femminicidio, perchè rovinare due ragazzine così è stato come ucciderle.
    Le leggi magari ci sono, ma dove sono i magistrati che le applicano con serietà e severità? E i magistrati di sorveglianza che mandano gli ergastolani in permesso premio?
    Più conosco gli uomini, più amo gli animali… non mi ricordo se l’ha scritto Dante o Walt Disney, scusate.
    Buona serata.
     

    Originariamente inviato da Nakatomy: Buongiorno e buona domenica a tutti    Oggi apro con questa notizia che mi fa veramente schifo  Questo bastardo merita solamente la legge delle sacre scritture antiche  Potevano essere mie figlie  Le ha rovinate per sempre queste povere bambine , io le vedo bimbe con i miei occhi  Maledetto  pedofilo di *******   mio non perdono su queste cose  https://www.unionesarda.it/articolo/news/italia/2021/02/27/sequestra-due-13enni-e-le-violenta-per-una-notte-in-cella-operaio-137-1120637.html

     

  6. peter pan

      

    Pane al pane, vino al vino,
    questo è il commento  dell’amico Buccino!!!
    Buccino, io sono miglia e miglia lontano dalle capacità oratorie di DonChi o la preparazione similfascista di Robyuan e, tantomeno,  dai commenti copia e incolla che ogni tanto ci proponi, però posso solo dire che anche nei commenti che leggo da parte tua non vedo grosse proposte per sanificare la situazione, in Italia e nel mondo.
    Non mi dire per favore che la panacea di tutti i mali è tornare al comunismo leninista o alle purghe staliniste, ormai siamo nell’epoca del computer e gli smartphone, siamo al comunismo cinese dove i furbi si arricchiscono basta che non rompono le balle troppo ( vedi Alibaba) e la pena di morte è stata quasi del tutto abolita. Peccato….
    Io sono agnostico, non vedo un’alternativa al capitalismo odierno, ma intravedo solo il gran casino che succederà se e quando  a qualcuno verrà in mente di non togliere il lego in alto ma un paio di quelli alla base…
    Biden mette in gioco 1900miliardi di dollari per far ripartire l’economia negli Stati Uniti, l’Inghilterra ha un debito monstre di cui poco si parla ma mi sa che presto i nodi verranno al pettine, l’Europa viaggia in rosso cupo (altro che giallo e arancione) e presto la Grecia sarà un simpatico ricordo valutando quello che potrebbe succedere…. insomma, il mondo intero è nella merda e le proposte che io leggo, qui ma anche per altri Paesi sono praticamente quelle di stabilire che tipo di carta igienica è preferibile utilizzare….
    Meno male che mi manca poco e io comunque di ricette non ne ho e non ne propongo.
    Mi piacerebbe leggerne qualcuna seria ma, come si dice nelle inserzioni, No perditempo, grazie!
    Circa la pandemia, appare evidente che qualcuno a livello europeo ha fatto delle cagate pazzesche che si cerca di far passare in sordina. Persino Prodi ieri sera diceva: mi domando come mai l’Europa è il Paese dove nessuno ha pensato di finanziare pesantemente come fatto negli USA una o più grandi società farmaceutiche per avere dei vaccini nostri, europei….
    Questa è la parola magica e maledetta “EUROPEI”…
    Io nel frattempo oggi ho ricevuto per me e mia moglie un SMS della Regione Lombardia che si scusa per non avermi ancora vaccinato…. per mancanza di vaccini. Il prossimo mi dirà che mancano le siringhe e il successivo che non ci sono gli infermieri perchè i coglioni che non hanno voluto vaccinarsi sono a casa in malattia perchè risultati positivi e hanno infettato il personale ausiliario che non può misurare la febbre all’ingresso….
    Mi viene in mente una barzelletta, “fieu urganisemes” ma non ve la dico perchè tanto non frega a nessuno.
    Buona serata.
    Circa la borsa, domani devo valutare bene la situazione perchè avendo raggranellato un briciolino di utili che giustificano un tasso d’interesse sufficiente da qui a fine anno mi sto domandando se vale la pena di correre certi rischi…. però poi questo DNA del menga legato alla mia posizione di “bue” del parco buoi mi impedisce di uscire completamente comunque….
    Vedarem
     
     

  7. Avatar

      

    Egregio DonChi, dovrebbe essere palese che utilizzare lo stesso linguaggio di 50 anni fa, è una pura provocazione politica, con l’unico precipuo scopo di far imbestialire proprio i personaggi come te, farlocchi esponenti di quella finta sinistra cresciuta negli agi, nel benessere, nel lusso, nel consumismo e con vari immobili di proprietà, insomma simboli dell’ipocrisia data dal proclamarsi di sinistra (avendo perfiono votato PCI) vivendo dalla testa ai piedi in quel sistema ordoliberista che ha provocato e continua a provocare incalcolabili danni e ferite nel tessuto economico, culturale e psicologico delle nazioni. Sappi egregio DonChi che le tue critiche da destra (vetero-comunista è un complimento!) sono specchio della tua frustrazione di orecchiante sinistrorso della politica. Credo che tu, da ricco borghese esponente della pseudo-sinistra al caviale abituata a calcolare quanto vi faremo pagare di IMU tra qualche tempo, capisca a pelle e d’istinto il profondo disagio in cui si trovano milioni di concittadini in questa fase eppure – ecco il punto – TU non hai alcuna ricetta da proporre, se non continuare a criticare criticare criticare chiamandoti fuori a parole, ma razzolando come un ricco di serie C. Guarda: meglio i fascisti allora, meglio CasaPound, tu dovresti valutare di dare il tuo voto a Giorgia Meloni e al suo partito di ‘ndranghetisti oggi unica opposizione al governo draghiano dei poteri forti. Noi INVECE che facciamo parte del (nuovo) Partito Comunista Italiano, e ci richiamiamo agli stessi ANTICHI valori del comunismo, esatto, sempre gli stessi, proprio perché Marx è ancora attualissimo, sappiamo che il turbocapitalismo è nella sua fase terminale di accelerazione prima della detonazione finale, saranno la prossima terribile pandemia o il crack delle borse mondiali o il disastro climatico arrivo i catalizzatori, questo ancora non lo sappiamo, ma siamo certi che avverrà. Mao Tze Dong era un grandissimo leader, visionario e condottiero, e infatti costruendo sulle basi di quell’era storica la Cina oggi è l’unico vero paese comunista avviato a larghi passi verso il socialismo moderno realizzato, una nazione assurta al rango di seconda potenza economica del mondo in appena 4 decadi. Sono autoritari? Ma certo! Controllano e limitano le libertà personali? Ovvio, se ciò è necessario al trionfo del comunismo. A chi qui in questo strano forum (ne seguo vari MOLTO più sofisticati del vostro popolato da quattro gatti presuntuosi e arroganti) a chi qui continua ad appellarsi al linguaggio dei nostri testi, evidenziando alcuni termini che noi usiamo, sottolineando banalità come “gli operai non esistono più”, “il comunismo ha fallito” eccetera eccetera eccetera…. costoro farebbero forse meglio a leggere qualche buon libro, nuovo o classico e non solo marxista, invece di saccheggiare da orripilanti disecutiavi e manipolatori siti e giornali di proprietà dei padroni. Seguendo i media finto-borghesi al soldo dei grandi capitalisti affamatori che invadono ogni nostro pensiero e ogni nostra azione non capirete MAI che la società deve cambiare, il finto benessere capitalistico elargito come un’elemosina dall’oligarchia al comando (multinazionali, big tech e big pharma, poteri militari, massonerie, organi religiosi) ha già causato quello che, per farmi capire, definirei il rimbecillimento delle masse neo-borghesi drogate di consumismo inutile e autodistruttivo. Quasi più onorevole, confesso, la posizione di Robyuan, che dall’estrema destra intuisce (senza capirla) cosa sia la lotta senza tregua contro il pensiero unico originato dagli impostori della finta sinistra rappresentata da Zingaretti/LEU & Soci, senza parlare di veri escrementi della politica, uomini corrotti al servizio esplicito del Capitale come Matteo Renzi, al quale il vero Potere ha data la possibilità di far cadere l’esecutivo di una nazione come l’Italia, facendo così entrare in gioco un super-massone asservito alla finanza globalista e alle tecnocrazie dell’Europa come Mario Draghi. Per trasparenza – visto che non sembrate avere l’inteligenza per capirlo da soli – faccio presente che molti dei miei precedenti post (di certo non questo) sono un semplice copia-e-incolla effettuato da comunicati ufficiali del (nuovo) Partito Comunista Italiano, a cui orgogliosamente appartengo e in cui mi riconosco: i post con il linguaggio vetero-comunista non sono scritti miei!          
     

