Tesla entrerà nell’S&P500 tutto in una volta alzando la volatilità

L'analisi di Giuseppe Pascarella - Il produttore di veicoli elettrici fondato da Elon Musk sarà la settima più grande azienda nel benchmark USA, superando il conglomerato di Buffett Berkshire Hathaway.

0 246 0
0 246 0

di Giuseppe Pascarella

(WSC) MILANO – I Tori su Tesla hanno ricevuto un’altra buona notizia lunedì sera. Il brand di auto elettriche più famoso del mondo entrerà nell’S&P500 tutto in una volta il 21 dicembre. Le azioni Tesla sono aumentate nelle contrattazioni after market dopo la notizia. Gli investitori dovrebbero aspettarsi maggiori movimenti dal titolo, un bel sali e scendi nei prossimi giorni.

Date le enormi dimensioni del mercato di Tesla, S&P aveva chiesto una consultazione con gli investitori all’inizio di novembre, chiedendo un feedback sull’opportunità di inserire il titolo nell’indice tutto in una volta o in due parti, il che sarebbe stato senza precedenti. 

Il produttore di veicoli elettrici sarà la settima più grande azienda dell’S&P500 al suo attuale valore di mercato, superando il conglomerato di Buffett Berkshire Hathaway.

Quando entrerà nell’S&P500 Tesla rappresenterà l’1% del valore dell’indice. Ciò significa che ci saranno decine di milioni di azioni da acquistare per i fondi indicizzati. Più ordini di acquisto che ordini di vendita è una delle ragioni per cui i trader di Wall Street sono fiduciosi su un aumento delle azioni. 

Le azioni Tesla sono salite di oltre il 4% nelle contrattazioni post-mercato dopo che lunedì gli indici S&P Dow Jones hanno annunciato il piano in una breve dichiarazione. 

Spesso le azioni aggiunte all’indice calano più del mercato dopo che i fondi indicizzati hanno completato l’acquisto. Di solito la differenza di prestazioni non è così grande. Ma l’aggiunta di Tesla è tutt’altro che normale.

I fondi indicizzati, che seguono l’S&P500, non stanno acquistando azioni Tesla. Il compito di un fondo indicizzato è solo quello di seguire l’S&P500 il più fedelmente possibile. I fondi indicizzati sono attivi pochi giorni dopo che società entrano o escono dall’indice più grande del mondo. Aggiornamento che avviene ogni 3 mese nel giorno 21. 

Infatti Tesla doveva entrare il 21 Settembre del 2020, nella precedente tornata, ma il comitato dell’indice decise di tenerla fuori. Ora le cose sono cambiate e dopo l’annuncio dell’ingresso della società di Musk, il titolo ha continuato a volare sulla scia delle notizie. 

La capitalizzazione di mercato di Tesla è la più grande di qualsiasi altra società al suo debutto nell’S&P500. Berkshire Hathaway in precedenza deteneva quel record. Valeva circa 127 miliardi di dollari quando è stato inclusa nell’indice nel 2010. 

Quest’anno le azioni Tesla sono in rialzo di circa il 580%.

____________________

L’autore

Giuseppe Pascarella è uno dei principali esperti europei di analisi di società quotate in borsa negli Usa, CEO del gruppo PascaProfit e autore del bestseller ‘Battere il benchmark‘, attraverso il quale promuove l’alfabetizzazione finanziaria in Italia.

https://pascaprofit.com/

 

Analisi già pubblicate:

Buffett investe nelle aziende farmaceutiche americane

 

Tag

Scrivi un commento