Usa: lavoro post-Covid19, forte e imprevisto rialzo occupazione a maggio

La progressiva riapertura dopo la pandemia crea un record di 2,5 milioni di posti e il tasso di senza lavoro scende al 13,3%, numeri che spiazzano gli analisti.

0 363 0
0 363 0

(WSC) NEW YORK – I numeri dei nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti sono stati una sorpresa assolutamente scioccante per la stragrande maggioranza degli analisti. Il tasso di disoccupazione di maggio è sceso al 13,3% contro una crescita prevista a circa il 20%.

Il grafico qui sotto  mostra il cratere economico devastante creato dal coronavirus, anche se 2,5 milioni nuovi posti di lavoro in un mese sono stati aggiunti a maggio, il miglior mese di crescita del lavoro nella storia degli Stati Uniti, ciò è in contrasto con il mese di aprile, che è stato il peggiore mese in termini di perdita di posti di lavoro nella storia degli Stati Uniti.

In base ai numeri, il settore del tempo libero e dell’ospitalità ha guadagnato il maggior numero di posti di lavoro lo scorso mese: 1,2 milioni, dopo aver perso 7,5 milioni ad aprile.

Il settore della pubblica amministrazione ha visto il maggiore calo di posti di lavoro (585.000).

Come leggere le statistiche? Le attività economiche tradizionali non sono riuscite a tenere il passo con la crisi provocata dalla pandemia di coronavirus e hanno reso quasi impossibile per gli analisti determinare lo stato del mercato del lavoro degli Stati Uniti o l’andamento effettivo dell’economia reale.

I dati mostrano che più di 37 milioni di persone hanno richiesto o stanno già ricevendo una qualche forma di sussidio di disoccupazione al 30 maggio, il che significa che il tasso di disoccupazione è in pratica significativamente più alto.

In sostanza, al di là dell’euforia dovuta all’inversione di tendenza, prima di parlare di ripresa a V, secondo gli economisti un ritorno ai tassi pre-pandemici di disoccupazione dovrebbe richiedere molto più tempo.

“Ci vorranno anni, probabilmente un decennio, per tornare a dove eravamo alla fine dell’anno scorso”, ha detto a Reuters Sung Won Sohn, un professore della Loyola Marymount University.

***

L’economia americana è riuscita a sorpresa a creare milioni di posti di lavoro in maggio, sostenuta dalle prime riaperture dell’attività in parte del Paese. Il tasso di disoccupazione è sceso, altrettanto a sorpresa, al 13,3% dal 14,7% del mese precedente.

Sono stati creati, più in dettaglio, 2,5 milioni di impieghi, smentendo previsioni di una perdita di almeno otto milioni di posti. Il guadagno, secondo gli analisti, è stato il più significativo quantomeno dal 1939. Il Dipartimento del Lavoro ha indicato che 2,7 milioni di americani che avevano definito il loro licenziamento temporaneo sono tornati al lavoro a maggio.

Il tasso di disoccupazione è contemporaneamente arretrato da livelli record dal 1948 e probabilmente dalla Grande Depressione degli anni Trenta raggiunti in aprile – nel 1933 era stato stimato al 25 per cento. Gli economisti avevano anticipato una disoccupazione vicina al 20 per cento.

Trump e Wall Street entusiasti

Wall Street ha risposto con significativi rialzi, fin dai future sugli indici prima dell’apertura degli scambi, ai segnali incoraggianti. Nelle iniziali battute di contrattazioni l’S&P 500 ha guadagnato il 2%, il Dow Jones il 2,6% e il Nasdaq l’1 per cento. Il Presidente Donald Trump, che vede le sue chance di rielezione legate strettamente a una riscossa dell’espansione, ha convocato una conferenza stampa per evidenziare i guadagni di maggio. “Al di là di qualunque immaginazione”, ha subito twittato a proposito del dato sul lavoro.

Assunzioni da ristorazione a manifatturiero

Il mese scorso, con dati rilevati attorno a metà maggio, l’occupazione è aumentata in alcuni dei settori che sono stati più colpiti dalla paralisi causata dalla pandemia da coronavirus. Ospitalità e tempo libero hanno generato 1,2 milioni di assunzioni nette, dopo cadute di 7,5 milioni in aprile. La ristorazione ne ha creati 1,4 milioni, reduce da perdite di 6,1 milioni di buste paga nel mese precedente. Le costruzioni hanno generato 464.000 nuove buste paga.

Tag

Scrivi un commento