    Originariamente inviato da DonChi:


     

    il VETERO-COMUNISTA BUCCINO ci inonda di risoluzioni appena stilate – naturalmente all’unanimità- dal COMINFORM RESUSCITATO PER LA BISOGNA. E’ certo che sia convinto che argomentazioni e linguaggio della sua RISOLUZIONE, siano completamente confacenti all’anno 2021, dove  dovrebbe vivere, dopo aver constato cambiamenti mondiali mai visti negli ultimi 30 anni. Ero rimasto al compagno RIZZO, ma pur coi suoi anni di legislatura nelle formazioni comuniste italiane, non mi parrebbe. Bertinotti l’ho scartato subito, sapendolo dotato di concetti molto più evoluti, linguaggio compreso. Non ricordo altro, seppure alle estreme delle estreme. Buccino potrebbe chiarirci se ci propina direttamente le idee di un partito comunista cinese clandestino, o che cosa? A me però è bastato questo: <<Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti… etc, etc ) Poi aggiunge: MAO AVEVA RAGIONE! Perdio, io che per trenta anni, MAO al governo ho sempre visto la popolazione cinese con la tutina militare di prammatica, e le grandi città di quel paese inondate di bicicletta ancora negli anni ‘ottanta’ con due terzi della gente che ancora non poteva mangiare il necessario… e ora VEDO UNA CINA che se MAO si svegliasse, non solo scoppierebbe dalla sorpresa, ma se riconosciuto verrebbe inseguito a randellate dai suoi concittadini… E stiamo parlando della Cina che si dichiara TUTTORA COMUNISTA! BUCCINO ci comunica che aveva ragione, Mao. E naturalmente è nostalgico e completamente teso verso il suo modello, O CHE ALTRO dati i tempi?… Ce ne vuole. Ma in Romagna, quando gli argomenti e la discussione assumono una dimensione impraticabile, si dice spesso: Fatti, non pugnette! (NB. Buccino mi scuserà, ma mi ritengo completamete sprovvisto della capacità di seguirlo, mica solo nelle idee, ma quel suo linguaggio, perfino…  Stavolta il post mi è scappato, ma non succederà più!=  

    Originariamente inviato da robyuan: Meno male carissimo che noi di destra siamo alla opposizione e quello che tu chiami capitalismo imperialista noi lo chiamavamo  plutocrazia. Però secondo me devi aggiornare anche il lessico. Esempio, la classe operaia non esiste piu  semmai le classi oggi sono in funzione del reddito e non della attività . Secondo , non prendertela con la borghesia perche quel sistema l ha praticamente didtrutta. Infine cerca di trattare un argomento alla volta altrimenti crei solo confusione e di tutto quello che vuoi esternare rimane poco o nulla.SU togliatti ti rimando a quanto scritto sul MIGLIORE dai frequentatori del sito. Io son piu daccordo con te seppur politicamente agli antipodi o forse nò?Originariamente inviato da Buccino: Mario Draghi, da anni boia in guanti gialli responsabile di migliaia di delitti per conto della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e la sua schiera di ministri vendipatria sono tigri di carta!  La Repubblica Pontificia e il suo sistema politico delle Larghe Intese sono giganti dai piedi di argilla!  Impedire con 10-100-1000 iniziative di protesta il consolidamento del governo Draghi!      Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti che invece ne esaltava la forza politica e militare per giustificare la linea della “via parlamentare al socialismo” e delle “riforme di struttura”: in realtà la linea dell’abbandono della lotta per il socialismo, della rinuncia a sviluppare la prima ondata della rivoluzione proletaria che la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 aveva suscitato in tutto il mondo. Oggi constatiamo che Mao aveva ragione.  Analogamente sono tigri di carta e giganti dai piedi argilla gli attuali nemici della classe operaia e delle masse popolari nel nostro paese: i vertici della Repubblica Pontificia che hanno installato il governo Draghi avvalendosi della fattiva collaborazione di Renzi e Mattarella, in stretta combinazione con le istituzioni dell’UE e in accordo con gli imperialisti USA e sionisti. Un governo, quello Draghi, che rimette in sella i partiti delle Larghe Intese (polo PD e polo Berlusconi e Lega) e imbarca quegli esponenti del M5S che si sono venduti proprio a quella “casta” per estirpare la quale erano approdati in Parlamento con il voto e il sostegno popolare. Un governo che ha un solo mandato: attuare senza se e senza ma il programma comune della borghesia imperialista.  Nel suo discorso al Senato Draghi ha avuto perfino la sfrontatezza di dire che quello che il governo italiano deve fare nei prossimi dieci anni è già deciso: lo hanno deciso i gruppi imperialisti UE. Quale che sia il risultato delle elezioni politiche, se mai se ne terranno ancora, non cambierà nulla.  La grancassa mediatica messa in piedi per manipolare l’opinione pubblica a sostegno del governo Draghi è un indice del distacco crescente tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista nel nostro paese. Tanto baccano per esaltare Draghi, banchiere in carriera da quando negli anni ’90 fu a capo dell’asservimento del sistema economico pubblico del nostro paese ai gruppi imperialisti e della sua privatizzazione, si spiega con la difficoltà che la borghesia imperialista incontra nel far accettare i suoi uomini di fiducia alle masse popolari. Il distacco tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista già cresceva da anni: diminuiva la militanza popolare nei partiti che avevano preso il posto del PCI revisionista di Berlinguer, cresceva l’astensione dalle elezioni, si moltiplicavano le clientele. Con le elezioni del marzo 2018 ha fatto un balzo: ha aperto una breccia interrompendo la successione quarantennale di governi di Larghe Intese che il Patto del Nazareno (gennaio 2014) aveva da poco consacrato. Anche se ora con il governo Draghi i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia hanno rabberciato la breccia, il distacco è destinato ad aumentare. Il commissariamento UE dell’Italia sancito con l’installazione del governo Draghi e le misure “lacrime e sangue” che applicherà alle masse popolari accresceranno questo distacco e non potranno che renderlo ancor più acuto rispetto a come si è espresso negli ultimi anni. Esso è oramai una delle condizioni oggettive della lotta di classe nel nostro paese e alimenta continuamente le mille forme di resistenza delle masse popolari al corso disastroso delle cose determinato dalla seconda crisi generale del capitalismo entrata nel 2008 nella sua fase acuta e terminale e dall’ulteriore aggravamento della crisi causato dalla gestione capitalista della pandemia.  Questa è la forza che rende precaria qualunque mossa della classe dominante per riparare la crisi del suo sistema politico, rende croniche le contraddizioni all’interno della classe dominante stessa, rende incerta o temporanea la riuscita di ogni suo raggiro anti-popolare.  Compito di noi comunisti e di tutti quelli che vogliono porre fine al corso disastroso delle cose è sostenere ogni espressione della resistenza delle masse popolari, rafforzarla, elevare il livello delle sue aspirazioni e la coscienza che la anima fino a farne una forza organizzata che farà ingoiare ai vertici della Repubblica Pontificia un suo governo d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare. Questo evento chiuderà la prima fase della rivoluzione socialista in corso e darà il via a una nuova fase.  Sosteniamo ogni forma di opposizione, protesta e lotta contro il neonato governo Draghi! Il (nuovo)PCI chiama i suoi Comitati di Partito, il Partito dei CARC suo partito fratello e i comunisti ovunque collocati a rafforzare ed elevare la denuncia dell’operazione Draghi, a mobilitare i giovani, gli operai, le donne, i lavoratori autonomi e ogni settore delle masse popolari contro il tentativo di sottomettere il paese al programma comune della borghesia imperialista e contro il commissariamento del nostro paese da parte dell’UE e la sottomissione alla NATO.  Contro l’intossicazione mediatica smascheriamo nella maniera più capillare di cui siamo già capaci padrini e protagonisti del governo della Confindustria, del Vaticano, della finanza internazionale: 10, 100, 1000 scritte murali contro Jorge Mario Bergoglio il predicatore della comunanza di interessi tra carnefici e vittime, Mario Draghi il boia in guanti gialli, Sergio Mattarella il vendipatria, Nicola Zingaretti il servo dei padroni, Matteo Renzi l’aguzzino di Confindustria, Silvio Berlusconi il socio di Cosa Nostra, Matteo Salvini il socio di ‘ndrangheta, Luigi Di Maio il venduto.  Impedire con ogni mezzo il consolidamento del governo Draghi, moltiplicare le proteste, usare le mobilitazioni in corso e quelle che verranno per sviluppare e allargare la rete delle Organizzazioni Operaie e Popolari, incanalare le mille forme di resistenza spontanea nella loro moltiplicazione, nel consolidamento e rafforzamento del nuovo sistema di potere fondato sul coordinamento delle Organizzazioni Operaie e Popolari: questa è oggi la rivoluzione socialista in corso e la via della rinascita del movimento comunista.  Questo è il futuro possibile del nostro paese, da cui sorgerà l’alba dell’Italia socialista, qualunque siano le mosse della borghesia imperialista per tamponare la crisi del suo sistema politico.  I nemici della classe operaia e delle masse popolari sono rimaste delle tigri di carta, è il movimento comunista che a causa dei suoi limiti ha temporaneamente perso di forza e ammainato la sua bandiera!  Nel 100° anniversario della fondazione del primo PCI, bando al disfattismo e all’attendismo!  Assimilare gli insegnamenti del vecchio movimento comunista e tornare a issare alta la bandiera della lotta per fare dell’Italia un nuovo paese socialista!  Per questo lotta il (nuovo)Partito Comunista Italiano, con l’onore di proseguire l’opera iniziata con la prima ondata delle rivoluzioni proletarie, con amore infinito verso la classe operaia e le masse popolari!  

