Il 2017 è il secondo anno più caldo della storia della Terra

Elaborazione Coldiretti su dati Noaa: +0,91 gradi rispetto alla media del 20esimo secolo. In agricoltura perdite per 2 miliardi.

0 1469 2
0 1469 2

Il 2017 è il secondo anno più caldo del pianeta, con la temperatura sulla superficie della terra e degli oceani, addirittura superiore di 0,91 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo. E’ quanto emerge dalle elaborazioni Coldiretti sugli ultimi dati relativi al primo semestre della banca dati Noaa, il National Climatic Data Centre che registra le temperature mondiali dal 1880.

Un risultato determinato dal fatto che – sottolinea la Coldiretti – dall’inizio dell’anno ogni mese si è classificato sul podio del più caldo da 138 anni. Il 2017 si è aperto infatti con il mese di gennaio che si è classificato a livello globale come il terzo più caldo dall’inizio delle rilevazioni con febbraio, marzo, aprile e maggio che si sono invece classificati tutti al secondo posto, mentre giugno è al terzo posto.

Si tratta della conferma della tendenza al surriscaldamento del pianeta dopo che nel ventunesimo le temperature annuali – rileva la Coldiretti – hanno fatto segnare per ben cinque volte il record (2005, 2010, 2014 e 2015 e 2016). Le anomalie, sottolinea l’associazione, sono evidenti anche in Italia dove la primavera 2017, dal punto di vista meteorologico, è stata la seconda più calda dal 1800, con +1,9 gradi ma a giugno lo scarto è stato addirittura di +3,2 gradi, secondo il Cnr.

Se il 2015 è stato in Italia l’anno piu’ bollente della storia dall’inizio delle rilevazioni nel 1800, nella classifica degli anni più caldi in Italia ci sono nell’ordine il 2014, il 2003, il 2016, il 2007, il 2012, 2001, poi il 1994, 2009, 2011 e il 2000.

Gli effetti dell’andamento climatico anomalo di quest’anno, afferma la Coldiretti, si fanno sentire in campagna con circa 2 miliardi di perdite provocate alle coltivazioni e agli allevamenti, tra siccità, incendi e violenti temporali che si sono abbattuti a macchia di leopardo lungo la Penisola. Una fotografia che conferma l’importanza dell’accordo siglato alla Conferenza sul clima di Parigi, ora messo in discussione.

Tag

Scrivi un commento

2 commenti

  1. Avatar

      

     
    Gli studiosi (allarmisti) dell’Onu hanno sbagliato le previsioni sul global warming “solo” del 300 per cento
     
    http://www.tempi.it/global-warming-riscaldamento-globale-ipcc-rapporto-allarmismo-al-gore
     
    Le previsioni degli ultimi decenni erano sovrastimate del 300 per cento e il catastrofismo è stato ridimensionato. Dal 1998 il riscaldamento è fermo
     
    ecc…

     

  2. Avatar

      

     

    Sicuramente Zichichi si sbaglia dicendo che la Scienza non ha nessuna equazione sul clima..!! Basta che telefoni alla Coldiretti ed avra’ l’algoritmo giusto per ogni calcolo..!!
     
    John Bates, scienzato americano della Noaa, organo nato da Presidenti Democratici e molto attenti all’ambiente come Clinton ed Obama,  spara  azero sull’accordo di Parigi e spiega come l’effetto serra serva solo a far investire cifre esorbianti da parte dei governi. Secondo lui il patto raggiunto da Merkel, Obama, Renzi, Hollande e’ basato su notizie sbagliate, volutamente gonfiate, ottenute ricorrendo a parametri liberi e calcoli arbitrari.
     
    Antonio Zichichi intervistato da detto: “ Noi studiosi possiamo dire a stento che tempo fara’ tra 15 gg. figuriamoci fra 100 anni. In nome di quale ragione si pretende di descrivere i futuri scenari della Terrra , e le terapie per salvarla, se ancora i  meccanismi che sorreggono il motore climatico sono irriconoscibili?? Negli ultimi 300 anni le temperature sono aumentate di pochi decimi di grado, 0,3- 0,4, ed e’ ciclico e non dipendono ne’ dalla CO2, ne’ dall’inquinamento.”
     
    “Il terreno perso dai paesi Europei e’ gia’ tanto. Mentre Trump si  e’ rifiutato di votare una equazione inquinamento-clima che non esiste. La stada scelta dagli S.U. li portera’ fra dieci anni ad avere i livelli piu’ bassi d’inquinamento al mondo ed una economia fiorente. L’europa invece combattera’ poco i veleni della produzione agricola ed industriale e si ritrovera’ con una economia a rimorchio della locomotiva Usa.”
     
    Malgrado scienziati come Zichichi e Rubbia abbiano denunciato apertamente la frode del global warming, Boldrini, Bergoglio ed i soliti accoliti del PD continuano a prendere in giro i cittadini con un mostruoso spreco di denaro pubblico e parlando di eco-balle, come se loro avessero le chiavi del metodo scientifico che lo rileva.
     
    La Coldiretti, che ha proposto il divieto del glifosato nelle coltivazioni in Italia, perche’ consente l’import del grano Canadese inquinato dal Round-Up.. ? Non combatte l’inquinamento ? , o solo dove gli conviene..!!
     
    Trump, contro l’accordo di Parigi ha tutelato gli interessi del proprio Paese, per questo ha conto tutte le Lobby, i media, la Merkel & C . Se l’ha capito uno ignorante come lui , allora non e’ difficile…