     

     

  8. Normal

      

    Questa faccenda è lontana dal risolversi.
    Salutone Roby, pure in terra Toscana il tempo è bellissimo. Noi siamo arancioni da un po’ di giorni con promessa di diventare rossi a brevissimo.
    Rossi capisci ?
    Maledetti Comunisti… mada icchè si son inventati pur di non estinguersi…

    Originariamente inviato da robyuan: Ciao normy  qua  tempo discreto ma da domani siamo in arancione rafforzato praticamente rosso 
     

    Originariamente inviato da Normal: Mah. Ho scritto un paio di commenti ultimamente e non sono partiti. Colpa mia sicuramente. Non ho alcuna intenzione di riscriverli… solo volevo accertarmi che potessi ancora postare. Colgo l’occasione per salutarvi in maniera ESAGERATA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

     

     

  9. robyuan

      

    Ciao normy  qua  tempo discreto ma da domani siamo in arancione rafforzato praticamente rosso 

    Originariamente inviato da Normal: Mah. Ho scritto un paio di commenti ultimamente e non sono partiti. Colpa mia sicuramente. Non ho alcuna intenzione di riscriverli… solo volevo accertarmi che potessi ancora postare. Colgo l’occasione per salutarvi in maniera ESAGERATA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

     

  10. Normal

      

    Mah.
    Ho scritto un paio di commenti ultimamente e non sono partiti. Colpa mia sicuramente.
    Non ho alcuna intenzione di riscriverli… solo volevo accertarmi che potessi ancora postare.
    Colgo l’occasione per salutarvi in maniera ESAGERATA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  11. Normal

      

    Test

  12. Nakatomy

      

    Buongiorno e buona domenica a tutti 
     
    Oggi apro con questa notizia che mi fa veramente schifo 
    Questo bastardo merita solamente la legge delle sacre scritture antiche 
    Potevano essere mie figlie 
    Le ha rovinate per sempre queste povere bambine , io le vedo bimbe con i miei occhi 
    Maledetto  pedofilo di *******  
    mio non perdono su queste cose 
    https://www.unionesarda.it/articolo/news/italia/2021/02/27/sequestra-due-13enni-e-le-violenta-per-una-notte-in-cella-operaio-137-1120637.html

  13. DonChi

      

    il VETERO-COMUNISTA BUCCINO
    ci inonda di risoluzioni appena stilate – naturalmente all’unanimità- dal COMINFORM RESUSCITATO PER LA BISOGNA.
    E’ certo che sia convinto che argomentazioni e linguaggio della sua RISOLUZIONE, siano completamente confacenti all’anno 2021, dove  dovrebbe vivere, dopo aver constato cambiamenti mondiali mai visti negli ultimi 30 anni.
    Ero rimasto al compagno RIZZO, ma pur coi suoi anni di legislatura nelle formazioni comuniste italiane, non mi parrebbe. Bertinotti l’ho scartato subito, sapendolo dotato di concetti molto più evoluti, linguaggio compreso. Non ricordo altro, seppure alle estreme delle estreme.
    Buccino potrebbe chiarirci se ci propina direttamente le idee di un partito comunista cinese clandestino, o che cosa?
    A me però è bastato questo:
    <<Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti… etc, etc )
    Poi aggiunge: MAO AVEVA RAGIONE!
    Perdio, io che per trenta anni, MAO al governo ho sempre visto la popolazione cinese con la tutina militare di prammatica, e le grandi città di quel paese inondate di bicicletta ancora negli anni ‘ottanta’ con due terzi della gente che ancora non poteva mangiare il necessario… e ora VEDO UNA CINA che se MAO si svegliasse, non solo scoppierebbe dalla sorpresa, ma se riconosciuto verrebbe inseguito a randellate dai suoi concittadini…
    E stiamo parlando della Cina che si dichiara TUTTORA COMUNISTA!
    BUCCINO ci comunica che aveva ragione, Mao. E naturalmente è nostalgico e completamente teso verso il suo modello, O CHE ALTRO dati i tempi?…
    Ce ne vuole. Ma in Romagna, quando gli argomenti e la discussione assumono una dimensione impraticabile, si dice spesso: Fatti, non pugnette!
    (NB. Buccino mi scuserà, ma mi ritengo completamete sprovvisto della capacità di seguirlo, mica solo nelle idee, ma quel suo linguaggio, perfino…  Stavolta il post mi è scappato, ma non succederà più!=
     

    Originariamente inviato da robyuan: Meno male carissimo che noi di destra siamo alla opposizione e quello che tu chiami capitalismo imperialista noi lo chiamavamo  plutocrazia. Però secondo me devi aggiornare anche il lessico. Esempio, la classe operaia non esiste piu  semmai le classi oggi sono in funzione del reddito e non della attività . Secondo , non prendertela con la borghesia perche quel sistema l ha praticamente didtrutta. Infine cerca di trattare un argomento alla volta altrimenti crei solo confusione e di tutto quello che vuoi esternare rimane poco o nulla.SU togliatti ti rimando a quanto scritto sul MIGLIORE dai frequentatori del sito. Io son piu daccordo con te seppur politicamente agli antipodi o forse nò?Originariamente inviato da Buccino: Mario Draghi, da anni boia in guanti gialli responsabile di migliaia di delitti per conto della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e la sua schiera di ministri vendipatria sono tigri di carta!  La Repubblica Pontificia e il suo sistema politico delle Larghe Intese sono giganti dai piedi di argilla!  Impedire con 10-100-1000 iniziative di protesta il consolidamento del governo Draghi!      Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti che invece ne esaltava la forza politica e militare per giustificare la linea della “via parlamentare al socialismo” e delle “riforme di struttura”: in realtà la linea dell’abbandono della lotta per il socialismo, della rinuncia a sviluppare la prima ondata della rivoluzione proletaria che la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 aveva suscitato in tutto il mondo. Oggi constatiamo che Mao aveva ragione.  Analogamente sono tigri di carta e giganti dai piedi argilla gli attuali nemici della classe operaia e delle masse popolari nel nostro paese: i vertici della Repubblica Pontificia che hanno installato il governo Draghi avvalendosi della fattiva collaborazione di Renzi e Mattarella, in stretta combinazione con le istituzioni dell’UE e in accordo con gli imperialisti USA e sionisti. Un governo, quello Draghi, che rimette in sella i partiti delle Larghe Intese (polo PD e polo Berlusconi e Lega) e imbarca quegli esponenti del M5S che si sono venduti proprio a quella “casta” per estirpare la quale erano approdati in Parlamento con il voto e il sostegno popolare. Un governo che ha un solo mandato: attuare senza se e senza ma il programma comune della borghesia imperialista.  Nel suo discorso al Senato Draghi ha avuto perfino la sfrontatezza di dire che quello che il governo italiano deve fare nei prossimi dieci anni è già deciso: lo hanno deciso i gruppi imperialisti UE. Quale che sia il risultato delle elezioni politiche, se mai se ne terranno ancora, non cambierà nulla.  La grancassa mediatica messa in piedi per manipolare l’opinione pubblica a sostegno del governo Draghi è un indice del distacco crescente tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista nel nostro paese. Tanto baccano per esaltare Draghi, banchiere in carriera da quando negli anni ’90 fu a capo dell’asservimento del sistema economico pubblico del nostro paese ai gruppi imperialisti e della sua privatizzazione, si spiega con la difficoltà che la borghesia imperialista incontra nel far accettare i suoi uomini di fiducia alle masse popolari. Il distacco tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista già cresceva da anni: diminuiva la militanza popolare nei partiti che avevano preso il posto del PCI revisionista di Berlinguer, cresceva l’astensione dalle elezioni, si moltiplicavano le clientele. Con le elezioni del marzo 2018 ha fatto un balzo: ha aperto una breccia interrompendo la successione quarantennale di governi di Larghe Intese che il Patto del Nazareno (gennaio 2014) aveva da poco consacrato. Anche se ora con il governo Draghi i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia hanno rabberciato la breccia, il distacco è destinato ad aumentare. Il commissariamento UE dell’Italia sancito con l’installazione del governo Draghi e le misure “lacrime e sangue” che applicherà alle masse popolari accresceranno questo distacco e non potranno che renderlo ancor più acuto rispetto a come si è espresso negli ultimi anni. Esso è oramai una delle condizioni oggettive della lotta di classe nel nostro paese e alimenta continuamente le mille forme di resistenza delle masse popolari al corso disastroso delle cose determinato dalla seconda crisi generale del capitalismo entrata nel 2008 nella sua fase acuta e terminale e dall’ulteriore aggravamento della crisi causato dalla gestione capitalista della pandemia.  Questa è la forza che rende precaria qualunque mossa della classe dominante per riparare la crisi del suo sistema politico, rende croniche le contraddizioni all’interno della classe dominante stessa, rende incerta o temporanea la riuscita di ogni suo raggiro anti-popolare.  Compito di noi comunisti e di tutti quelli che vogliono porre fine al corso disastroso delle cose è sostenere ogni espressione della resistenza delle masse popolari, rafforzarla, elevare il livello delle sue aspirazioni e la coscienza che la anima fino a farne una forza organizzata che farà ingoiare ai vertici della Repubblica Pontificia un suo governo d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare. Questo evento chiuderà la prima fase della rivoluzione socialista in corso e darà il via a una nuova fase.  Sosteniamo ogni forma di opposizione, protesta e lotta contro il neonato governo Draghi! Il (nuovo)PCI chiama i suoi Comitati di Partito, il Partito dei CARC suo partito fratello e i comunisti ovunque collocati a rafforzare ed elevare la denuncia dell’operazione Draghi, a mobilitare i giovani, gli operai, le donne, i lavoratori autonomi e ogni settore delle masse popolari contro il tentativo di sottomettere il paese al programma comune della borghesia imperialista e contro il commissariamento del nostro paese da parte dell’UE e la sottomissione alla NATO.  Contro l’intossicazione mediatica smascheriamo nella maniera più capillare di cui siamo già capaci padrini e protagonisti del governo della Confindustria, del Vaticano, della finanza internazionale: 10, 100, 1000 scritte murali contro Jorge Mario Bergoglio il predicatore della comunanza di interessi tra carnefici e vittime, Mario Draghi il boia in guanti gialli, Sergio Mattarella il vendipatria, Nicola Zingaretti il servo dei padroni, Matteo Renzi l’aguzzino di Confindustria, Silvio Berlusconi il socio di Cosa Nostra, Matteo Salvini il socio di ‘ndrangheta, Luigi Di Maio il venduto.  Impedire con ogni mezzo il consolidamento del governo Draghi, moltiplicare le proteste, usare le mobilitazioni in corso e quelle che verranno per sviluppare e allargare la rete delle Organizzazioni Operaie e Popolari, incanalare le mille forme di resistenza spontanea nella loro moltiplicazione, nel consolidamento e rafforzamento del nuovo sistema di potere fondato sul coordinamento delle Organizzazioni Operaie e Popolari: questa è oggi la rivoluzione socialista in corso e la via della rinascita del movimento comunista.  Questo è il futuro possibile del nostro paese, da cui sorgerà l’alba dell’Italia socialista, qualunque siano le mosse della borghesia imperialista per tamponare la crisi del suo sistema politico.  I nemici della classe operaia e delle masse popolari sono rimaste delle tigri di carta, è il movimento comunista che a causa dei suoi limiti ha temporaneamente perso di forza e ammainato la sua bandiera!  Nel 100° anniversario della fondazione del primo PCI, bando al disfattismo e all’attendismo!  Assimilare gli insegnamenti del vecchio movimento comunista e tornare a issare alta la bandiera della lotta per fare dell’Italia un nuovo paese socialista!  Per questo lotta il (nuovo)Partito Comunista Italiano, con l’onore di proseguire l’opera iniziata con la prima ondata delle rivoluzioni proletarie, con amore infinito verso la classe operaia e le masse popolari!  

     

  14. robyuan

      

    Meno male carissimo che noi di destra siamo alla opposizione e quello che tu chiami capitalismo imperialista noi lo chiamavamo  plutocrazia. Però secondo me devi aggiornare anche il lessico. Esempio, la classe operaia non esiste piu  semmai le classi oggi sono in funzione del reddito e non della attività . Secondo , non prendertela con la borghesia perche quel sistema l ha praticamente didtrutta. Infine cerca di trattare un argomento alla volta altrimenti crei solo confusione e di tutto quello che vuoi esternare rimane poco o nulla.SU togliatti ti rimando a quanto scritto sul MIGLIORE dai frequentatori del sito. Io son piu daccordo con te seppur politicamente agli antipodi o forse nò?Originariamente inviato da Buccino: Mario Draghi, da anni boia in guanti gialli responsabile di migliaia di delitti per conto della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e la sua schiera di ministri vendipatria sono tigri di carta!  La Repubblica Pontificia e il suo sistema politico delle Larghe Intese sono giganti dai piedi di argilla!  Impedire con 10-100-1000 iniziative di protesta il consolidamento del governo Draghi!      Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti che invece ne esaltava la forza politica e militare per giustificare la linea della “via parlamentare al socialismo” e delle “riforme di struttura”: in realtà la linea dell’abbandono della lotta per il socialismo, della rinuncia a sviluppare la prima ondata della rivoluzione proletaria che la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 aveva suscitato in tutto il mondo. Oggi constatiamo che Mao aveva ragione.  Analogamente sono tigri di carta e giganti dai piedi argilla gli attuali nemici della classe operaia e delle masse popolari nel nostro paese: i vertici della Repubblica Pontificia che hanno installato il governo Draghi avvalendosi della fattiva collaborazione di Renzi e Mattarella, in stretta combinazione con le istituzioni dell’UE e in accordo con gli imperialisti USA e sionisti. Un governo, quello Draghi, che rimette in sella i partiti delle Larghe Intese (polo PD e polo Berlusconi e Lega) e imbarca quegli esponenti del M5S che si sono venduti proprio a quella “casta” per estirpare la quale erano approdati in Parlamento con il voto e il sostegno popolare. Un governo che ha un solo mandato: attuare senza se e senza ma il programma comune della borghesia imperialista.  Nel suo discorso al Senato Draghi ha avuto perfino la sfrontatezza di dire che quello che il governo italiano deve fare nei prossimi dieci anni è già deciso: lo hanno deciso i gruppi imperialisti UE. Quale che sia il risultato delle elezioni politiche, se mai se ne terranno ancora, non cambierà nulla.  La grancassa mediatica messa in piedi per manipolare l’opinione pubblica a sostegno del governo Draghi è un indice del distacco crescente tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista nel nostro paese. Tanto baccano per esaltare Draghi, banchiere in carriera da quando negli anni ’90 fu a capo dell’asservimento del sistema economico pubblico del nostro paese ai gruppi imperialisti e della sua privatizzazione, si spiega con la difficoltà che la borghesia imperialista incontra nel far accettare i suoi uomini di fiducia alle masse popolari. Il distacco tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista già cresceva da anni: diminuiva la militanza popolare nei partiti che avevano preso il posto del PCI revisionista di Berlinguer, cresceva l’astensione dalle elezioni, si moltiplicavano le clientele. Con le elezioni del marzo 2018 ha fatto un balzo: ha aperto una breccia interrompendo la successione quarantennale di governi di Larghe Intese che il Patto del Nazareno (gennaio 2014) aveva da poco consacrato. Anche se ora con il governo Draghi i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia hanno rabberciato la breccia, il distacco è destinato ad aumentare. Il commissariamento UE dell’Italia sancito con l’installazione del governo Draghi e le misure “lacrime e sangue” che applicherà alle masse popolari accresceranno questo distacco e non potranno che renderlo ancor più acuto rispetto a come si è espresso negli ultimi anni. Esso è oramai una delle condizioni oggettive della lotta di classe nel nostro paese e alimenta continuamente le mille forme di resistenza delle masse popolari al corso disastroso delle cose determinato dalla seconda crisi generale del capitalismo entrata nel 2008 nella sua fase acuta e terminale e dall’ulteriore aggravamento della crisi causato dalla gestione capitalista della pandemia.  Questa è la forza che rende precaria qualunque mossa della classe dominante per riparare la crisi del suo sistema politico, rende croniche le contraddizioni all’interno della classe dominante stessa, rende incerta o temporanea la riuscita di ogni suo raggiro anti-popolare.  Compito di noi comunisti e di tutti quelli che vogliono porre fine al corso disastroso delle cose è sostenere ogni espressione della resistenza delle masse popolari, rafforzarla, elevare il livello delle sue aspirazioni e la coscienza che la anima fino a farne una forza organizzata che farà ingoiare ai vertici della Repubblica Pontificia un suo governo d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare. Questo evento chiuderà la prima fase della rivoluzione socialista in corso e darà il via a una nuova fase.  Sosteniamo ogni forma di opposizione, protesta e lotta contro il neonato governo Draghi! Il (nuovo)PCI chiama i suoi Comitati di Partito, il Partito dei CARC suo partito fratello e i comunisti ovunque collocati a rafforzare ed elevare la denuncia dell’operazione Draghi, a mobilitare i giovani, gli operai, le donne, i lavoratori autonomi e ogni settore delle masse popolari contro il tentativo di sottomettere il paese al programma comune della borghesia imperialista e contro il commissariamento del nostro paese da parte dell’UE e la sottomissione alla NATO.  Contro l’intossicazione mediatica smascheriamo nella maniera più capillare di cui siamo già capaci padrini e protagonisti del governo della Confindustria, del Vaticano, della finanza internazionale: 10, 100, 1000 scritte murali contro Jorge Mario Bergoglio il predicatore della comunanza di interessi tra carnefici e vittime, Mario Draghi il boia in guanti gialli, Sergio Mattarella il vendipatria, Nicola Zingaretti il servo dei padroni, Matteo Renzi l’aguzzino di Confindustria, Silvio Berlusconi il socio di Cosa Nostra, Matteo Salvini il socio di ‘ndrangheta, Luigi Di Maio il venduto.  Impedire con ogni mezzo il consolidamento del governo Draghi, moltiplicare le proteste, usare le mobilitazioni in corso e quelle che verranno per sviluppare e allargare la rete delle Organizzazioni Operaie e Popolari, incanalare le mille forme di resistenza spontanea nella loro moltiplicazione, nel consolidamento e rafforzamento del nuovo sistema di potere fondato sul coordinamento delle Organizzazioni Operaie e Popolari: questa è oggi la rivoluzione socialista in corso e la via della rinascita del movimento comunista.  Questo è il futuro possibile del nostro paese, da cui sorgerà l’alba dell’Italia socialista, qualunque siano le mosse della borghesia imperialista per tamponare la crisi del suo sistema politico.  I nemici della classe operaia e delle masse popolari sono rimaste delle tigri di carta, è il movimento comunista che a causa dei suoi limiti ha temporaneamente perso di forza e ammainato la sua bandiera!  Nel 100° anniversario della fondazione del primo PCI, bando al disfattismo e all’attendismo!  Assimilare gli insegnamenti del vecchio movimento comunista e tornare a issare alta la bandiera della lotta per fare dell’Italia un nuovo paese socialista!  Per questo lotta il (nuovo)Partito Comunista Italiano, con l’onore di proseguire l’opera iniziata con la prima ondata delle rivoluzioni proletarie, con amore infinito verso la classe operaia e le masse popolari!
     

  15. peter pan

      

    Buon pomeriggio a tutti e buona domenica.
    Ethan sono d’accordo con tutto quanto hai postato. Sei stato anche molto equilibrato con i tuoi giudizi sulla politica, che non potrà mai soddisfare le aspettative di tutti. Necessariamente dovrà deludere una certa parte dell’elettorato. Se poi, come giustamente hai fatto presente a rappresentare l’elettorato intervongo persone di così scarsa levatura…
    Gente che voleva mandare Draghi in galera, che lo riteneva (e lo diceva) una nullità, ora si ritrova in posizioni di responsabilità! Ma ormai è tutta una farsa, anche le proiezioni che ci propinano. Il movimento 5 (?)stalle viene dato al 15.5% delle preferenze mentre è in atto un disfacimento totale, toponi e topini che abbandonano la nave. Vuol dire che in Italia ci sarebbero 15.5 persone per ogni 100 votanti che pensano ancora  che questo movimento totalmente imploso, tenuto in piedi praticamente solo da un vecchio comico decrepito meriti comunque fiducia per il futuro di questo Paese?
    Io con la politica ed i personaggi mediocri che la rappresentano ormai ho chiuso, non ho più neanche voglia di criticare, tanto non servirebbe a nulla…
    Un caro saluto.

    Originariamente inviato da ethan hunt: buongiorno, credo sia abbastanza chiara in questi giorni la percezione della precarietà della politica, se essa diventa il parametro o la metafisica con cui si giudicano tutte le cose umane. La politica delude SEMPRE le aspettative, ed è abitata da persone inadeguate rispetto ad altri campi (scienza, letteratura, arte, filosofia, musica, religione). Partiamo da Draghi. Io non sono un suo apologeta, ma credo che anche i più fanatici sostenitori del banchiere siano oggi, sabato 27 dicembre, assai delusi dei primi passi del Drago. La nomina dei sottosegretari – complessivamente di bassissima levatura – ha dimostrato chiaramente che il potente Draghi è ostaggio dei partiti, nè più nè meno di prima. Anzi, forse peggio, perchè alla Giustizia l’on. Sisto, avvocato di Berlusconi, e alla Cultura la Bergonzoni – una che ha letto l’ultimo libro 4 anni fa – sono aberrazioni imperdonabili e scandalose per un premier che avrebbe dovuto mostrare di avere le palle e la giusta hubris politica. In America, il cambio di presidenza non è uno tsunami e forse delude meno che il cambio di premier in Italia. Credo per noi uomini di mondo si respiri finalmente aria di normalità con Biden alla Casa Bianca (anche con le bombe in Siria, certo! il macellatore Bashar el Assad non può rimanere impunito con 300.000 morti sulle spalle) insomma gli USA tornano con muscoli e diplomazia  nel consesso dei paesi civili e non dei paesi guidati dal leader folli e Barbari, per cui Washington rientra negli accordi sui cambiamenti climatici, nel dibattito sul nuclerare iraniano, Biden considera il principe medievale saudita Bin Salman il mandante e assassino (e maciullatore) di Khasoggi, fa approvare dal Congresso (stanotte) un mega pacchetto di 1,9 miliardi di dollari di stimolo per l’economia post-Covid. Qui la politica non infiamma salvinianamente gli animi ma delude un po’ meno che in Italia…. insomma anche se 1/3 degli americani rimarranno trumpiani per molto tempo, e creeranno sicuro problemi, gli Stati Uniti riprendono quota e credibilità (non sono sono però solo fatti loro, Peter, credo siano fatti del mondo intero, la globalizzazione è qui per restare). Mi sembra infine un poco riduttiva (anche se era una battuta lo so) l’equazione posta da robyuan con trump borsa su, con biden borsa giù. Infatti dipende come ben sappiamo noi che seguiamo i mercati solo ed esclusivamente dai tassi d’interesse in rialzo, dal futuro calo dei prezzi dei bond, dalla ripresa economica in vista del dopo Covid con l’arrivo dei vaccini, dalla futura fine del QE, insomma NON DIPENDE da chi è presidente, secondo me.  Credo DonChi – che è più macro degli altri – sia d’accordo, o sbaglio?   

     

  16. Avatar

      

    Mario Draghi, da anni boia in guanti gialli responsabile di migliaia di delitti per conto della Comunità Internazionale dei gruppi imperialisti europei, USA e sionisti e la sua schiera di ministri vendipatria sono tigri di carta! 
    La Repubblica Pontificia e il suo sistema politico delle Larghe Intese sono giganti dai piedi di argilla! 
    Impedire con 10-100-1000 iniziative di protesta il consolidamento del governo Draghi!     
    Tigri di carta e giganti dai piedi di argilla. Così Mao, nel suo scritto del 1962 Le divergenze tra il compagno Togliatti e noi, definiva gli imperialisti USA in risposta al revisionista moderno Palmiro Togliatti che invece ne esaltava la forza politica e militare per giustificare la linea della “via parlamentare al socialismo” e delle “riforme di struttura”: in realtà la linea dell’abbandono della lotta per il socialismo, della rinuncia a sviluppare la prima ondata della rivoluzione proletaria che la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 aveva suscitato in tutto il mondo. Oggi constatiamo che Mao aveva ragione.  Analogamente sono tigri di carta e giganti dai piedi argilla gli attuali nemici della classe operaia e delle masse popolari nel nostro paese: i vertici della Repubblica Pontificia che hanno installato il governo Draghi avvalendosi della fattiva collaborazione di Renzi e Mattarella, in stretta combinazione con le istituzioni dell’UE e in accordo con gli imperialisti USA e sionisti. Un governo, quello Draghi, che rimette in sella i partiti delle Larghe Intese (polo PD e polo Berlusconi e Lega) e imbarca quegli esponenti del M5S che si sono venduti proprio a quella “casta” per estirpare la quale erano approdati in Parlamento con il voto e il sostegno popolare. Un governo che ha un solo mandato: attuare senza se e senza ma il programma comune della borghesia imperialista.  Nel suo discorso al Senato Draghi ha avuto perfino la sfrontatezza di dire che quello che il governo italiano deve fare nei prossimi dieci anni è già deciso: lo hanno deciso i gruppi imperialisti UE. Quale che sia il risultato delle elezioni politiche, se mai se ne terranno ancora, non cambierà nulla.  La grancassa mediatica messa in piedi per manipolare l’opinione pubblica a sostegno del governo Draghi è un indice del distacco crescente tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista nel nostro paese. Tanto baccano per esaltare Draghi, banchiere in carriera da quando negli anni ’90 fu a capo dell’asservimento del sistema economico pubblico del nostro paese ai gruppi imperialisti e della sua privatizzazione, si spiega con la difficoltà che la borghesia imperialista incontra nel far accettare i suoi uomini di fiducia alle masse popolari. Il distacco tra masse popolari e sistema politico della borghesia imperialista già cresceva da anni: diminuiva la militanza popolare nei partiti che avevano preso il posto del PCI revisionista di Berlinguer, cresceva l’astensione dalle elezioni, si moltiplicavano le clientele. Con le elezioni del marzo 2018 ha fatto un balzo: ha aperto una breccia interrompendo la successione quarantennale di governi di Larghe Intese che il Patto del Nazareno (gennaio 2014) aveva da poco consacrato. Anche se ora con il governo Draghi i vertici e i padrini della Repubblica Pontificia hanno rabberciato la breccia, il distacco è destinato ad aumentare. Il commissariamento UE dell’Italia sancito con l’installazione del governo Draghi e le misure “lacrime e sangue” che applicherà alle masse popolari accresceranno questo distacco e non potranno che renderlo ancor più acuto rispetto a come si è espresso negli ultimi anni. Esso è oramai una delle condizioni oggettive della lotta di classe nel nostro paese e alimenta continuamente le mille forme di resistenza delle masse popolari al corso disastroso delle cose determinato dalla seconda crisi generale del capitalismo entrata nel 2008 nella sua fase acuta e terminale e dall’ulteriore aggravamento della crisi causato dalla gestione capitalista della pandemia.  Questa è la forza che rende precaria qualunque mossa della classe dominante per riparare la crisi del suo sistema politico, rende croniche le contraddizioni all’interno della classe dominante stessa, rende incerta o temporanea la riuscita di ogni suo raggiro anti-popolare.  Compito di noi comunisti e di tutti quelli che vogliono porre fine al corso disastroso delle cose è sostenere ogni espressione della resistenza delle masse popolari, rafforzarla, elevare il livello delle sue aspirazioni e la coscienza che la anima fino a farne una forza organizzata che farà ingoiare ai vertici della Repubblica Pontificia un suo governo d’emergenza, il Governo di Blocco Popolare. Questo evento chiuderà la prima fase della rivoluzione socialista in corso e darà il via a una nuova fase.  Sosteniamo ogni forma di opposizione, protesta e lotta contro il neonato governo Draghi! Il (nuovo)PCI chiama i suoi Comitati di Partito, il Partito dei CARC suo partito fratello e i comunisti ovunque collocati a rafforzare ed elevare la denuncia dell’operazione Draghi, a mobilitare i giovani, gli operai, le donne, i lavoratori autonomi e ogni settore delle masse popolari contro il tentativo di sottomettere il paese al programma comune della borghesia imperialista e contro il commissariamento del nostro paese da parte dell’UE e la sottomissione alla NATO.  Contro l’intossicazione mediatica smascheriamo nella maniera più capillare di cui siamo già capaci padrini e protagonisti del governo della Confindustria, del Vaticano, della finanza internazionale: 10, 100, 1000 scritte murali contro Jorge Mario Bergoglio il predicatore della comunanza di interessi tra carnefici e vittime, Mario Draghi il boia in guanti gialli, Sergio Mattarella il vendipatria, Nicola Zingaretti il servo dei padroni, Matteo Renzi l’aguzzino di Confindustria, Silvio Berlusconi il socio di Cosa Nostra, Matteo Salvini il socio di ‘ndrangheta, Luigi Di Maio il venduto.  Impedire con ogni mezzo il consolidamento del governo Draghi, moltiplicare le proteste, usare le mobilitazioni in corso e quelle che verranno per sviluppare e allargare la rete delle Organizzazioni Operaie e Popolari, incanalare le mille forme di resistenza spontanea nella loro moltiplicazione, nel consolidamento e rafforzamento del nuovo sistema di potere fondato sul coordinamento delle Organizzazioni Operaie e Popolari: questa è oggi la rivoluzione socialista in corso e la via della rinascita del movimento comunista.  Questo è il futuro possibile del nostro paese, da cui sorgerà l’alba dell’Italia socialista, qualunque siano le mosse della borghesia imperialista per tamponare la crisi del suo sistema politico.  I nemici della classe operaia e delle masse popolari sono rimaste delle tigri di carta, è il movimento comunista che a causa dei suoi limiti ha temporaneamente perso di forza e ammainato la sua bandiera!  Nel 100° anniversario della fondazione del primo PCI, bando al disfattismo e all’attendismo!  Assimilare gli insegnamenti del vecchio movimento comunista e tornare a issare alta la bandiera della lotta per fare dell’Italia un nuovo paese socialista!  Per questo lotta il (nuovo)Partito Comunista Italiano, con l’onore di proseguire l’opera iniziata con la prima ondata delle rivoluzioni proletarie, con amore infinito verso la classe operaia e le masse popolari!

  17. robyuan

      

    Caro  naka capo Teulada che bei ricordi . Pure io vi feci le manovre ma mi pare che fosse per kilometri deserto

  18. robyuan

      

    Grazie naka . Quel che dici e vero. Le leggi antisemite furon un erroreIMPERDONABILE di MUssolini  moltissimi di loro eran fascisti. Non riesco a spiegarmelo nemmeno io.  Condiscendenza verso Hitler ? Volle accontentare la frangia sntisemita  che faceva capo a PREZIOSI.. ?  TIENI PURE presente che una donna importantissima della sua vita la SARFATTI era ebrea. . NKOriginariamente inviato da Nakatomy: Robertino questo link lo posto per te  un ebreo fascista della Sardegna  se ti piace la storia due minuti del tuo tempo … Giornale di Chiesa   https://www.arborense.it/cultura/79-la-vanga-non-il-moschetto-lo-spirito-pubblico-ad-arborea-mussolinia-negli-anni-del-regime.html
     

  19. robyuan

      

    Siete ormai l unica regione BIANCA vuoi riconoscere a SOLINAS un minimo di merito? Oppure i meriti con di altri e le colpe sue? Io credo che essendo un SARDISTA   abbia a cuore l isola  come è più di te.

    Originariamente inviato da Nakatomy: Robertino quello che sta succedendo nell’oristanese sulla sanità etc.. è un qual cosa di surreale. Un capoluogo di provincia che sta smantellando pezzo dopo pezzo tutte le cose positive ,  ( apparati dello stato ) che aveva costruito  la DC tanto tempo fa.     

     

  20. Nakatomy

      

    Robertino questo link lo posto per te 
    un ebreo fascista della Sardegna 
    se ti piace la storia
    due minuti del tuo tempo …
    Giornale di Chiesa ⛪️ 
    https://www.arborense.it/cultura/79-la-vanga-non-il-moschetto-lo-spirito-pubblico-ad-arborea-mussolinia-negli-anni-del-regime.html

  21. Nakatomy

      

    Secondo link Sardo 😑
    discorso sui militari 
    io non vi dico cavolate , Robertino anche se siamo area bianca  
    qui siamo alla frutta 🍊 per non dirti altro 😇
    https://sardanews.it/notizie/trasferiti-a-oristano-i-militari-di-capo-teulada-positivi-al-covid

  22. Nakatomy

      

  23. Nakatomy

      

    Robertino quello che sta succedendo nell’oristanese sulla sanità etc.. è un qual cosa di surreale.
    Un capoluogo di provincia che sta smantellando pezzo dopo pezzo tutte le cose positive ,  ( apparati dello stato ) che aveva costruito  la DC tanto tempo fa. 
     
     

  24. Nakatomy

      

    NO alle scorie nucleari in Sardegna Tutti a lavoro , questa terra mi ha adottato 
    Tempo fino a luglio per contestare il deposito di scorie nucleariIl rinvio del termine (inizialmente fissato per marzo) è stato inserito nel decreto Milleproroghe
     
    La Regione Sardegna e i Comuni avranno tempo fino al 4 luglio 2021 per produrre le osservazioni tecniche con il deposito delle scorie nucleari. A far slittare i termini di presentazione delle relazioni è un emendamento al “decreto Milleproroghe”, che dopo essere passato alla Camera è stato approvato anche in Senato. Dai 60 giorni iniziali si è quindi arrivati a una proroga di ulteriori 120 giorni.
    Intanto la Marmilla continua a mobilitarsi. Lo scorso fine settimana il comitato NO SCORIE  ha raccolto circa 3.00o firme per dire no al deposito di scorie nucleari. I banchetti erano presenti in una ventina di centri tra l’Alta e la Bassa Marmilla. Probabilmente già a inizio marzo si replicherà con altre giornate di sensibilizzazione. I territori però non sono gli unici a muoversi. Dal 1° febbraio è al lavoro il comitato tecnico scientifico nominato dalla Regione Sardegna. Saranno proprio i tecnici a redigere le osservazioni da presentare a Roma.
     
    Bogai a son’e corru = Mandare via un a persona a malo modo, al suono del corno. Ci si riferisce alla figura del banditore e al fatto cha anticamente l’allontanamento di qualcuno veniva letto dallo stesso banditore che appunto suonava anche il corno.
     

  25. robyuan

      

    Carissimo brutto affare la simpatia  ti impedisce di ragionare a prescindere. Ma stai sereno sei in ottima compagnia. 

    Originariamente inviato da ethan hunt: buongiorno, credo sia abbastanza chiara in questi giorni la percezione della precarietà della politica, se essa diventa il parametro o la metafisica con cui si giudicano tutte le cose umane. La politica delude SEMPRE le aspettative, ed è abitata da persone inadeguate rispetto ad altri campi (scienza, letteratura, arte, filosofia, musica, religione). Partiamo da Draghi. Io non sono un suo apologeta, ma credo che anche i più fanatici sostenitori del banchiere siano oggi, sabato 27 dicembre, assai delusi dei primi passi del Drago. La nomina dei sottosegretari – complessivamente di bassissima levatura – ha dimostrato chiaramente che il potente Draghi è ostaggio dei partiti, nè più nè meno di prima. Anzi, forse peggio, perchè alla Giustizia l’on. Sisto, avvocato di Berlusconi, e alla Cultura la Bergonzoni – una che ha letto l’ultimo libro 4 anni fa – sono aberrazioni imperdonabili e scandalose per un premier che avrebbe dovuto mostrare di avere le palle e la giusta hubris politica. In America, il cambio di presidenza non è uno tsunami e forse delude meno che il cambio di premier in Italia. Credo per noi uomini di mondo si respiri finalmente aria di normalità con Biden alla Casa Bianca (anche con le bombe in Siria, certo! il macellatore Bashar el Assad non può rimanere impunito con 300.000 morti sulle spalle) insomma gli USA tornano con muscoli e diplomazia  nel consesso dei paesi civili e non dei paesi guidati dal leader folli e Barbari, per cui Washington rientra negli accordi sui cambiamenti climatici, nel dibattito sul nuclerare iraniano, Biden considera il principe medievale saudita Bin Salman il mandante e assassino (e maciullatore) di Khasoggi, fa approvare dal Congresso (stanotte) un mega pacchetto di 1,9 miliardi di dollari di stimolo per l’economia post-Covid. Qui la politica non infiamma salvinianamente gli animi ma delude un po’ meno che in Italia…. insomma anche se 1/3 degli americani rimarranno trumpiani per molto tempo, e creeranno sicuro problemi, gli Stati Uniti riprendono quota e credibilità (non sono sono però solo fatti loro, Peter, credo siano fatti del mondo intero, la globalizzazione è qui per restare). Mi sembra infine un poco riduttiva (anche se era una battuta lo so) l’equazione posta da robyuan con trump borsa su, con biden borsa giù. Infatti dipende come ben sappiamo noi che seguiamo i mercati solo ed esclusivamente dai tassi d’interesse in rialzo, dal futuro calo dei prezzi dei bond, dalla ripresa economica in vista del dopo Covid con l’arrivo dei vaccini, dalla futura fine del QE, insomma NON DIPENDE da chi è presidente, secondo me.  Credo DonChi – che è più macro degli altri – sia d’accordo, o sbaglio?   

     

  26. robyuan

      

    Nakasiete ancora gialli e noi arancione ma cosa vuoi dalla vita?

    Originariamente inviato da Nakatomy: Le news che ci arrivano dal mondo non sono tanto nelle ragazzi , riguardo al virus   Per me si cantava vittoria troppo presto  Nel senso ripresa economica etc.. La realtà è ben diversa  ( NIENTE È COME SEMBRa ) da me hanno chiuso 30 negozi una miseria in giro che non vi dico       

     

  27. Nakatomy

      

    Abbiamo !!! Xxxxxxx

  28. Nakatomy

      

    Quanto deve durare questa situazione in Sardegna ? 
    Noi non siamo la pattumiera delle esercitazioni della NATO. 
    Anbiamo già dato , abbiamo certe zone del mare contaminato da bombe 💣 porca xxxxxxxx
    Rispediteli a casa 🏠, visto che l’ospedale di Oristano va verso la chiusura. 
    Non dico altro…  altrimenti escono dalla mia penna solamente volgarità  verso questa politica. 
     
    https://www.google.it/amp/s/webapi.unionesarda.it/articoloamp/news-sardegna/provincia-cagliari/2021/02/18/teulada-positivi-al-coronavirus-sedici-militari-arrivati-alla-bas-136-1117208.html

  29. Nakatomy

      

    Se qualcuno pensava che la ripresa ” economica ” era imminente ”
    Con regole  necessarie come queste..
    Per fermare le varianti 🦠, vi informo che in Brasile siamo al disastro , ormai non si contano nemmeno più le ondate successive…
    Stiamo andando in una strada senza via d’uscita 
     
     
    https://www.corriere.it/politica/21_febbraio_27/dpcm-draghi-divieti-ecco-cosa-cambia-spostamenti-negozi-cinema-seconde-case-b3ab796c-7823-11eb-a31c-83439f3265f9.shtml

  30. ethan hunt

      

    mi sono riletto e devo correggere 2 errori: oggi è il 27 febbario, non il 27 dicembre (ero indietro di due mesi o avanti di dieci, boh!?). Il pacchetto di stimolo è di 1900 miliardi, non 1,9 miliardi (semmai 1,9 trilioni). scusate.
     

    Originariamente inviato da ethan hunt: buongiorno, credo sia abbastanza chiara in questi giorni la percezione della precarietà della politica, se essa diventa il parametro o la metafisica con cui si giudicano tutte le cose umane. La politica delude SEMPRE le aspettative, ed è abitata da persone inadeguate rispetto ad altri campi (scienza, letteratura, arte, filosofia, musica, religione). Partiamo da Draghi. Io non sono un suo apologeta, ma credo che anche i più fanatici sostenitori del banchiere siano oggi, sabato 27 dicembre, assai delusi dei primi passi del Drago. La nomina dei sottosegretari – complessivamente di bassissima levatura – ha dimostrato chiaramente che il potente Draghi è ostaggio dei partiti, nè più nè meno di prima. Anzi, forse peggio, perchè alla Giustizia l’on. Sisto, avvocato di Berlusconi, e alla Cultura la Bergonzoni – una che ha letto l’ultimo libro 4 anni fa – sono aberrazioni imperdonabili e scandalose per un premier che avrebbe dovuto mostrare di avere le palle e la giusta hubris politica. In America, il cambio di presidenza non è uno tsunami e forse delude meno che il cambio di premier in Italia. Credo per noi uomini di mondo si respiri finalmente aria di normalità con Biden alla Casa Bianca (anche con le bombe in Siria, certo! il macellatore Bashar el Assad non può rimanere impunito con 300.000 morti sulle spalle) insomma gli USA tornano con muscoli e diplomazia  nel consesso dei paesi civili e non dei paesi guidati dal leader folli e Barbari, per cui Washington rientra negli accordi sui cambiamenti climatici, nel dibattito sul nuclerare iraniano, Biden considera il principe medievale saudita Bin Salman il mandante e assassino (e maciullatore) di Khasoggi, fa approvare dal Congresso (stanotte) un mega pacchetto di 1,9 miliardi di dollari di stimolo per l’economia post-Covid. Qui la politica non infiamma salvinianamente gli animi ma delude un po’ meno che in Italia…. insomma anche se 1/3 degli americani rimarranno trumpiani per molto tempo, e creeranno sicuro problemi, gli Stati Uniti riprendono quota e credibilità (non sono sono però solo fatti loro, Peter, credo siano fatti del mondo intero, la globalizzazione è qui per restare). Mi sembra infine un poco riduttiva (anche se era una battuta lo so) l’equazione posta da robyuan con trump borsa su, con biden borsa giù. Infatti dipende come ben sappiamo noi che seguiamo i mercati solo ed esclusivamente dai tassi d’interesse in rialzo, dal futuro calo dei prezzi dei bond, dalla ripresa economica in vista del dopo Covid con l’arrivo dei vaccini, dalla futura fine del QE, insomma NON DIPENDE da chi è presidente, secondo me.  Credo DonChi – che è più macro degli altri – sia d’accordo, o sbaglio?   

     

  31. ethan hunt

      

    buongiorno, credo sia abbastanza chiara in questi giorni la percezione della precarietà della politica, se essa diventa il parametro o la metafisica con cui si giudicano tutte le cose umane. La politica delude SEMPRE le aspettative, ed è abitata da persone inadeguate rispetto ad altri campi (scienza, letteratura, arte, filosofia, musica, religione). Partiamo da Draghi. Io non sono un suo apologeta, ma credo che anche i più fanatici sostenitori del banchiere siano oggi, sabato 27 dicembre, assai delusi dei primi passi del Drago. La nomina dei sottosegretari – complessivamente di bassissima levatura – ha dimostrato chiaramente che il potente Draghi è ostaggio dei partiti, nè più nè meno di prima. Anzi, forse peggio, perchè alla Giustizia l’on. Sisto, avvocato di Berlusconi, e alla Cultura la Bergonzoni – una che ha letto l’ultimo libro 4 anni fa – sono aberrazioni imperdonabili e scandalose per un premier che avrebbe dovuto mostrare di avere le palle e la giusta hubris politica. In America, il cambio di presidenza non è uno tsunami e forse delude meno che il cambio di premier in Italia. Credo per noi uomini di mondo si respiri finalmente aria di normalità con Biden alla Casa Bianca (anche con le bombe in Siria, certo! il macellatore Bashar el Assad non può rimanere impunito con 300.000 morti sulle spalle) insomma gli USA tornano con muscoli e diplomazia  nel consesso dei paesi civili e non dei paesi guidati dal leader folli e Barbari, per cui Washington rientra negli accordi sui cambiamenti climatici, nel dibattito sul nuclerare iraniano, Biden considera il principe medievale saudita Bin Salman il mandante e assassino (e maciullatore) di Khasoggi, fa approvare dal Congresso (stanotte) un mega pacchetto di 1,9 miliardi di dollari di stimolo per l’economia post-Covid. Qui la politica non infiamma salvinianamente gli animi ma delude un po’ meno che in Italia…. insomma anche se 1/3 degli americani rimarranno trumpiani per molto tempo, e creeranno sicuro problemi, gli Stati Uniti riprendono quota e credibilità (non sono sono però solo fatti loro, Peter, credo siano fatti del mondo intero, la globalizzazione è qui per restare). Mi sembra infine un poco riduttiva (anche se era una battuta lo so) l’equazione posta da robyuan con trump borsa su, con biden borsa giù. Infatti dipende come ben sappiamo noi che seguiamo i mercati solo ed esclusivamente dai tassi d’interesse in rialzo, dal futuro calo dei prezzi dei bond, dalla ripresa economica in vista del dopo Covid con l’arrivo dei vaccini, dalla futura fine del QE, insomma NON DIPENDE da chi è presidente, secondo me.  Credo DonChi – che è più macro degli altri – sia d’accordo, o sbaglio?   

  32. Nakatomy

      

    Mi piace pensarla così : Peter puoi tradurre per favore 😑
    The black swan of financial markets – the symbol of unlikely, an unexpected event with epocal consequences, such as the two world wars, the financial crisis of 1929, 1987, 2008 or the scary pandemic today. But in recent days, investors have had to face a more predictable danger: the return of the virus crown , a variant version , much more dangerous in the form of contagions , in Brazil is showing us all its power in dead versions. 

  33. Nakatomy

      

    Pardon belle 👈
    La fretta 😇

  34. Nakatomy

      

    Le news che ci arrivano dal mondo 🌎 non sono tanto nelle ragazzi , riguardo al virus 🦠 
    Per me si cantava vittoria troppo presto 
    Nel senso ripresa economica etc..
    La realtà è ben diversa 
    ( NIENTE È COME SEMBRa )
    da me hanno chiuso 30 negozi 😱
    una miseria in giro che non vi dico 
     
     
     

  35. Nakatomy

      

    Buongiorno e buon sabato a tutti 
    Peter carissimo ,  sto soffrendo da 30 giorni con questi treasury usa 🇺🇸 
    Dai mettiamola così…  prima ho sofferto io , ora un pochino anche a te 😀
    La vita è così : oggi a me domani a te 
    😂😂😂

  36. peter pan

      

    Pessima settimana per me amici miei, ora me ne vado a dormire perché sono sfinito nonostante l’orario non sia da uomo in frack…
    Vi auguro un buon fine settimana che almeno dal punto di visto metereologico dovrebbe sorriderci.

  37. robyuan

      

    Questo mi pàre esagerato ma ha un fondo di verita. Qui siam tutti , o quasi, persone culturalmente oneste e quindi in grado di giudicare oltre le personali antipatie

    Originariamente inviato da Nakatomy: robertino , Trump lo ha detto chiaramente …..  con lui nessun americano è morto in guerra  Poi vai a sapere…   mah 

     

  38. Nakatomy

      

    robertino , Trump lo ha detto chiaramente …..  con lui nessun americano è morto in guerra 
    Poi vai a sapere…   mah 

  39. Nakatomy

      

    Oro in caduta libera , dollaro mostra i muscoli    “finalmente devo dire”
    Bond in forte ripresa , rendimenti scendono….   ” speriamo bene ”  per i prossimi giorni. 
    Più di cosi non posso chiedere 
     

  40. Nakatomy

      

    Osservate il panorama :)))))

  41. robyuan

      

    Trump borsa su biden borsa giù. Meglio trump o biden

    Originariamente inviato da peter pan: Certo! Proprio tu che leggi i libri di storia non sai o non vuoi sapere che è con la minaccia della forza che si ottengono i risultati voluti, cioè tenere le persone al loro posto. La politica di Trump era semplice: I AM FOR ME! America first! Che poi tradotto in italiano antico significa: io sò io e voi non siete un cazzo. Arrangiatevi. Autarchia. Biden non fa altro che continuare la politica precedente dei democratici e quello che ha fatto (fare) significa esattamente quello che fa Israele per sopravvivere o la Cina per imporre le proprie regole, solo che la Cina apre la porta ed è lì, l’America è un po’ più lontana…. Comunque sia, queste sono scaramucce, se cominciamo a fare i paragoni fra Trump e Biden partendo da qua siamo mezzo rovinati. Comunque, detto inter nos a me non può fregar de meno, pure se dovessero rimettere quella sottospecie di uomo nuovamente al comando dell’America un giorno. Cazzi loro!!! Ti saluto. Chiudiamo male la settimana in borsa…. tassi su, borsa giù…
     

    Originariamente inviato da robyuan: Caro naka il bucolico tu pensi ai verdi prati e quel guerrafondaio di biden  ha fatto decollare i bombard ieri cioe oggi in siria. Io mi chiedo mai democratici prendon premi nobel e fanno guerre e il cattivone era sempre trump che ritirava le truppe in europa in siria in afganistan c e o non c è qualcosa di strano?  

    Originariamente inviato da Nakatomy: Vi devo lasciare , la politica mi chiama :)))))) Chiudo con questa frase detta al mio figliolo in questi giorni…. Prega che non succeda mai niente agli Stati Uniti , altrimenti noi due siamo rovinati. Con questa frase dico tutto e niente :))))) La strategia la rivelo solamente a cose fatte :))))))))))))))))))))  

     

     

     

  42. peter pan

      

    Certo! Proprio tu che leggi i libri di storia non sai o non vuoi sapere che è con la minaccia della forza che si ottengono i risultati voluti, cioè tenere le persone al loro posto. La politica di Trump era semplice: I AM FOR ME! America first! Che poi tradotto in italiano antico significa: io sò io e voi non siete un cazzo. Arrangiatevi. Autarchia. Biden non fa altro che continuare la politica precedente dei democratici e quello che ha fatto (fare) significa esattamente quello che fa Israele per sopravvivere o la Cina per imporre le proprie regole, solo che la Cina apre la porta ed è lì, l’America è un po’ più lontana…. Comunque sia, queste sono scaramucce, se cominciamo a fare i paragoni fra Trump e Biden partendo da qua siamo mezzo rovinati. Comunque, detto inter nos a me non può fregar de meno, pure se dovessero rimettere quella sottospecie di uomo nuovamente al comando dell’America un giorno. Cazzi loro!!!
    Ti saluto.
    Chiudiamo male la settimana in borsa…. tassi su, borsa giù…

    Originariamente inviato da robyuan: Caro naka il bucolico tu pensi ai verdi prati e quel guerrafondaio di biden  ha fatto decollare i bombard ieri cioe oggi in siria. Io mi chiedo mai democratici prendon premi nobel e fanno guerre e il cattivone era sempre trump che ritirava le truppe in europa in siria in afganistan c e o non c è qualcosa di strano?
     

    Originariamente inviato da Nakatomy: Vi devo lasciare , la politica mi chiama :)))))) Chiudo con questa frase detta al mio figliolo in questi giorni…. Prega che non succeda mai niente agli Stati Uniti , altrimenti noi due siamo rovinati. Con questa frase dico tutto e niente :))))) La strategia la rivelo solamente a cose fatte :))))))))))))))))))))  

     

     

  43. robyuan

      

    Caro naka il bucolico tu pensi ai verdi prati e quel guerrafondaio di biden  ha fatto decollare i bombard ieri cioe oggi in siria. Io mi chiedo mai democratici prendon premi nobel e fanno guerre e il cattivone era sempre trump che ritirava le truppe in europa in siria in afganistan c e o non c è qualcosa di strano?

    Originariamente inviato da Nakatomy: Vi devo lasciare , la politica mi chiama :)))))) Chiudo con questa frase detta al mio figliolo in questi giorni…. Prega che non succeda mai niente agli Stati Uniti , altrimenti noi due siamo rovinati. Con questa frase dico tutto e niente :))))) La strategia la rivelo solamente a cose fatte :))))))))))))))))))))  

     

  44. Nakatomy

      

    Vi devo lasciare , la politica mi chiama :))))))
    Chiudo con questa frase detta al mio figliolo in questi giorni….
    Prega che non succeda mai niente agli Stati Uniti , altrimenti noi due siamo rovinati.
    Con questa frase dico tutto e niente :)))))
    La strategia la rivelo solamente a cose fatte :))))))))))))))))))))
     

  45. Nakatomy

      

    Diavolo non riesco a postare la foto , versione jpg   mah…
    Si Peter , il rendimento dei bond americani ( corsa al rialzo dei rendimenti “cosi violento”  ) creano disturbo per gli indici azionari,  per ulteriori spazzi di rialzo 
    Io penso che siamo già in una fase di consolidamento dei rendimenti , infatti oggi ritornano a scendere di qualcosina , non sarà molto… 
    però un buon segno per il mercato 
     

  46. peter pan

      

    Xè vero ostrega, ma ga de magnar e ga el fiolo da mantegnir e la siora, e le tasse da pagar, eh! E poi se dise:
    once a trader, always a trader! (una volta che divieni un trader sarai sempre un trader!).
    Vedemo sel risponde….
    Oggi è preponderante la mia vena veneta….. sarà per i tre calicetti de bianco che go già bevù! Tu sei arancione, perciò al massimo un crodino analcolico…. io invece ho bisogno di bere per dimenticare… e infatti mi sono dimenticato di cosa dovevo dimenticare…
    Stamane all’inizio era forte la voglia di prendere profitto (pochissimo) da un paio di piccole scommesse, poi ho deciso di tenere e però mettere degli stop loss. Finora non ho sbagliato….
    A dopo

    Originariamente inviato da robyuan: Peter naka fà le sabbiature  a perdasdefogu cosa vuoi che gliene freghi del mercato azionario.
     

    Originariamente inviato da peter pan: Buongiorno a tutti. Naka, come vedi la situazione? Tassi, è il vero motivo? O ci vedi qualcos’altro? Comunque si parte male, vista l’Asia e N.Y. ieri sera…. PS Se sei già scappato con il malloppo dacci almeno un segno….

     

     

  47. Nakatomy

      

    Peter buondi , eccomi qui 
    sono stato assente nel forum per motivi urgenti che richiedono la mia presenza sul campo  :)))))))))))))))))
    Ho intrapreso una nuova causa contro il governo italiano…
    La sintesi è questa 
    NO ALLE SCORIE RADIOATTIVE IN SARDEGNA 
    ecco dove vogliono portarle nell’isola ,  questo verde non sarà distrutto da Roma.
    sarà dura mobilitare tutti i sardi del posto  , qualche politico della zona incomincia a dire coglionate come questa…
    Ci saranno degli aiuti finanziari per tutti quei comuni che aderiscono al progetto ….   povero fottuto idiota dice Nakatomy     
    Questi terreni devono restare verdi come li vedete in foto , qui ci sono solo pecore che pascolano, si produce latte , noi lo beviamo , noi ne facciamo formaggi & derivati.

  48. robyuan

      

    Peter naka fà le sabbiature  a perdasdefogu cosa vuoi che gliene freghi del mercato azionario.

    Originariamente inviato da peter pan: Buongiorno a tutti. Naka, come vedi la situazione? Tassi, è il vero motivo? O ci vedi qualcos’altro? Comunque si parte male, vista l’Asia e N.Y. ieri sera…. PS Se sei già scappato con il malloppo dacci almeno un segno….

     

  49. peter pan

      

    Buongiorno a tutti.
    Naka, come vedi la situazione? Tassi, è il vero motivo? O ci vedi qualcos’altro?
    Comunque si parte male, vista l’Asia e N.Y. ieri sera….
    PS Se sei già scappato con il malloppo dacci almeno un segno….

  50. Normal

      

    Poi uno ti chiede comemai normal se la prende col sistema regionale federalista che è in vigore in Italia.
    Bah, qualche ragione l’ho elencata nel tempo, un’altra è che… più si fraziona e più ci si ritrova circondati da teste vuote. Onestamente di questi se ne potrebbe fare benissimo a meno.
    Orbene come si potrebbe commentare l’affermazione che, ammalarsi di covid nella scuola per un docente equivale ad un infortunio sul lavoro e di conseguenza queste devono rimanere chiuse ?
    E chi lavora in fabbrica allora se piglia il covid come lo si rtratta ? si chiudon tutte le fabriche ? E chi lavora nei supermercati, magari le cassiere ? E i medici, gli infermieri, le forze dell’ordine ?
    Le commesse dei bar e dei negozzi ? tutto fermo a data da destinarsi ? Piste da sci, parrucchieri estetisti taxisti autisti farmacisti infermieri pompieri giornalisti elettricisti caldaisti panettieri … l’esercito i palombari… no i palombari no, quelli son protetti bene e possono palombare.
    I camerieri quelli che vondono il pellet il cemento i mattoni i chiodi e le viti… le vernici le navi gli aerei i treni gli ospedali … tutti chiuso in attesa di vaccinazione .
    Ma cos’ha la categoria degli insegnanti di differente dal resto dell’umanità ?
    No, ditemelo perchè io davvero davvero… ma sarà più facile gestire una classe di alunni rispetto a tutto il resto ?
    Si lo so… i ragazzi son terribili ! Però anche gli insegnanti son davvero dei figli di buonadonna maremma maiala.
     
    “In base alla nuova ordinanza firmata da Emiliano, dopo che il Tar ha sospeso il precedente provvedimento, fino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi di ogni ordine e grado dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%, riservando la presenza per l’uso di laboratori, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’inclusione degli alunni con disabilità e bisogni educativi speciali.
    Emiliano ha sottolineato che “se riusciamo a rallentare la forza della terza ondata da variante inglese, aumentando le dosi e le persone vaccinate, potremo tutelare moltissime vite e dare una copertura ad una serie di situazioni difficili sulle quali pure bisogna prendere una decisione, e penso innanzitutto alla scuola”.
    O si lascia ai presidenti delle Regioni “solo l’onere di segnalare situazioni di particolare pericolosità; oppure che si decida, sulla scuola, di utilizzare la didattica integrata a distanza in questa fase, perché non farlo sarebbe una omissione di misure di sicurezza sul lavoro estremamente grave e rilevante in caso di incidente sul lavoro. Ed è pacifico che per il personale della scuola contagiarsi corrisponde ad un infortunio sul lavoro”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ai ministri Gelmini e Speranza nel corso di una riunione. ”